logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

USA e Israele al tempo di Trump (di Fabio Nicolucci)

Mentre continua in Israele la lotta sul futuro del sionismo - con la destra al potere che oramai da quasi un ventennio cerca di smantellare il sionismo umanista e socialista di Ben Gurion su cui è stato edificato lo Stato d’Israele per imporne uno identitario e etnico - gli occhi di analisti, spettatori e attori sono ora tutti rivolti verso l’America. Ciò che è valido per tutto l’Occidente è infatti tanto più valido in Israele: ciò che succede nel centro della comune civiltà ha effetti sistemici non solo per la direzione e l’ethos della civiltà occidentale nel suo insieme, ma anche effetti nella politica interna delle singole società nazionali occidentali.

 

Per questo il rapporto con il presidente Usa è per il premier israeliano in carica un test impegnativo e significativo. I rapporti tra Usa ed Israele sono infatti, al di là di ogni immaginabile folclore per un oggetto ancora non identificato - almeno nelle linee di politica estera - qual è il neo Presidente Trump, materia serissima delle relazioni internazionali, e cruciale in quelle del campo occidentale. Lo sono perché nel dossier dei rapporti bilaterali vi è per forza di cose anche quello assai spinoso della situazione del popolo palestinese, oltre a quelli regionali del terrorismo jihadista - e della guerra all’ISIS - e del rapporto con l’Iran.

L’elezione di Trump è stata frettolosamente salutata dalla destra ebraica ora al governo di Israele con salve di giubilo e con speranze e auguri di durata. In particolare, per la sua visione del medioriente e del rapporto con l’Iran. Qui del resto si gioca da venti anni in occidente la partita identitaria sul “chi siamo”. Ed ora Trump sembra poter interrompere la narrativa tutta politica di Obama, per tornare alla visione neocon dell’Iran come nemico esistenziale e non avversario negoziale, e dell’Islam come religione “nemica”. Un ritorno desiderato dalla destra occidentale, perché lo sviluppo di un’identità collettiva ha un suo primo cruciale passaggio relazionandosi ad un “gruppo negativo” esterno capace di generare per contrasto i primi nuovi legami di solidarietà interni, e dell’Iran e dell’Islam come nemici esistenziali di cui la destra occidentale ha bisogno. L’auspicio infatti è quello di poter tornare all’agenda neoconservatrice post- 11 settembre di George W. Bush, che in una visione neo-imperiale degli Usa moralisticamente divideva il mondo in “buoni” e “cattivi”, oppure in “luce” e “tenebre” secondo la terminologia del suo vero ispiratore Benjamin Netanyahu. In tale ottica il terrorismo jihadista globale nasceva nelle tenebre dell’Islam, e l’unico rimedio era esportare la nostra democrazia, perché radice del male erano gli “stati canaglia” - specie se mussulmani - e non gli stati “falliti”. Il velleitarismo e il dogmatismo di tale agenda, soprattutto in Iraq, ha però finito per estenuare gli Usa, e il popolo americano, che nel 2008 gli ha votato contro, scegliendo il candidato che più chiaramente si era opposto non “alla” guerra bensì a “quella” guerra. Su questo terreno il nuovo pragmatismo obamiano del “contagement” - engagement con attori che da nemici esistenziali ritornavano ad essere avversari negoziali, come l’Iran, e containement degli avversari con cui non era possibile negoziare, come gli islamisti radicali - aveva colto il successo periodizzante proprio dell’accordo sul nucleare con l’Iran.

Oggi quella Presidenza esce di scena senza eredi, e per la destra israeliana pare dunque riaprirsi un maggiore spazio internazionale. E di conseguenza anche la possibilità di avanzare con maggior decisione e forza sulla strada di un sionismo illiberale ed etnico, di cui sono espressione svariate leggi e disegni di legge approvati o in discussione alla Knesset. Essa però rischia di essere delusa. E non solo o non tanto perché il Trump Presidente ha dei condizionamenti statuali - basti pensare alla faida contro di lui alimentata dall’intelligence Usa sui rapporti con la Russia di Putin - che il candidato Trump in libertà non aveva, e che si sono cominciati a manifestare con l’avvertimento a sorpresa in conferenza stampa a Netanyahu di esercitare moderazione e autocontrollo sugli insediamenti in Cisgiordania. Quanto piuttosto per ragioni più strutturali. Mentre infatti nel periodo tra l’11 settembre e la vittoria di Obama nel 2008 Netanyahu ha espresso una visione del mondo così organica e convincente per la destra occidentale di fronte al terrorismo globale da farne il suo capo, oggi con Trump potrebbe non essere più così. Con Bush coincidevano infatti sia la visione dei rapporti con l’Altro - una dottrina “morale” della lotta al terrorismo che faceva perno sull’antislamismo e sullo scontro tra civiltà - sia la visione di sé, della propria identità occidentale, costruita su un avvincente e vincente mix di fiducia nei propri assoluti valori di libertà e della loro esportazione. Insomma, un’identità “neo-imperiale” per l’occidente - con a capo gli Usa - che dichiarava la propria autostima e grandezza rispetto al mondo esterno. Con Trump le cose rischiano di cambiare. Perché con il neo Presidente Usa senz’altro coincidono le rispettive visioni dell’Altro come nemico esistenziale - di cui la concezione dell’Iran come irriducibile alla Politica e al negoziato e dunque infine quasi “diabolico” è figura retorica emblematica - e vigoroso appare l’antislamismo moraleggiante di entrambi. Ed anche dopo le dimissioni di Flynn le cose non appaiono per il momento molto cambiate. Divergente sembra però la visione della propria identità occidentale. Mentre infatti Netanyahu è ancora legato ad un liberismo in politica economica che fa il pari con una visione politica dove la libertà è anche libertaria, Trump è invece il sintomo dell’avanzare in politica interna (e commerciale) di un’altra destra rispetto a quella di Bush. E’ una destra razzista, suprematista bianca, isolazionista. Una destra che vede nello Stratega Capo Steve Bannon il suo rappresentante di maggior spicco. Questa destra ha in odio il tollerante multiculturalismo obamiano, ed anche l’indifferenza razziale di G.W Bush. Una destra che adesso realisticamente non nega la crisi e il declino (relativo) degli Usa nel nuovo secolo, come facevano i neoconservatori, ma propone di reagire a questo declino isolandosi. Non rilanciando il ruolo degli Usa quali mediatori e non più risolutori dei conflitti, come Obama. Bensì alzando muri. Anche all’interno. Ma se ciò può andar bene per la maggioranza relativa bianca, come può andar bene per una minoranza pur prestigiosa come quella ebraica negli Usa? E se la Diaspora anche europea dovesse avvertire brividi di freddo lungo la schiena all’ennesimo segnale di razzismo o disinteresse, implicito - come la non citazione specifica della sofferenza della Shoà nel giorno della Memoria da parte di Trump - o esplicito - come nel blocco dei profughi perché provenienti da paesi di una specifica religione - potrà il governo di Israele prescinderne?

 

In Evidenza

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

La valutazione delle performance per il miglioramento della regolazione (di Nicolò Di Gaetano)


“Se non si può misurare qualcosa, non si può migliorare”
(Lord Kelvin)

Come recita l’economia classica, in realtà ampiamente contraddetta dai teorici dell‘economia comportamentale con cui è stato di recente vinto un Nobel (Richard Thaler), in un mercato libero perfettamente concorrenziale e senza asimmetrie informative, il consumatore è in grado di poter scegliere il proprio fornitore attraverso la comparazione dei prezzi e della qualità dei beni (o dei servizi) che si accinge a comprare per soddisfare le proprie necessità. In questo mondo perfetto è la concorrenza che induce gli attori del mercato ad un continuo miglioramento delle proprie performance, soprattutto per generare quel profitto che è alla base della propria ragion di essere accanto all’accettabilità sociale e sempre più spesso ambientale che inizia a contraddistinguere alcune realtà più avanzate.

Leggi tutto...

Regolare la complessità del settore idrico (di Elena Gallo)

 

Leggi l'articolo in pdf qui

Leggi tutto...

L’industria dei servizi pubblici. Un dialogo con Stefano Venier (di Simone Lucattini)

Stefano Venier è alla guida di una delle più grandi multiutility italiane, Gruppo Hera, che opera nei settori dell’energia, dell’idrico e dei rifiuti, dovendosi quindi confrontare ogni giorno con diverse strutture di mercato e sistemi di regolazione.

Leggi tutto...

Lo stato delle tasse e delle mance (di Michele Governatori)

Una volta ancora quest’anno, in preparazione alla Legge di Stabilità, è arrivato il voto parlamentare necessario per Costituzione (la quale prevede il principio dell’equilibrio di bilancio) a permettere un deficit dei conti pubblici.

Qual è la strategia politica sottesa, in questa scelta? Quella di uno Stato sempre più esteso nella sua influenza nell’economia, spacciata per lo più come stimolo alla “crescita”, ma che nel contempo si permette di restare inefficace nei settori che invece sicuramente gli attengono, e la cui deficienza altrettanto sicuramente ha effetti negativi sulla crescita, in primis istruzione, giustizia e garanzia di legalità, burocrazia.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA