logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Il coraggio del merito oltre la ricetta dell’ottimo paretiano: la giustizia dell’equivalenza

di Tommaso Paparo

Una regolazione di cambiamento per l’acqua, il gas e l’energia per anticipare risposte, ponderate e di merito, alle istanze di modernità, anche nella regolazione indipendente dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico (AEEGSI) che governa la gestione dei servizi pubblici essenziali a rete: questa, in sintesi, la sfida a cui è chiamata, con coraggio, anche l’AEEGSI nell’assolvere le proprie funzioni, a legislazione primaria invariata, intercettando quelle inequivocabili richieste provenienti da una costituzione sostanziale che anticipa vorticosamente i tempi del decidere, ormai anche nella regolazione di tali servizi.

Produzione e consumi decrescono; ascensore sociale in stallo (se non in discesa), percezioni di disuguaglianze e di diseconomie ingiuste in salita. A fronte di una tale situazione, salgono pertanto le aspettative di uguaglianza, in attuazione del principio fondamentale di cui all’art. 3 della Costituzione. Il difficile equilibrio è riuscire, oggi, ad individuare soluzioni di cambiamento nonostante mezzi, anche economici, invariati, se non addirittura ridotti.

Non è qui la sede per ripercorrere le tappe fondamentali della scienza delle finanze che sorreggono alcune decisioni (macro) economiche ed il ruolo svolto, in passato, dal concetto dell’efficienza paretiana (elaborato dall'economista  Vilfredo Pareto), su cui spesso la regolazione di certi settori si è innegabilmente ispirata o fondata.

Certamente, sono però maturi i tempi per rivedere alcuni canoni decisionali - che costituiscono anche driver strategici per il sostengo all’economica e all’occupazione -  di merito tecnico. Ciò vale anche per l’AEEGSI, affinchè, in futuro, lo scambio tra i protagonisti della regolazione (regolatore e regolati) possa avvenire sempre a condizione che nessuno dei due risulti danneggiato dallo scambio e che entrambi risultino, per quanto realisticamente possibile, avvantaggiati: dal trade-off (situazione che implica una scelta tra due o più possibilità, in cui la perdita di opportunità di una costituisce un ragionevole scambio in favore dell’aumento di valore in un'altra) al win-win (in cui ciascuno dei soggetti coinvolti soddisfa i propri interessi raggiungendo gli obiettivi prefissati, o equivalenti per uguaglianza).

E’ il tempo di una revisione interna del metodo sul merito delle decisioni regolatorie, essendo rimasto invariato (anche per primarie ragioni costituzionali) il limite giurisdizionale di sindacabilità delle scelte operate dalle Autorità indipendenti (è principio consolidato ed accolto che, in tali ambiti, “…l’esercizio della discrezionalità tecnica sia verificabile nel giudizio di legittimità, sotto i profili della coerente applicazione delle regole tecniche, rilevanti per il settore, nonché della corrispondenza degli atti emessi ai dati concreti, in modo logico e non arbitrario; sia l’apprezzamento dei fatti che i profili tecnici, sottostanti al provvedimento, sono quindi censurabili, quando risulti superato il margine oggettivo di opinabilità delle scelte” – cfr., CdS, 6^, sent. n. 2888/2015). In altri termini, non possiamo sempre aspettare che sia il giudice amministrativo a dire l’ultima parola sulle più rilevanti e delicate questioni economiche aperte nel nostro Paese. 

