logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Canone RAI in bolletta: diminuisce la capacitazione del cliente finale e si aggrava il rischio credito per i venditori.

(di Francesco Piron)

Morosità nel mercato retail dell’energia elettrica e Bolletta 2.0.: un lungo percorso regolamentare a favore dei clienti finali e degli esercenti la vendita che rischia una battuta d’arresto con la recente approvazione della legge di Stabilità. Tutti gli effetti perversi del canone RAI in bolletta.

 Il tema della morosità nel mercato retail dell’energia elettrica (ma lo stesso si potrebbe dire per i mercati del gas naturale, dei servizi idrici integrati, della telefonia ecc.) e la conseguente esigenza di tutela del credito sono sempre più all’attenzione degli esercenti la vendita di energia elettrica per i significativi effetti sulla loro gestione finanziaria e sui processi gestionali.

Sino a qualche anno fa la regolazione in materia era quasi esclusivamente volta alla tutela del consumatore ed alla promozione della concorrenza; non erano contemplati, di converso, a favore degli esercenti la vendita adeguati strumenti per contrastare i casi divenuti sempre più frequenti di morosità (complice anche la congiuntura economica), aggravati dal fenomeno, del pari in forte crescita, del c.d. “turismo energetico”. Ossia il comportamento di alcuni clienti finali che non pagando le ultime bollette, in vista del contestuale passaggio ad altro fornitore (switching), costringono il vecchio fornitore di energia a non disporre più di strumenti efficaci (ad es. la sospensione della fornitura) per tutelare il proprio credito, tenuto anche conto della circostanza che, nella maggior parte dei casi, gli importi insoluti sono tali da non giustificare il ricorso alla tutela giudiziaria.

Più di recente invero si è preso coscienza che prevenire il rischio di morosità ha lo scopo fondamentale di rendere più efficiente il mercato riducendo gli oneri di gestione del credito, apportando un beneficio a tutti gli operatori e, in particolare, ai clienti finali del servizio stesso, anche per l’incidenza che il rischio morosità ha nella determinazione del prezzo di mercato della fornitura di quel determinato servizio. Già nella consultazione avviata l’anno scorso con il DCO 477/2014/R/COM l’Autorità per l’energia elettrica, e il gas ed il sistema idrico rileva che il fenomeno della morosità ha “un impatto potenzialmente rilevante sui prezzi pagati dai clienti finali per le forniture di energia elettrica e di gas naturale”. In particolare la morosità nei mercati retail dell’energia determina sia un aumento indiretto di componenti presenti in bolletta previste per socializzare il credito di fornitori istituzionali sia un incremento sempre maggiore degli oneri finanziari e di gestione a carico delle società di vendita con conseguente ricadute sulla determinazione del prezzo offerto.

Più di recente, l’aggravarsi del fenomeno della morosità nel mercato elettrico - complice la congiuntura economica - hanno portato il regolatore di settore (l’Autorità per l’energia, appunto) ad introdurre, altresì, una specifica normativa confluita in un apposito testo integrato: Testo Integrato Morosità Elettrica – TIMOE, Allegato A alla deliberazione 258/2015/R/com (come del resto era già avvenuto a cominciare dal 2011 per il gas naturale con il Testo Integrato Morosità Gas – TIMG, Allegato A alladeliberazione ARG/gas 99/11).

Dopo un percorso iniziato già da diversi anni, la regolazione, ad oggi, sembra pertanto perseguire concretamente degli obiettivi importanti: tutelare i clienti in effettivo stato di difficoltà economica, evitando la sospensione della fornitura, ma allo stesso tempo, limitando i comportamenti opportunistici di alcuni di essi. Inoltre, i provvedimenti regolatori in materia stabiliscono sia misure a favore degli esercenti la vendita nel caso di morosità reiterata, sia una revisione della procedura di switching nel settore del gas naturale, al fine di ridurne le tempistiche e di responsabilizzare i distributori.

Più in generale si può affermare quindi che la riforma regolatoria in atto sul tema morosità (seppure non ancora del tutto completata) rappresenti, complessivamente, il frutto di un equo bilanciamento tra le varie istanze ma che soprattutto possa potenzialmente contenere il crescere del tasso della morosità.

In questo delicato scenario, ecco che  il 22 dicembre scorso l’Assemblea del Senato ha approvato, con 162 voti favorevoli e 125 contrari, il disegno di legge di stabilità 2016, sul quale il Governo aveva posto la questione di fiducia, e che contiene la contestatissima previsione  che introduce l’addebito del canone RAI nelle bollette per le forniture di energia elettrica (da pagarsi in dieci rate). In questo modo, gli esercenti la vendita assumono anche la veste di esattori per lo Stato e, peraltro, “gratis et amore Dei”. Con l’unica nota positiva che la  nuova previsione di legge ha quantomeno escluso alcuna forma di anticipazione a carico delle imprese elettriche. Ciò significa che, a differenza di quanto avviene con le componenti tariffarie (es. per il dispacciamento e trasporto dell’energia elettrica) che vengono anticipate dal venditore a prescindere dall’effettivo saldo da parte del cliente finale destinatario della fornitura di energia, l’esercente la vendita non è tenuto a versare all’erario il canone RAI non pagato da parte del consumatore.

Come assolutamente prevedibile, gli effetti di una simile previsione porteranno molteplici effetti negativi per gli esercenti la vendita di energia elettrica ma – il che è ancor più grave –  per gli stessi utenti finali (!).

Anzitutto, l’aumento esponenziale e patologico della morosità, come dimostrato da recenti esperienze in ambito europeo. L’idea del canone in bolletta è, infatti, già stato sperimentato da qualche tempo, ad esempio in Grecia, con un risultato catastrofico. Circa due milioni di clienti sono attualmente morosi e rischiano di vedersi tagliata l'elettricità e il credito dell’azienda elettrica statale nei confronti delle famiglie greche è superiore ai 2 miliardi di euro (!). Nell’ingenua aspettativa, che sarebbe aumentata la compliance sul pagamento del canone televisivo, è accaduto invece che una fetta consistente della popolazione si è resa morosa non solo sul canone ma anche sui consumi di energia fatturati in bolletta.

A ciò si aggiunga, specie nella prospettiva degli esercenti la vendita, il sicuro profilarsi – senza adeguata “copertura” o riconoscimento economico da parte della regolazione – di nuovi e pesanti oneri a carico di tali società. Si pensi, a titolo esemplificativo e non esaustivo, all’inevitabile incremento  dell’attività di back office e di interfaccia con il cliente finale; all’esigenza di assumere nuove risorse dedicate alla gestione del credito; alle complicazioni gestionali legate alla gestione dei RID che dovrebbero essere programmati per importi diversi a seconda che la bolletta/fatturazione periodica comprenda o meno la rata del canone (con conseguente ovvio incremento delle revoche delle domiciliazioni, con  danni  conseguenti); all’incremento dell’attività di gestione delle rendicontazioni esterne relative ai canoni non pagati dai clienti finali.

Tutto ciò accade, oltretutto, in un delicata fase in cui, da un lato, si impongono nuovi ed onerosi adempimenti a carico degli esercenti la vendita per rendere la bolletta più chiara e comprensibile  agli utenti finali (il riferimento è alla recente riforma regolatoria nota come “Bolletta 2.0.”) mentre, dall’altro, si delinea un percorso per il superamento della maggior tutela scommettendo su di un’effettiva competizione nei mercati retail tra operatori e su di una capacitazione del cliente finale.

Il regolatore conscio che oramai la previsione del disegno di legge “Stabilità” sull’inserimento del canone RAI in bolletta era cosa praticamente fatta, molto di recente è intervenuto con un’apposita delibera, la n. 610 del 2015. Tale provvedimento prevede che gli importi del canone RAI dovranno essere indicati in bolletta separatamente, nella voce “canone di abbonamento RAI”; che i clienti del servizio di fornitura di energia elettrica siano informati circa i mesi cui si riferiscono le rate addebitate e che, nella prima bolletta in cui verrà inserito il canone, sia contenuta una apposita comunicazione informativa.

Ora, seppure è apprezzabile il tentativo del regolatore di minimizzare al massimo le nefaste conseguenze dell’introduzione del canone in bolletta sui pilastri della riforma della bolletta, ossia la intellegibilità e la trasparenza della fattura energetica (entrambi quest’ultimi fondamentali per la tanto sbandierata esigenza di capacitazione del consumatore), è assolutamente ragionevole prevedere che il sovraccarico in bolletta di informazioni che nulla hanno a che spartire con il consumo di energia elettrica aumenterà significativamente la difficoltà di comprensione della bolletta per l’utente finale. A ciò si aggiunga che l’alternanza di bollette, alcune che includono il canone e altre no, aumenteranno esponenzialmente le difficoltà per il consumatore finale nel calcolare la relazione consumi/importi fatturati.

Ma ancor peggio, è più che probabile che l’anticipazione periodica delle spese per il canone RAI possa influenzare negativamente la disponibilità marginale a pagare, da parte degli utenti finali, alcuni servizi aggiuntivi offerti dagli esercenti la vendita. E’ possibile ad esempio che un utente finale, a fronte del maggiore esborso periodico per il canone RAI, possa decidere di rinunciare a servizi ulteriori assolutamente innovativi e utili come il monitoraggio dei propri consumi e altri connessi a interventi di efficienza energetica.

Ecco,  alla luce di un tale scenario  ci si chiede se il nostro legislatore  abbia svolto la dovuta analisi costi-benefici, necessaria per un intervenire in un ambito così delicato e già regolamentato (senza poche difficoltà) dall’Autorità di settore.  La risposta a tale retorico interrogativo sta in quanto fin qui detto. 

  (27 gennaio 2016)

  

In Evidenza

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

La valutazione delle performance per il miglioramento della regolazione (di Nicolò Di Gaetano)


“Se non si può misurare qualcosa, non si può migliorare”
(Lord Kelvin)

Come recita l’economia classica, in realtà ampiamente contraddetta dai teorici dell‘economia comportamentale con cui è stato di recente vinto un Nobel (Richard Thaler), in un mercato libero perfettamente concorrenziale e senza asimmetrie informative, il consumatore è in grado di poter scegliere il proprio fornitore attraverso la comparazione dei prezzi e della qualità dei beni (o dei servizi) che si accinge a comprare per soddisfare le proprie necessità. In questo mondo perfetto è la concorrenza che induce gli attori del mercato ad un continuo miglioramento delle proprie performance, soprattutto per generare quel profitto che è alla base della propria ragion di essere accanto all’accettabilità sociale e sempre più spesso ambientale che inizia a contraddistinguere alcune realtà più avanzate.

Leggi tutto...

Regolare la complessità del settore idrico (di Elena Gallo)

 

Leggi l'articolo in pdf qui

Leggi tutto...

L’industria dei servizi pubblici. Un dialogo con Stefano Venier (di Simone Lucattini)

Stefano Venier è alla guida di una delle più grandi multiutility italiane, Gruppo Hera, che opera nei settori dell’energia, dell’idrico e dei rifiuti, dovendosi quindi confrontare ogni giorno con diverse strutture di mercato e sistemi di regolazione.

Leggi tutto...

Lo stato delle tasse e delle mance (di Michele Governatori)

Una volta ancora quest’anno, in preparazione alla Legge di Stabilità, è arrivato il voto parlamentare necessario per Costituzione (la quale prevede il principio dell’equilibrio di bilancio) a permettere un deficit dei conti pubblici.

Qual è la strategia politica sottesa, in questa scelta? Quella di uno Stato sempre più esteso nella sua influenza nell’economia, spacciata per lo più come stimolo alla “crescita”, ma che nel contempo si permette di restare inefficace nei settori che invece sicuramente gli attengono, e la cui deficienza altrettanto sicuramente ha effetti negativi sulla crescita, in primis istruzione, giustizia e garanzia di legalità, burocrazia.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA