logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Qatar. La vera questione è il gas (di Fabio Nicolucci)

Nemmeno in tempi di fake news può risultare credibile il motivo addotto da Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Bahrein per una rottura con il Qatar talmente netta da sembrare quasi un blocco navale ed un embargo di guerra. E non tanto perché non sia credibile l’accusa al Qatar di “sostenere il terrorismo”, quanto perché – per quanto riguarda l’Isis e Al-Qa’ida e il jihadismo, mentre diversa è la questione della Fratellanza Mussulmana – questo sostegno non ha mai diviso le due parti. Anzi, molto spesso le ha unite. Dietro questa rottura si proietta dunque l’ombra di uno scontro tra Arabia Saudita e Qatar che non ha tanto i contorni del simbolo dell’Isis quanto quelli di un barile di petrolio – anzi, più precisamente, di gas naturale liquefatto (Lng) – e di una poltrona. Se si guarda infatti al Golfo attraverso la lente degli idrocarburi, la lite non è nè improvvisa nè inspiegabile, ma  solo la conseguenza  di  settimane di tensione tra il Qatar e l’Arabia Saudita, con i suoi alleati del Consiglio di Cooperazione del Golfo (Ccg), che avrebbe dovuto  essere la “Nato del Golfo” ed è invece oggi percorso da una larga crepa. Tensioni non nuove che si sono acutizzate improvvisamente dal 3 aprile scorso, quando il Qatar ha dichiarato che avrebbe ripreso la produzione nel suo enorme giacimento di gas denominato “North Field”, interrompendo una moratoria nelle estrazioni che durava dal 2005 Il North Field, il più grande giacimento di gas naturale del mondo, è in comune con l’Iran. Il giacimento infatti si estende dal Qatar – penisola dell’Arabia, di cui è propaggine – sotto le acque del Golfo fino a toccare le coste iraniane. La moratoria del 2005 fu decisa dal Qatar per preservare le proprie riserve, in tempi di vacche grasse. Negli ultimi tempi però il Qatar ha speso molto – in attività di politica estera e di acquisizioni estere, di cui molte in Italia – e vede con crescente preoccupazione i movimenti dell’Iran che ha stretto nel novembre scorso un accordo con Total, ricominciando lo sfruttamento intensivo del giacimento. Il rischio è che, senza la tecnologia e il controllo qatariota,  si danneggi l’intero prezioso e gigantesco giacimento,  fonte di tutta la sua produzione di gas e di circa il 60% dei proventi dell’export del Quatar. Del resto, proprio questo comune sottosuolo costringe Qatar e Iran a rapporti civili e di reciproca convenienza. E ciò ci porta alla seconda questione, quella più politica della poltrona.

 

La poltrona è quella di leader del Ccg, e dunque del sunnismo arabo. La crisi attuale del medioriente di oggi assomiglia infatti politicamente ad una cipolla. Una guerra è dentro l’altra. Semplificando, dentro quella tra sunniti e sciiti che si combatte tra Iran e Arabia Saudita per procura nello Yemen e in Siria e nelle zone sunnite in Iraq, ve ne è un’altra. Quella tra sunniti, per la leadership di questa parte del campo. Questa battaglia si combatte tra Qatar e Arabia Saudita. Finora il Qatar aveva con successo adottato la tattica di Mohammed Alì, di pungere e danzare. Ospitava la base aerea Usa Al-Udeid – la maggiore della regione – e, allo stesso, tempo era vicino all’Iran. Che combatteva però sostenendo i ribelli di Ahrar As-Shams in Siria contro Assad e la repressione dei ribelli sciiti huti in Yemen. Era sostenitore della Fratellanza Mussulmana e di Hamas, e dunque avversario di Egitto e Arabia Saudita, ma con quest’ultima condivide il wahhabismo e pure il sostegno almeno iniziale alla sua emanazione jihadista di Al-Qa’ida e poi Isis.

Ma oggi la tattica del “pungere e danzare” non pare poter più funzionare. Trump, con  il suo recente viaggio in Arabia Saudita,  ha accantonato le diffidenze dell’amministrazione Obama verso il sunnismo radicale saudita. In questa ottica   il primo problema è l’Iran e non più il jihadismo. Un’occasione d’oro per il regno di Ibn Saud, che ha visto una insperata occasione per tentare di buttare fuori strada l’ardito sfidante alla leadership sunnita. Un po’ meno per noi occidentali, che vediamo derubricata a preoccupazione secondaria la lotta all’Isis e la ricerca di un equilibrio politico tra sciiti e sunniti che ne costituisce il necessario complemento.

(12 giugno 2017)

In Evidenza

Cross-border electricity interconnections in the Mediterranean basin (di Alessandro Rubino)

Leggi l’articolo in pdf qui

Verso l’adozione del nuovo regolamento ministeriale sugli esponenti bancari: fine di un paradigma ed estensione della vigilanza prudenziale “qualitativa” (di Michele Cossa)

Nel mio precedente articolo su questa Rivista (Esponenti di intermediari bancari: verso un “merito imposto”, dicembre 2016), mi ero soffermato sui vecchi e nuovi poteri delle autorità di vigilanza europee e nazionali sugli esponenti apicali di intermediari bancari, commentando, in uno con il molto discusso removal successivo, anche il giudizio ex ante sull’idoneità del soggetto a ricoprire l’incarico.

Leggi tutto...

Riutilizzo delle acque e servizi ecosistemici: un’analisi critica per una governance più sostenibile (di Francesco Fatone e Andrea Guerrini)

I modelli di governance e di regolazione rappresentano un elemento chiave per incentivare la realizzazione di sistemi di economia circolare all’interno del settore idrico. Sia il recupero di materie e di energia dai fanghi di depurazione, sia il reimpiego dell’acqua trattata per finalità agricole ed industriali, pur essendo prassi virtuose da un punto di vista ambientale, necessitano di un ritorno anche da un punto di vista economico per poter essere attuabili.

Leggi tutto...

Le società miste di gestione di servizi pubblici locali e la diffusione di un modello europeo (di Sandra Antoniazzi)

Sommario1. Le società miste per la gestione di servizi pubblici locali nel Regno Unito, in Francia, Spagna e Germania. - 2. Le società miste nell’ordinamento italiano e l’intricato quadro normativo prima della legge delega 7 agosto 2015, n. 124. - 3. La recente innovazione normativa: l’art. 17 del Decreto Legislativo 19 agosto 2016, n. 175, sulle società a partecipazione mista pubblico-privata. - 4. La società mista come espressione di PPPI e la promozione del modello europeo in un contesto di carenza di risorse finanziarie e organizzative degli enti locali. - 5. Le conclusioni dell’indagine.

Leggi tutto...

Cercando un altro Egitto (a partire dalla regolazione) (di Salvatore Lanza)

Giovedì 14 settembre 2017 Giampaolo Cantini si è insediato in veste di nuovo ambasciatore italiano in Egitto, dopo oltre un anno dalla sua nomina avvenuta nel maggio del 2016 a seguito del ritiro del precedente ambasciatore Maurizio Massari, nominato poi Ambasciatore italiano presso l’Unione europea.

Il ritiro di Massari, deciso dall’allora Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, fu un atto di protesta del governo italiano nei confronti di quello egiziano per la scarsa collaborazione sul caso della morte di Giulio Regeni, in merito alla quale un recente articolo comparso sul New York Times ha sollevato nuovamente il tema delle responsabilità delle agenzie di sicurezza egiziane, gettando ombre anche sui vertici delle istituzioni [1].

Leggi tutto...

Convegno CESIFIN/Il Merito.Pratica per lo sviluppo "Emergenza classe dirigente" - Firenze, 3 novembre 2017

IMG 5694

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

NEL MERITO

IN PRATICA