Superare, con revisione interna, il margine (apparente) di opinabilità delle scelte, per introdurre risposte oggettive, anche per equivalenza, ad istanze soggettive (del mercato, degli operatori economici, degli utenti) è, dunque, la nuova scommessa di merito che, ragionevolmente, ci attendiamo da tutte le istituzioni: non ultima anche l’AEEGSI, in considerazione del ruolo strategico, e sociale, che acqua, gas ed energia giocano nello sviluppo economico di una nazione. In tempi di crisi, infatti, la pretesa di certezza che le imprese e i cittadini rivolgono verso il pubblico potere diviene ancora più forte; si tratta di una sfida che le istituzioni debbono raccogliere e cercare in ogni modo di vincere. E’, del resto, questa una sfida possibile, essendo maturo il tempo di anticipare e di andare oltre le ricette del passato, per elaborare e costruire, insieme, tecniche di gioco alternative ed equivalenti, non già radicali, di ricomposizione e sintesi degli interessi per uguaglianza (il principio di uguaglianza deve essere il vettore) di tutti gli attori, compresa la stessa Autorità. Cambiarsi da sé è sempre l’opzione più viva ed attuale che segna la capacità di camminare di pari passo con il cambiamento generato dal merito (e con le ragioni di merito del cambiamento).  Se, come detto, il quadro economico generale non lascia intravedere segnali di crescita “rampante”, è gioco forza riallocare le risorse in termini di uguaglianza per dare una percezione generale di miglioramento del benessere collettivo; è necessario che di ciò tengano conto tutti gli attori istituzionali. Certezza per i mercati e uguaglianza sostanziale dovrebbero, in questa difficile fase, costituire i principi-guida dell’azione futura. Anche questo è merito. 

(23 giugno 2016)

In Evidenza

Cross-border electricity interconnections in the Mediterranean basin (di Alessandro Rubino)

Leggi l’articolo in pdf qui

Verso l’adozione del nuovo regolamento ministeriale sugli esponenti bancari: fine di un paradigma ed estensione della vigilanza prudenziale “qualitativa” (di Michele Cossa)

Nel mio precedente articolo su questa Rivista (Esponenti di intermediari bancari: verso un “merito imposto”, dicembre 2016), mi ero soffermato sui vecchi e nuovi poteri delle autorità di vigilanza europee e nazionali sugli esponenti apicali di intermediari bancari, commentando, in uno con il molto discusso removal successivo, anche il giudizio ex ante sull’idoneità del soggetto a ricoprire l’incarico.

Leggi tutto...

Riutilizzo delle acque e servizi ecosistemici: un’analisi critica per una governance più sostenibile (di Francesco Fatone e Andrea Guerrini)

I modelli di governance e di regolazione rappresentano un elemento chiave per incentivare la realizzazione di sistemi di economia circolare all’interno del settore idrico. Sia il recupero di materie e di energia dai fanghi di depurazione, sia il reimpiego dell’acqua trattata per finalità agricole ed industriali, pur essendo prassi virtuose da un punto di vista ambientale, necessitano di un ritorno anche da un punto di vista economico per poter essere attuabili.

Leggi tutto...

Le società miste di gestione di servizi pubblici locali e la diffusione di un modello europeo (di Sandra Antoniazzi)

Sommario1. Le società miste per la gestione di servizi pubblici locali nel Regno Unito, in Francia, Spagna e Germania. - 2. Le società miste nell’ordinamento italiano e l’intricato quadro normativo prima della legge delega 7 agosto 2015, n. 124. - 3. La recente innovazione normativa: l’art. 17 del Decreto Legislativo 19 agosto 2016, n. 175, sulle società a partecipazione mista pubblico-privata. - 4. La società mista come espressione di PPPI e la promozione del modello europeo in un contesto di carenza di risorse finanziarie e organizzative degli enti locali. - 5. Le conclusioni dell’indagine.

Leggi tutto...

Cercando un altro Egitto (a partire dalla regolazione) (di Salvatore Lanza)

Giovedì 14 settembre 2017 Giampaolo Cantini si è insediato in veste di nuovo ambasciatore italiano in Egitto, dopo oltre un anno dalla sua nomina avvenuta nel maggio del 2016 a seguito del ritiro del precedente ambasciatore Maurizio Massari, nominato poi Ambasciatore italiano presso l’Unione europea.

Il ritiro di Massari, deciso dall’allora Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, fu un atto di protesta del governo italiano nei confronti di quello egiziano per la scarsa collaborazione sul caso della morte di Giulio Regeni, in merito alla quale un recente articolo comparso sul New York Times ha sollevato nuovamente il tema delle responsabilità delle agenzie di sicurezza egiziane, gettando ombre anche sui vertici delle istituzioni [1].

Leggi tutto...

Convegno CESIFIN/Il Merito.Pratica per lo sviluppo "Emergenza classe dirigente" - Firenze, 3 novembre 2017

IMG 5694

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

NEL MERITO

IN PRATICA