logo il merito

home paralax 00

A dieci giorni da Brexit: in attesa di una tempesta perfetta?

di Stefano Borghi

1.E Brexit fu

Chi lo avrebbe mai detto, che avremmo assistito anche all’uscita del Regno Unito dall’Unione europea.

Oltre al caos che questo storico evento ha immediatamente generato sui mercati e nelle cancellerie europee, anche la stessa composizione del voto ha evidenziato una profonda spaccatura generazionale e geopolitica.

Dal punto di vista generazionale: gli under 25 si sono espressi con un chiaro 73% per rimanere nell’Unione, mentre, dal punto di vista geografico,sia la Scozia chel’Irlanda del Nord si sono espresse nettamente per il “remain”.

Anche la reazione del mercato non si è fatta attendere e la giornata di venerdì 24 giugnoverrà ricordata come una delle più nere della storia. Niente di cui meravigliarsi: quello che si apre è uno degli scenari più “confusi” che l’economia continentale si potesse aspettare. Fare previsioni su quello che può accadere costituisce un vero azzardo viste le variabili ipotizzabili, peraltro spesso interdipendenti l’una dall’altra.

Dal punto di vista strettamente finanziario quello che è avvenuto, nell’immediato e nei giorni successivi a Brexit, è stato un crollo drammatico dell’aggregato bancario che ha condizionato fortemente il nostro mercato domestico, con titoli che in questo momento sono quotati a livelli veramente bassi, e che ancora non sembrano aver toccato il punto di ripartenza.

Nonostante questi livelli di mercato, la possibilità che ci sia un aggravamento della crisi nel prossimo futuro è forte ed è legata alle decisioni che gli attori coinvolti assumeranno per stabilizzare il quadro geopolitico.

Il Regno Unito dovrebbe pagare il conto più salato in quanto la Banca d’Inghilterra si troverà a dover stabilizzare le turbolenze del proprio mercato interno e gestire una sterlina che perderà, inevitabilmente, di valore, aggravando il costo delle importazioni che si ripercuoterà sugli utili aziendali e i relativi livelli occupazionali.Questi potenziali effettisono allo studio delle società di rating, che hanno prontamente rivisto a ribasso l’Outlook sul debito del Regno Unito; passaggio, questo, che anticipa  l’abbassamento del rating stesso del Paese.

Come dicevamo anche la situazione politica è tutt’altro che chiara; quello che si apre ora è una lunga e complessa fase di negoziato fra UK e UE e, al momento, non è chiaro chi, come e in che tempi lo gestirà, da entrambe le parti. Il risultato del negoziato e i susseguenti accordi commerciali che verranno siglati, saranno poi fondamentali per capire come nel medio periodo potrà evolversi la situazione e i costi che si dovranno sostenere per la situazione che si è venuta a creare.

Peraltro, l’Unione europea ha tutto l’interesse a evidenziare l’errore commesso dal Regno Unito e, quindi, vorrà fornire all’opinione pubblica, anche dell’Unione, elementi tangibili tesi a dimostrare quanto questa scelta abbia negativamente inciso sulle tasche dei cittadini UK.

Altro capitolo fondamentale per gli equilibri finanziari continentali è l’inevitabile spostamento del baricentro finanziario europeo, fino ad oggi saldamente fissato a Londra. La scelta della sua nuova ubicazione non sarà ovviamente soltanto logistica, mapotrà fornire importanti indicazioni sul futuro della stessa Unione europea e sul suo nuovo baricentro.

2. E l’Italia …

Quasi inutile sottolineare la delicatezza del momento anche in Italia. Già il risultato delle elezioni amministrative tenutesi nelle principali città, sommato ad una situazione bancaria “un po’ ingarbugliata” (eufemismo), non aiutano certo a tranquillizzare chi prova a fare business nel nostro Paese.

Proprio in questi giorni, del resto, sulla scia della Brexit, il nostro governo sta spingendo per una modifica della disciplina bancaria europea al fine di disporre di maggior margine di manovra nel consolidare il capitale di banche che, a causa di sciagurate gestioni manageriali unite ad un contesto di recessione generalizzato, rischiano – parliamoci chiaro – il default, con i connessi costi per i cittadini e questo alimenterebbe ulteriormente il fuoco della protesta contro l’Unione europea che però, a dirla tutta, in tema di banche non è forse la prima a dover salire sul banco degli imputati.

Comunque sia, il nostro governo ha proposto di rivedere le regole sull “Bail-in” e la possibilità di un intervento diretto, attraverso la Cassa Depositi e Prestiti, nel capitale delle banche in difficoltà: sotto certi punti di vista una riedizione dei Monti Bond. Ma Bruxelles e la stessa Germania sembra essere freddi sull’argomento. L’estate e l’autunno si annunciano, invece, davvero caldi: il periodo estivo, da sempre, porta ad un incremento degli sbarchi dai Paesi nordafricani; poi, a ottobre, il referendum costituzionale potrebbe ulteriormente indebolire la stabilità politica del nostro Paese, con effetti economici non trascurabili, come evidenziato da Confindustria in un recente studio che sta facendo molto discutere a livello politico.

In questo quadro complessivo, si inseriscono i rapporti commerciali Italia/Regno Unito. Nel2015 il valore delle esportazioni italiane ammontava a 22,5 miliardi di euro (valore salito del 7,6% rispetto all’anno precedente e costantemente in crescita negli ultimi anni); l’avanzo commerciale nei confronti del Regno Unito si è invece attestato a quasi 12 miliardi di euro (quasi il doppio di quello registrato nel 2011). In dettaglio, i prodotti più esportati nel 2015 sono stati macchinari industriali, autoveicoli, abbigliamento, calzature, mobili e preparati farmaceutici: le esportazioni, in questi settori, hanno segnato forti trend di crescita negli ultimi anni e, anche nella prima parte del 2016, si sono confermati assai forti. In generale, il Regno Unito impatta per circa il 5.5% sul valore del nostro export; considerate anche le difficoltà che stiamo incontrando su altri mercati importanti, primo fra tutti quellorusso è fuori di dubbio che la situazione debba essere attentamente monitorata e gestita.

Provando a trarre alcune (davvero provvisorie) conclusioni, cosa ci riserva il futuro?

Sicuramente tutta questa instabilità si ripercuoterà sui mercati, che subiranno una forte volatilità. I risparmiatori non potranno, insomma, dormire sonni tranquilli; pensando a cosa è, a quanto è interconnessa, la globalizzazione finanziaria pare infatti difficile immaginare che non vi siano ulteriori conseguenze di Brexit.

Speriamo che a pagare il conto non siano, ancora una volta, le nuove generazioni; quelle che al sogno europeo (anche nel Regno Unito) continuano a credere.

 (5 luglio 2016)

In Evidenza

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

L’importanza della giustizia amministrativa (di Sergio Fidanzia)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

Oltrepassamento della regolazione. Il nuovo paradigma dei servizi pubblici locali (di Simone Lucattini)

Il nuovo volto delle società pubbliche che erogano servizi d’interesse economico generale può essere osservato anche da una prospettiva per così dire "esterna" rispetto a quella che si concentra sulle deroghe al diritto delle società, sull’estensione a tali società delle discipline sull’attività amministrativa, sulla disciplina applicabile ai dipendenti e sui regimi societari: la prospettiva della regolazione ad opera di autorità amministrative indipendenti. Regolazione che costituisce una presenza condizionante, in grado di incidere sugli assetti e sulle linee d’azione delle società a partecipazione pubblica erogatrici di servizi pubblici a livello locale (acqua, rifiuti, trasporti). Di riflesso, a contatto con il mondo dei servizi pubblici locali e delle partecipate (oggetto di discipline inscindibili destinate a intersecarsi), il paradigma classico della regolazione sembra mutare, evolversi, facendo registrare scostamenti, alterazioni, variazioni di accenti e tonalità.

Leggi tutto...

Magistrati e separazione delle carriere. A proposito di una recente proposta (di Vincenzo Mancini)

 Affrontare un argomento, quale quello della separazione delle carriere dei giudici, richiede molta accortezza e umiltà per la complessità delle questioni in campo e la sensibilità (anche politica) del tema. Per cui è anche necessario essere liberi da  gabbie  ideologiche e condizionamenti di sorta. Operazione mai semplice - per nessuno - ma che voglio comunque tentare.

Leggi tutto...

Francia e Italia: modelli amministrativi a confronto. Un colloquio con Frédéric Puigserver (Conseil d’État) (di Simone Lucattini)

Ho incontrato Frédéric Puigserver, giovane componente del Conseil d’État e allievo dell’École nationale d’administration (ENA), in un recente seminario senese sulla giustizia amministrativa in Francia e Gran Bretagna. Ne è seguita una lunga "chiaccherata" su amministrazione e giustizia, presidenziali francesi, Europa; sullo sfondo delle vie di Siena, tra il Duomo e il Palazzo Pubblico, dove risplende l’affresco del Buono e del Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti… Di lì a poco si sarebbe celebrato il secondo turno delle presidenziali, con la vittoria di Macron.

Leggi tutto...

Valori e disvalori del lavoro: è giusta la meritocrazia? (di José Angel Lombo)

Che il Papa Francesco fosse specialmente sensibile alla realtà concreta e più specificamente al mondo dei lavoratori, era realtà ormai conosciuta. E che fosse persona diretta che non ama troppo i giri di parole, non era nascosto a nessuno. Ma nella sua recente visita allo stabilimento Ilva, durante il viaggio a Genova, ha puntato il dito verso una questione molto più profonda delle condizioni esistenziali - già di per sé drammatiche - dei lavoratori metalmeccanici.

Il contesto era particolarmente interessante ed emblematico, dal momento che contava sulla presenza di imprenditori, rappresentanti sindacali, impiegati e anche di persone disoccupate. In un certo senso si poteva considerare un campione dell’intera società italiana (e non solo).

Leggi tutto...

Un Game of Thrones in salsa saudita (di Fabio Nicolucci)

Da anni è ormai in atto una dura "guerra di successione" al trono in Arabia Saudita. E’ di qualche giorno fa la decisione del re Salman (81 anni) di saltare la linea di successione (tracciata d’accordo con il precedente re, suo fratello Abdallah) e di nominare al posto del Principe ereditario Mohammed bin Nayaf (57 anni) direttamente il proprio figlio Mohammed bin Salman (31). Una sorta di "golpe bianco", soprattutto per la discontinuità generazionale.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA