logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Qatar. La vera questione è il gas (di Fabio Nicolucci)

Nemmeno in tempi di fake news può risultare credibile il motivo addotto da Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Bahrein per una rottura con il Qatar talmente netta da sembrare quasi un blocco navale ed un embargo di guerra. E non tanto perché non sia credibile l’accusa al Qatar di “sostenere il terrorismo”, quanto perché – per quanto riguarda l’Isis e Al-Qa’ida e il jihadismo, mentre diversa è la questione della Fratellanza Mussulmana – questo sostegno non ha mai diviso le due parti. Anzi, molto spesso le ha unite. Dietro questa rottura si proietta dunque l’ombra di uno scontro tra Arabia Saudita e Qatar che non ha tanto i contorni del simbolo dell’Isis quanto quelli di un barile di petrolio – anzi, più precisamente, di gas naturale liquefatto (Lng) – e di una poltrona. Se si guarda infatti al Golfo attraverso la lente degli idrocarburi, la lite non è nè improvvisa nè inspiegabile, ma  solo la conseguenza  di  settimane di tensione tra il Qatar e l’Arabia Saudita, con i suoi alleati del Consiglio di Cooperazione del Golfo (Ccg), che avrebbe dovuto  essere la “Nato del Golfo” ed è invece oggi percorso da una larga crepa. Tensioni non nuove che si sono acutizzate improvvisamente dal 3 aprile scorso, quando il Qatar ha dichiarato che avrebbe ripreso la produzione nel suo enorme giacimento di gas denominato “North Field”, interrompendo una moratoria nelle estrazioni che durava dal 2005 Il North Field, il più grande giacimento di gas naturale del mondo, è in comune con l’Iran. Il giacimento infatti si estende dal Qatar – penisola dell’Arabia, di cui è propaggine – sotto le acque del Golfo fino a toccare le coste iraniane. La moratoria del 2005 fu decisa dal Qatar per preservare le proprie riserve, in tempi di vacche grasse. Negli ultimi tempi però il Qatar ha speso molto – in attività di politica estera e di acquisizioni estere, di cui molte in Italia – e vede con crescente preoccupazione i movimenti dell’Iran che ha stretto nel novembre scorso un accordo con Total, ricominciando lo sfruttamento intensivo del giacimento. Il rischio è che, senza la tecnologia e il controllo qatariota,  si danneggi l’intero prezioso e gigantesco giacimento,  fonte di tutta la sua produzione di gas e di circa il 60% dei proventi dell’export del Quatar. Del resto, proprio questo comune sottosuolo costringe Qatar e Iran a rapporti civili e di reciproca convenienza. E ciò ci porta alla seconda questione, quella più politica della poltrona.

 

La poltrona è quella di leader del Ccg, e dunque del sunnismo arabo. La crisi attuale del medioriente di oggi assomiglia infatti politicamente ad una cipolla. Una guerra è dentro l’altra. Semplificando, dentro quella tra sunniti e sciiti che si combatte tra Iran e Arabia Saudita per procura nello Yemen e in Siria e nelle zone sunnite in Iraq, ve ne è un’altra. Quella tra sunniti, per la leadership di questa parte del campo. Questa battaglia si combatte tra Qatar e Arabia Saudita. Finora il Qatar aveva con successo adottato la tattica di Mohammed Alì, di pungere e danzare. Ospitava la base aerea Usa Al-Udeid – la maggiore della regione – e, allo stesso, tempo era vicino all’Iran. Che combatteva però sostenendo i ribelli di Ahrar As-Shams in Siria contro Assad e la repressione dei ribelli sciiti huti in Yemen. Era sostenitore della Fratellanza Mussulmana e di Hamas, e dunque avversario di Egitto e Arabia Saudita, ma con quest’ultima condivide il wahhabismo e pure il sostegno almeno iniziale alla sua emanazione jihadista di Al-Qa’ida e poi Isis.

Ma oggi la tattica del “pungere e danzare” non pare poter più funzionare. Trump, con  il suo recente viaggio in Arabia Saudita,  ha accantonato le diffidenze dell’amministrazione Obama verso il sunnismo radicale saudita. In questa ottica   il primo problema è l’Iran e non più il jihadismo. Un’occasione d’oro per il regno di Ibn Saud, che ha visto una insperata occasione per tentare di buttare fuori strada l’ardito sfidante alla leadership sunnita. Un po’ meno per noi occidentali, che vediamo derubricata a preoccupazione secondaria la lotta all’Isis e la ricerca di un equilibrio politico tra sciiti e sunniti che ne costituisce il necessario complemento.

(12 giugno 2017)

In Evidenza

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

La valutazione delle performance per il miglioramento della regolazione (di Nicolò Di Gaetano)


“Se non si può misurare qualcosa, non si può migliorare”
(Lord Kelvin)

Come recita l’economia classica, in realtà ampiamente contraddetta dai teorici dell‘economia comportamentale con cui è stato di recente vinto un Nobel (Richard Thaler), in un mercato libero perfettamente concorrenziale e senza asimmetrie informative, il consumatore è in grado di poter scegliere il proprio fornitore attraverso la comparazione dei prezzi e della qualità dei beni (o dei servizi) che si accinge a comprare per soddisfare le proprie necessità. In questo mondo perfetto è la concorrenza che induce gli attori del mercato ad un continuo miglioramento delle proprie performance, soprattutto per generare quel profitto che è alla base della propria ragion di essere accanto all’accettabilità sociale e sempre più spesso ambientale che inizia a contraddistinguere alcune realtà più avanzate.

Leggi tutto...

Regolare la complessità del settore idrico (di Elena Gallo)

 

Leggi l'articolo in pdf qui

Leggi tutto...

L’industria dei servizi pubblici. Un dialogo con Stefano Venier (di Simone Lucattini)

Stefano Venier è alla guida di una delle più grandi multiutility italiane, Gruppo Hera, che opera nei settori dell’energia, dell’idrico e dei rifiuti, dovendosi quindi confrontare ogni giorno con diverse strutture di mercato e sistemi di regolazione.

Leggi tutto...

Lo stato delle tasse e delle mance (di Michele Governatori)

Una volta ancora quest’anno, in preparazione alla Legge di Stabilità, è arrivato il voto parlamentare necessario per Costituzione (la quale prevede il principio dell’equilibrio di bilancio) a permettere un deficit dei conti pubblici.

Qual è la strategia politica sottesa, in questa scelta? Quella di uno Stato sempre più esteso nella sua influenza nell’economia, spacciata per lo più come stimolo alla “crescita”, ma che nel contempo si permette di restare inefficace nei settori che invece sicuramente gli attengono, e la cui deficienza altrettanto sicuramente ha effetti negativi sulla crescita, in primis istruzione, giustizia e garanzia di legalità, burocrazia.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA