logo il merito

home paralax 00

Qatar. La vera questione è il gas (di Fabio Nicolucci)

Nemmeno in tempi di fake news può risultare credibile il motivo addotto da Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Bahrein per una rottura con il Qatar talmente netta da sembrare quasi un blocco navale ed un embargo di guerra. E non tanto perché non sia credibile l’accusa al Qatar di “sostenere il terrorismo”, quanto perché – per quanto riguarda l’Isis e Al-Qa’ida e il jihadismo, mentre diversa è la questione della Fratellanza Mussulmana – questo sostegno non ha mai diviso le due parti. Anzi, molto spesso le ha unite. Dietro questa rottura si proietta dunque l’ombra di uno scontro tra Arabia Saudita e Qatar che non ha tanto i contorni del simbolo dell’Isis quanto quelli di un barile di petrolio – anzi, più precisamente, di gas naturale liquefatto (Lng) – e di una poltrona. Se si guarda infatti al Golfo attraverso la lente degli idrocarburi, la lite non è nè improvvisa nè inspiegabile, ma  solo la conseguenza  di  settimane di tensione tra il Qatar e l’Arabia Saudita, con i suoi alleati del Consiglio di Cooperazione del Golfo (Ccg), che avrebbe dovuto  essere la “Nato del Golfo” ed è invece oggi percorso da una larga crepa. Tensioni non nuove che si sono acutizzate improvvisamente dal 3 aprile scorso, quando il Qatar ha dichiarato che avrebbe ripreso la produzione nel suo enorme giacimento di gas denominato “North Field”, interrompendo una moratoria nelle estrazioni che durava dal 2005 Il North Field, il più grande giacimento di gas naturale del mondo, è in comune con l’Iran. Il giacimento infatti si estende dal Qatar – penisola dell’Arabia, di cui è propaggine – sotto le acque del Golfo fino a toccare le coste iraniane. La moratoria del 2005 fu decisa dal Qatar per preservare le proprie riserve, in tempi di vacche grasse. Negli ultimi tempi però il Qatar ha speso molto – in attività di politica estera e di acquisizioni estere, di cui molte in Italia – e vede con crescente preoccupazione i movimenti dell’Iran che ha stretto nel novembre scorso un accordo con Total, ricominciando lo sfruttamento intensivo del giacimento. Il rischio è che, senza la tecnologia e il controllo qatariota,  si danneggi l’intero prezioso e gigantesco giacimento,  fonte di tutta la sua produzione di gas e di circa il 60% dei proventi dell’export del Quatar. Del resto, proprio questo comune sottosuolo costringe Qatar e Iran a rapporti civili e di reciproca convenienza. E ciò ci porta alla seconda questione, quella più politica della poltrona.

 

La poltrona è quella di leader del Ccg, e dunque del sunnismo arabo. La crisi attuale del medioriente di oggi assomiglia infatti politicamente ad una cipolla. Una guerra è dentro l’altra. Semplificando, dentro quella tra sunniti e sciiti che si combatte tra Iran e Arabia Saudita per procura nello Yemen e in Siria e nelle zone sunnite in Iraq, ve ne è un’altra. Quella tra sunniti, per la leadership di questa parte del campo. Questa battaglia si combatte tra Qatar e Arabia Saudita. Finora il Qatar aveva con successo adottato la tattica di Mohammed Alì, di pungere e danzare. Ospitava la base aerea Usa Al-Udeid – la maggiore della regione – e, allo stesso, tempo era vicino all’Iran. Che combatteva però sostenendo i ribelli di Ahrar As-Shams in Siria contro Assad e la repressione dei ribelli sciiti huti in Yemen. Era sostenitore della Fratellanza Mussulmana e di Hamas, e dunque avversario di Egitto e Arabia Saudita, ma con quest’ultima condivide il wahhabismo e pure il sostegno almeno iniziale alla sua emanazione jihadista di Al-Qa’ida e poi Isis.

Ma oggi la tattica del “pungere e danzare” non pare poter più funzionare. Trump, con  il suo recente viaggio in Arabia Saudita,  ha accantonato le diffidenze dell’amministrazione Obama verso il sunnismo radicale saudita. In questa ottica   il primo problema è l’Iran e non più il jihadismo. Un’occasione d’oro per il regno di Ibn Saud, che ha visto una insperata occasione per tentare di buttare fuori strada l’ardito sfidante alla leadership sunnita. Un po’ meno per noi occidentali, che vediamo derubricata a preoccupazione secondaria la lotta all’Isis e la ricerca di un equilibrio politico tra sciiti e sunniti che ne costituisce il necessario complemento.

(12 giugno 2017)

In Evidenza

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

L’importanza della giustizia amministrativa (di Sergio Fidanzia)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

Oltrepassamento della regolazione. Il nuovo paradigma dei servizi pubblici locali (di Simone Lucattini)

Il nuovo volto delle società pubbliche che erogano servizi d’interesse economico generale può essere osservato anche da una prospettiva per così dire "esterna" rispetto a quella che si concentra sulle deroghe al diritto delle società, sull’estensione a tali società delle discipline sull’attività amministrativa, sulla disciplina applicabile ai dipendenti e sui regimi societari: la prospettiva della regolazione ad opera di autorità amministrative indipendenti. Regolazione che costituisce una presenza condizionante, in grado di incidere sugli assetti e sulle linee d’azione delle società a partecipazione pubblica erogatrici di servizi pubblici a livello locale (acqua, rifiuti, trasporti). Di riflesso, a contatto con il mondo dei servizi pubblici locali e delle partecipate (oggetto di discipline inscindibili destinate a intersecarsi), il paradigma classico della regolazione sembra mutare, evolversi, facendo registrare scostamenti, alterazioni, variazioni di accenti e tonalità.

Leggi tutto...

Magistrati e separazione delle carriere. A proposito di una recente proposta (di Vincenzo Mancini)

 Affrontare un argomento, quale quello della separazione delle carriere dei giudici, richiede molta accortezza e umiltà per la complessità delle questioni in campo e la sensibilità (anche politica) del tema. Per cui è anche necessario essere liberi da  gabbie  ideologiche e condizionamenti di sorta. Operazione mai semplice - per nessuno - ma che voglio comunque tentare.

Leggi tutto...

Francia e Italia: modelli amministrativi a confronto. Un colloquio con Frédéric Puigserver (Conseil d’État) (di Simone Lucattini)

Ho incontrato Frédéric Puigserver, giovane componente del Conseil d’État e allievo dell’École nationale d’administration (ENA), in un recente seminario senese sulla giustizia amministrativa in Francia e Gran Bretagna. Ne è seguita una lunga "chiaccherata" su amministrazione e giustizia, presidenziali francesi, Europa; sullo sfondo delle vie di Siena, tra il Duomo e il Palazzo Pubblico, dove risplende l’affresco del Buono e del Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti… Di lì a poco si sarebbe celebrato il secondo turno delle presidenziali, con la vittoria di Macron.

Leggi tutto...

Valori e disvalori del lavoro: è giusta la meritocrazia? (di José Angel Lombo)

Che il Papa Francesco fosse specialmente sensibile alla realtà concreta e più specificamente al mondo dei lavoratori, era realtà ormai conosciuta. E che fosse persona diretta che non ama troppo i giri di parole, non era nascosto a nessuno. Ma nella sua recente visita allo stabilimento Ilva, durante il viaggio a Genova, ha puntato il dito verso una questione molto più profonda delle condizioni esistenziali - già di per sé drammatiche - dei lavoratori metalmeccanici.

Il contesto era particolarmente interessante ed emblematico, dal momento che contava sulla presenza di imprenditori, rappresentanti sindacali, impiegati e anche di persone disoccupate. In un certo senso si poteva considerare un campione dell’intera società italiana (e non solo).

Leggi tutto...

Un Game of Thrones in salsa saudita (di Fabio Nicolucci)

Da anni è ormai in atto una dura "guerra di successione" al trono in Arabia Saudita. E’ di qualche giorno fa la decisione del re Salman (81 anni) di saltare la linea di successione (tracciata d’accordo con il precedente re, suo fratello Abdallah) e di nominare al posto del Principe ereditario Mohammed bin Nayaf (57 anni) direttamente il proprio figlio Mohammed bin Salman (31). Una sorta di "golpe bianco", soprattutto per la discontinuità generazionale.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA