logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Riflessioni su una campagna elettorale social. La trasparenza negli USA passa oggi dalla community?

di Francesco Laschi

All’alba del 9 novembre l’Italia si è svegliata con la (per molti) sorprendente vittoria di Donald Trump, nuovo presidente USA. Salvo poche eccezioni, i maggiori network e testate d’informazione avevano previsto una schiacciante vittoria di Hillary Clinton. I dati analizzati sui social network mostravano invece un ipotetico vantaggio di Trump (vedi la tabella già pubblicata in F.LASCHI, Le elezioni USA ai tempi dei millennials. La tecnologia protagonista delle presidenziali 2016, in questa Rivista).

Hillary Clinton Donald Trump
Twitter

7,7 M di Followers

10,2 M di Followers
Facebook 4,7 M di Likes 9,9 M di Likes

Trump, insomma, è stato molto più seguito sui social rispetto ad Hillary. Ma quel che maggiormente colpisce è il rapporto tra i followers di Twitter dei due candidati e i loro Grandi Elettori (dati del 9 novembre 2016, ore 09.30). Confrontando i dati abbiamo questi risultati:

10,2 M di followers per Trump/7,7 M di followers per Clinton = 1,32 (arrotondato da 1,324)

306 Grandi Elettori a favore di Trump/ 232 Grandi Elettori a favore di Clinton = 1,32 (arrotondato da 1,318).

I dati mostrano una sorprendente proporzionalità, forse frutto di una maggiore aderenza alla realtà delle tendenze social rispetto a molti sondaggi proposti dalla carta stampata. Per avvalorare la tesi che il numero di follower riflette, almeno tendenzialmente e proporzionalmente, il risultato finale delle elezioni presidenziali si può ricorrere alla geolocalizzazione dei tweet: Ebbene, le zone a maggiore frequenza di tweet sono, per lo più, appannaggio di Donald Trump (la mappa è disponibile su https://www.mapbox.com/labs/twitter-gnip/brands/).

Infatti, dalle mappe si ricava che la parte est degli USA conta un maggior numero di users, mentre, fatta eccezione per la California, l’occidente è meno twitter-addicted. E, appunto, i repubblicani, come noto, hanno conquistato gli stati decisivi, soprattutto ad oriente.

Che sia un caso? Di sicuro, i tradizionali mezzi di informazione sono apparsi assai meno “riflessivi” della realtà. In effetti, la loro eccessiva politicizzazione – reale o percepita che sia – li rende sempre meno capaci di riflettere la mappa del voto e, ancor meno, di spostare quote, anche minime, di elettorato, soprattutto tra i c.d. “indecisi”.

Al contrario, chi scrive sui social media, per quanto magari incompetente o politicamente scorretto, viene percepito come un più oggettivo e neutrale osservatore, almeno dagli altri frequentatori delle arene virtuali: “uno di noi”, non l’èlite dei forbiti giornalisti della carta stampata o della TV.

Trump, del resto, si è dimostrato esperto utilizzatore dei social: particolarmente aggressivo, come in tutta la sua comunicazione politica. La Clinton, invece, ha puntato su una squadra di prim’ordine composta da ottimi professionisti provenienti dalla Silicon Valley. Il risultato, in termini di comunicazione, è stato però un po’ freddo, per quanto tecnicamente ben realizzato. Tutto il contrario di Trump a cui i suoi hanno addirittura dovuto togliere il “giocattolo” di mano, sottraendogli il controllo dei profili Facebook e Twitter, nel timore di qualche ”sparata”, tropo forte anche per uno come The Donald. E anche questa mossa, apparentemente nociva, potrebbe in realtà aver enfatizzato l’autenticità e la spontaneità di @therealdonaldtrump (nickname su Twitter), nel bene e nel male.

Barack Obama – lo ricordiamo – vinse nel 2008 anche grazie all’uso sapiente di Facebook. Lo strumento che i democratici hanno per primi sperimentato gli si è però, un attimo dopo, ritorto contro, in queste elezioni, dove è prevalso un modo di utilizzare Facebook diverso da quello inaugurato da Obama, più disinibito e spregiudicato. In linea con l’estrema semplificazione del linguaggio politico operata da Trump; e tipica di tutti quei politici, partiti o movimenti che mirano ad intercettare i sempre crescenti “voti di pancia”.

Poi il dubbio, come si diceva un tempo, sorge spontaneo: è la politica che, per proprie esigenze, semplifica il linguaggio politico e poi trova nei social il mezzo più adatto per diffondere il suo verbo; o piuttosto il linguaggio politico tende ad una sempre maggiore semplificazione per riuscire a “passare” sui social.

Non semplice.

Forse, in un primo momento la politica ha individuato nei social un efficace strumento per comunicare, attraverso cui raggiungere, in tempo reale, un numero di elettori prima inimmaginabile. Per veicolare i loro messaggi, i politici si sono dovuti però adeguare ad un format prestabilito, ossia quello del social network stesso: ad esempio Twitter permette di pubblicare post di 100 caratteri al massimo, costringendo ad una comunicazione rapida ed essenziale, spesso correlata da elementi multimediali.

In un secondo momento, il giorno d’oggi, sostituendosi in buona parte ai giornali, le community on line, non solo riescono ad informare, ma anche condizionare. Ciò soprattutto perché si contrae la distanza elettore/politico, con cui si può entrare in contatto tramite un semplice tag o commento. E’ un modello seguito anche da Matteo Renzi che ha inaugurato delle sessioni live in cui risponde in diretta alle domande degli utenti della rete, facendosi chiamare amichevolmente “Matteo”.

Insomma, da mero strumento di comunicazione, i social sembrano oggi diventati strumenti di sopravvivenza: il politico deve quindi passare sui social, ma non solo, deve essere in grado di creare trend. E i suoi trend topic devono avere le caratteristiche tipiche dell’intrattenimento, multimedialità, semplicità, attirare l’attenzione, autenticità. Trump ce lo ha insegnato.

 (15.11.2016)

 




In Evidenza

Cross-border electricity interconnections in the Mediterranean basin (di Alessandro Rubino)

Leggi l’articolo in pdf qui

Verso l’adozione del nuovo regolamento ministeriale sugli esponenti bancari: fine di un paradigma ed estensione della vigilanza prudenziale “qualitativa” (di Michele Cossa)

Nel mio precedente articolo su questa Rivista (Esponenti di intermediari bancari: verso un “merito imposto”, dicembre 2016), mi ero soffermato sui vecchi e nuovi poteri delle autorità di vigilanza europee e nazionali sugli esponenti apicali di intermediari bancari, commentando, in uno con il molto discusso removal successivo, anche il giudizio ex ante sull’idoneità del soggetto a ricoprire l’incarico.

Leggi tutto...

Riutilizzo delle acque e servizi ecosistemici: un’analisi critica per una governance più sostenibile (di Francesco Fatone e Andrea Guerrini)

I modelli di governance e di regolazione rappresentano un elemento chiave per incentivare la realizzazione di sistemi di economia circolare all’interno del settore idrico. Sia il recupero di materie e di energia dai fanghi di depurazione, sia il reimpiego dell’acqua trattata per finalità agricole ed industriali, pur essendo prassi virtuose da un punto di vista ambientale, necessitano di un ritorno anche da un punto di vista economico per poter essere attuabili.

Leggi tutto...

Le società miste di gestione di servizi pubblici locali e la diffusione di un modello europeo (di Sandra Antoniazzi)

Sommario1. Le società miste per la gestione di servizi pubblici locali nel Regno Unito, in Francia, Spagna e Germania. - 2. Le società miste nell’ordinamento italiano e l’intricato quadro normativo prima della legge delega 7 agosto 2015, n. 124. - 3. La recente innovazione normativa: l’art. 17 del Decreto Legislativo 19 agosto 2016, n. 175, sulle società a partecipazione mista pubblico-privata. - 4. La società mista come espressione di PPPI e la promozione del modello europeo in un contesto di carenza di risorse finanziarie e organizzative degli enti locali. - 5. Le conclusioni dell’indagine.

Leggi tutto...

Cercando un altro Egitto (a partire dalla regolazione) (di Salvatore Lanza)

Giovedì 14 settembre 2017 Giampaolo Cantini si è insediato in veste di nuovo ambasciatore italiano in Egitto, dopo oltre un anno dalla sua nomina avvenuta nel maggio del 2016 a seguito del ritiro del precedente ambasciatore Maurizio Massari, nominato poi Ambasciatore italiano presso l’Unione europea.

Il ritiro di Massari, deciso dall’allora Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, fu un atto di protesta del governo italiano nei confronti di quello egiziano per la scarsa collaborazione sul caso della morte di Giulio Regeni, in merito alla quale un recente articolo comparso sul New York Times ha sollevato nuovamente il tema delle responsabilità delle agenzie di sicurezza egiziane, gettando ombre anche sui vertici delle istituzioni [1].

Leggi tutto...

Convegno CESIFIN/Il Merito.Pratica per lo sviluppo "Emergenza classe dirigente" - Firenze, 3 novembre 2017

IMG 5694

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

NEL MERITO

IN PRATICA