logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Lo Stato moroso: quando la legge non è uguale per tutti (di Leonardo Johnson Scandola)

“Se entro il 21 settembre paghiamo tutti i cinquanta miliardi di debiti della pubblica amministrazione Bruno Vespa farà un pellegrinaggio a piedi da Firenze al santuario di Monte Senario”.

E’ passato poco più di un anno (la puntata è del 14 marzo 2014) da quando Matteo Renzi, ospite a Porta a Porta, promise solennemente alle imprese creditrici della Pubblica Amministrazione (PA) un pronto rientro dopo anni di pesante morosità.

Tutti sappiamo come andò a finire: nonostante nel biennio 2013-2014 siano stati messi a disposizione quasi cinquantasette miliardi di euro (dati del Ministero dell’economia e delle finanze) alla scadenza del 21 settembre 2014 ne sono stati pagati solo trentadue circa, pari al cinquantasei per cento del totale stanziato.

Resta però una domanda: a quanto ammonta complessivamente il debito della PA? Difficile dirlo con certezza (sic!), ma un indizio verosimile lo ha dato recentemente la Banca d’Italia stimando, nella sua “Relazione annuale sul 2014”, che “il debito commerciale complessivo delle Amministrazioni pubbliche sarebbe diminuito da circa settantacinque miliardi alla fine del 2013 a poco più di settanta alla fine del 2014, segnando una riduzione di circa il cinque per cento. La stima, caratterizzata da un grado di incertezza non trascurabile per la natura campionaria di alcune informazioni, deriva dalla somma di due componenti: a) i debiti commerciali ceduti a intermediari finanziari con clausola pro soluto, rilevati dalle segnalazioni di vigilanza; b) le passività commerciali ancora nei bilanci delle imprese, stimate utilizzando le indagini campionarie sulle imprese condotte dalla Banca d’Italia.” (Relazione annuale sul 2014, Banca d’Italia, p. 107)

Se dallo stock dimensionato dalla Banca d’Italia togliamo dunque quegli 8,4 miliardi di euro che sono stati ceduti a intermediari finanziari con la clausola del pro soluto, lo stock di debito nei confronti delle imprese ammonterebbe a oltre sessantasei miliardi di euro.

Seppure le stime della Banca d’Italia mostrino dunque una riduzione dei debiti commerciali della PA pari a circa il cinque per cento (Relazione annuale sul 2014, Banca d’Italia, p. 108), i dati Eurostat indicano che il debito commerciale della PA in Italia – relativo alla sola spesa corrente ed esclusi i debiti acquisiti da intermediari finanziari con clausola pro soluto – è ad oggi il 3,1% del PIL, il valore più elevato tra i Paesi dell’Unione Europea e più del doppio della media dei ventotto Paesi (“Studio tempi di pagamento della PA a 144 giorni, 92 giorni superiore alla media UE. Debito della PA verso fornitori in calo, ma rimane il più alto d’Europa”, Confartigianato Imprese). 

Nello specifico, nonostante i tempi di pagamento nell'ultimo anno siano scesi di ventuno giorni, Intrum Justitia riferisce che la PA italiana continua a saldare mediamente i propri fornitori dopo ben centoquarantaquattro giorni, paragonati ai trentaquattro giorni medi che si registrano nell’UE. Rispetto ai nostri principali partner economici, basti pensare che la Francia salda le proprie fatture dopo sessantadue giorni, i Paesi Bassi dopo trentadue giorni, la Gran Bretagna in ventiquattro giorni e la Germania dopo soli diciannove giorni.

Eppure, ai sensi del Decreto Legislativo 9 novembre 2012, n. 192 “per l’integrale recepimento della direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali”, a partire dal 1 gennaio 2013 tutte le PA dovrebbero saldare i propri debiti al massimo entro sessanta giorni.

Dovrebbero, per l’appunto.

Un altro segnale che qualcosa non torni nella gestione del rientro dalla grave morosità ce la fornisce lo stesso Governo, direttamente dalla pagina web creata per monitorare il pagamento dei debiti scaduti.

I dati resi disponibili dall’esecutivo sono, ad oggi, ancora aggiornati al 30 gennaio 2015, nonostante proprio il Ministero, nel “Protocollo di impegni pagamento debiti PA” del 21 luglio 2014, si fosse impegnato a “potenziare le attività di monitoraggio, assicurando una costante pubblicizzazione dei risultati conseguiti”.

La verità è che ci troviamo di fronte ad un circolo vizioso dal quale difficilmente si potrà uscire: la PA, allo scopo di garantire il proprio funzionamento, necessariamente continuerà ad acquistare beni e servizi da privati, alimentando così l’ammontare del proprio debito nei confronti delle imprese.

Liquidare i debiti pregressi di per sé non ridurrà affatto l’esposizione della PA, riduzione che si potrebbe raggiungere esclusivamente qualora i nuovi debiti che si creano risultino inferiori a quelli oggetto di liquidazione.

Ne consegue che il ritardo del Governo nel pagamento di questi debiti è costato nel 2014 alle imprese italiane una cifra pari a 6,1 miliardi di euro. Tale stima è stata calcolata dal Centro Studi Impresa Lavoro prendendo come riferimento l’ammontare complessivo dei debiti della nostra PA (così come certificato da Bankitalia), l’andamento della spesa pubblica per l'acquisto di beni e servizi (così come certificato da Eurostat) e il costo medio del capitale che le imprese hanno dovuto sostenere per far fronte al relativo fabbisogno finanziario generato dai mancati pagamenti. Elaborando i dati trimestrali di Bankitalia, il centro studi ha stimato che questo costo aggiuntivo per gli interessi sia stato nel 2014 pari all’8,97% su base annua (in leggero calo rispetto al 9,10% nel 2013).

Tali costi appaiono ancora più pesanti se si considera che, come riportato dalla Cgia di Mestre, in Italia sono ben tre milioni e quattrocentomila – pari al settantasei per cento del totale nazionale – le imprese che soffrono di problemi di liquidità riconducibili al ritardo nei pagamenti e che settecentomila si trovano sul punto di dichiarare il fallimento e di aggiungersi alle oltre ottantamila che lo hanno già fatto. Il cane che si morde la coda, direbbe qualcuno.

“Most, probably, of our decisions to do something positive, the full consequences of which will be drawn out over many days to come, can only be taken as the result of animal spirits — a spontaneous urge to action rather than inaction, and not as the outcome of a weighted average of quantitative benefits multiplied by quantitative probabilities”.

Così scriveva John Maynard Keynes nel 1936, cogliendo intelligentemente che l’economia di un paese è determinata anche da quegli “spiriti animali” che muovono e influenzano l’azione umana.

L’evidente illegalità in cui versa la PA, nella sua incapacità di rispettare i termini di pagamento previsti per legge, unita all’esosa e severa imposizione fiscale in capo alle imprese, non può che determinare un clima di forte sfiducia da parte degli investitori nazionali ed internazionali.

Ecco allora che la ricetta per uscire dalla crisi parte anche da qui, dal ridisegnare un rapporto cittadino-Stato che ad oggi è eccessivamente piegato alle ragioni e alle esigenze del secondo. A nulla serviranno proclami, lotte all’evasione fiscale, riforme del lavoro se prima non si interverrà sulle inefficienze dell’azione amministrativa e giudiziaria, su una spesa pubblica improduttiva che, ad oggi, al posto di stimolare e tutelare le attività economiche finisce addirittura con l’ostacolarne l’azione.

Riuscire a garantire il rispetto dei tempi di pagamento da parte della PA rappresenta dunque una sfida imprescindibile per contribuire alla ripresa economica del paese. Il rischio, al di là delle promesse di pellegrinaggio sui colli fiorentini strappate in diretta tv, è quello di rimanere inghiottiti dal debito pubblico, dalla stagnazione, da una spesa pubblica fuori controllo. A ben vedere, in tal caso, a farne le spese non saranno solo quelle centinaia di migliaia di imprenditori creditori della PA, ma tutti noi.

 (27 novembre 2015)

.

In Evidenza

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

La valutazione delle performance per il miglioramento della regolazione (di Nicolò Di Gaetano)


“Se non si può misurare qualcosa, non si può migliorare”
(Lord Kelvin)

Come recita l’economia classica, in realtà ampiamente contraddetta dai teorici dell‘economia comportamentale con cui è stato di recente vinto un Nobel (Richard Thaler), in un mercato libero perfettamente concorrenziale e senza asimmetrie informative, il consumatore è in grado di poter scegliere il proprio fornitore attraverso la comparazione dei prezzi e della qualità dei beni (o dei servizi) che si accinge a comprare per soddisfare le proprie necessità. In questo mondo perfetto è la concorrenza che induce gli attori del mercato ad un continuo miglioramento delle proprie performance, soprattutto per generare quel profitto che è alla base della propria ragion di essere accanto all’accettabilità sociale e sempre più spesso ambientale che inizia a contraddistinguere alcune realtà più avanzate.

Leggi tutto...

Regolare la complessità del settore idrico (di Elena Gallo)

 

Leggi l'articolo in pdf qui

Leggi tutto...

L’industria dei servizi pubblici. Un dialogo con Stefano Venier (di Simone Lucattini)

Stefano Venier è alla guida di una delle più grandi multiutility italiane, Gruppo Hera, che opera nei settori dell’energia, dell’idrico e dei rifiuti, dovendosi quindi confrontare ogni giorno con diverse strutture di mercato e sistemi di regolazione.

Leggi tutto...

Lo stato delle tasse e delle mance (di Michele Governatori)

Una volta ancora quest’anno, in preparazione alla Legge di Stabilità, è arrivato il voto parlamentare necessario per Costituzione (la quale prevede il principio dell’equilibrio di bilancio) a permettere un deficit dei conti pubblici.

Qual è la strategia politica sottesa, in questa scelta? Quella di uno Stato sempre più esteso nella sua influenza nell’economia, spacciata per lo più come stimolo alla “crescita”, ma che nel contempo si permette di restare inefficace nei settori che invece sicuramente gli attengono, e la cui deficienza altrettanto sicuramente ha effetti negativi sulla crescita, in primis istruzione, giustizia e garanzia di legalità, burocrazia.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA