logo il merito

home paralax 00

Il coraggio del merito oltre la ricetta dell’ottimo paretiano: la giustizia dell’equivalenza

di Tommaso Paparo

Una regolazione di cambiamento per l’acqua, il gas e l’energia per anticipare risposte, ponderate e di merito, alle istanze di modernità, anche nella regolazione indipendente dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico (AEEGSI) che governa la gestione dei servizi pubblici essenziali a rete: questa, in sintesi, la sfida a cui è chiamata, con coraggio, anche l’AEEGSI nell’assolvere le proprie funzioni, a legislazione primaria invariata, intercettando quelle inequivocabili richieste provenienti da una costituzione sostanziale che anticipa vorticosamente i tempi del decidere, ormai anche nella regolazione di tali servizi.

Produzione e consumi decrescono; ascensore sociale in stallo (se non in discesa), percezioni di disuguaglianze e di diseconomie ingiuste in salita. A fronte di una tale situazione, salgono pertanto le aspettative di uguaglianza, in attuazione del principio fondamentale di cui all’art. 3 della Costituzione. Il difficile equilibrio è riuscire, oggi, ad individuare soluzioni di cambiamento nonostante mezzi, anche economici, invariati, se non addirittura ridotti.

Non è qui la sede per ripercorrere le tappe fondamentali della scienza delle finanze che sorreggono alcune decisioni (macro) economiche ed il ruolo svolto, in passato, dal concetto dell’efficienza paretiana (elaborato dall'economista  Vilfredo Pareto), su cui spesso la regolazione di certi settori si è innegabilmente ispirata o fondata.

Certamente, sono però maturi i tempi per rivedere alcuni canoni decisionali - che costituiscono anche driver strategici per il sostengo all’economica e all’occupazione -  di merito tecnico. Ciò vale anche per l’AEEGSI, affinchè, in futuro, lo scambio tra i protagonisti della regolazione (regolatore e regolati) possa avvenire sempre a condizione che nessuno dei due risulti danneggiato dallo scambio e che entrambi risultino, per quanto realisticamente possibile, avvantaggiati: dal trade-off (situazione che implica una scelta tra due o più possibilità, in cui la perdita di opportunità di una costituisce un ragionevole scambio in favore dell’aumento di valore in un'altra) al win-win (in cui ciascuno dei soggetti coinvolti soddisfa i propri interessi raggiungendo gli obiettivi prefissati, o equivalenti per uguaglianza).

E’ il tempo di una revisione interna del metodo sul merito delle decisioni regolatorie, essendo rimasto invariato (anche per primarie ragioni costituzionali) il limite giurisdizionale di sindacabilità delle scelte operate dalle Autorità indipendenti (è principio consolidato ed accolto che, in tali ambiti, “…l’esercizio della discrezionalità tecnica sia verificabile nel giudizio di legittimità, sotto i profili della coerente applicazione delle regole tecniche, rilevanti per il settore, nonché della corrispondenza degli atti emessi ai dati concreti, in modo logico e non arbitrario; sia l’apprezzamento dei fatti che i profili tecnici, sottostanti al provvedimento, sono quindi censurabili, quando risulti superato il margine oggettivo di opinabilità delle scelte” – cfr., CdS, 6^, sent. n. 2888/2015). In altri termini, non possiamo sempre aspettare che sia il giudice amministrativo a dire l’ultima parola sulle più rilevanti e delicate questioni economiche aperte nel nostro Paese. 

Superare, con revisione interna, il margine (apparente) di opinabilità delle scelte, per introdurre risposte oggettive, anche per equivalenza, ad istanze soggettive (del mercato, degli operatori economici, degli utenti) è, dunque, la nuova scommessa di merito che, ragionevolmente, ci attendiamo da tutte le istituzioni: non ultima anche l’AEEGSI, in considerazione del ruolo strategico, e sociale, che acqua, gas ed energia giocano nello sviluppo economico di una nazione. In tempi di crisi, infatti, la pretesa di certezza che le imprese e i cittadini rivolgono verso il pubblico potere diviene ancora più forte; si tratta di una sfida che le istituzioni debbono raccogliere e cercare in ogni modo di vincere. E’, del resto, questa una sfida possibile, essendo maturo il tempo di anticipare e di andare oltre le ricette del passato, per elaborare e costruire, insieme, tecniche di gioco alternative ed equivalenti, non già radicali, di ricomposizione e sintesi degli interessi per uguaglianza (il principio di uguaglianza deve essere il vettore) di tutti gli attori, compresa la stessa Autorità. Cambiarsi da sé è sempre l’opzione più viva ed attuale che segna la capacità di camminare di pari passo con il cambiamento generato dal merito (e con le ragioni di merito del cambiamento).  Se, come detto, il quadro economico generale non lascia intravedere segnali di crescita “rampante”, è gioco forza riallocare le risorse in termini di uguaglianza per dare una percezione generale di miglioramento del benessere collettivo; è necessario che di ciò tengano conto tutti gli attori istituzionali. Certezza per i mercati e uguaglianza sostanziale dovrebbero, in questa difficile fase, costituire i principi-guida dell’azione futura. Anche questo è merito. 

(23 giugno 2016)

In Evidenza

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

L’importanza della giustizia amministrativa (di Sergio Fidanzia)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

Oltrepassamento della regolazione. Il nuovo paradigma dei servizi pubblici locali (di Simone Lucattini)

Il nuovo volto delle società pubbliche che erogano servizi d’interesse economico generale può essere osservato anche da una prospettiva per così dire "esterna" rispetto a quella che si concentra sulle deroghe al diritto delle società, sull’estensione a tali società delle discipline sull’attività amministrativa, sulla disciplina applicabile ai dipendenti e sui regimi societari: la prospettiva della regolazione ad opera di autorità amministrative indipendenti. Regolazione che costituisce una presenza condizionante, in grado di incidere sugli assetti e sulle linee d’azione delle società a partecipazione pubblica erogatrici di servizi pubblici a livello locale (acqua, rifiuti, trasporti). Di riflesso, a contatto con il mondo dei servizi pubblici locali e delle partecipate (oggetto di discipline inscindibili destinate a intersecarsi), il paradigma classico della regolazione sembra mutare, evolversi, facendo registrare scostamenti, alterazioni, variazioni di accenti e tonalità.

Leggi tutto...

Magistrati e separazione delle carriere. A proposito di una recente proposta (di Vincenzo Mancini)

 Affrontare un argomento, quale quello della separazione delle carriere dei giudici, richiede molta accortezza e umiltà per la complessità delle questioni in campo e la sensibilità (anche politica) del tema. Per cui è anche necessario essere liberi da  gabbie  ideologiche e condizionamenti di sorta. Operazione mai semplice - per nessuno - ma che voglio comunque tentare.

Leggi tutto...

Francia e Italia: modelli amministrativi a confronto. Un colloquio con Frédéric Puigserver (Conseil d’État) (di Simone Lucattini)

Ho incontrato Frédéric Puigserver, giovane componente del Conseil d’État e allievo dell’École nationale d’administration (ENA), in un recente seminario senese sulla giustizia amministrativa in Francia e Gran Bretagna. Ne è seguita una lunga "chiaccherata" su amministrazione e giustizia, presidenziali francesi, Europa; sullo sfondo delle vie di Siena, tra il Duomo e il Palazzo Pubblico, dove risplende l’affresco del Buono e del Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti… Di lì a poco si sarebbe celebrato il secondo turno delle presidenziali, con la vittoria di Macron.

Leggi tutto...

Valori e disvalori del lavoro: è giusta la meritocrazia? (di José Angel Lombo)

Che il Papa Francesco fosse specialmente sensibile alla realtà concreta e più specificamente al mondo dei lavoratori, era realtà ormai conosciuta. E che fosse persona diretta che non ama troppo i giri di parole, non era nascosto a nessuno. Ma nella sua recente visita allo stabilimento Ilva, durante il viaggio a Genova, ha puntato il dito verso una questione molto più profonda delle condizioni esistenziali - già di per sé drammatiche - dei lavoratori metalmeccanici.

Il contesto era particolarmente interessante ed emblematico, dal momento che contava sulla presenza di imprenditori, rappresentanti sindacali, impiegati e anche di persone disoccupate. In un certo senso si poteva considerare un campione dell’intera società italiana (e non solo).

Leggi tutto...

Un Game of Thrones in salsa saudita (di Fabio Nicolucci)

Da anni è ormai in atto una dura "guerra di successione" al trono in Arabia Saudita. E’ di qualche giorno fa la decisione del re Salman (81 anni) di saltare la linea di successione (tracciata d’accordo con il precedente re, suo fratello Abdallah) e di nominare al posto del Principe ereditario Mohammed bin Nayaf (57 anni) direttamente il proprio figlio Mohammed bin Salman (31). Una sorta di "golpe bianco", soprattutto per la discontinuità generazionale.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA