logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

La svolta culturale dell’anticorruzione (di Luca Busico)

Il sistema di prevenzione della corruzione ha recentemente compiuto quattro anni di vita, essendo stato introdotto dalla legge 6 novembre 2012, n. 190, accompagnata dai decreti legislativi attuativi n. 33 e 39 del 2013 e dai successivi interventi nel 2014 (legge n. 114) e nel 2016 (d.lgs. n. 97). Si tratta di normative a lungo attese e stimolate in ambito europeo e transnazionale (si pensi alla perdurante latitanza dell’Italia nel recepimento dell’accordo ONU del 31 ottobre 2003, c.d. “convenzione di Merida”).

 

L’insieme di tali norme, che unitamente al Piano nazionale anticorruzione elaborato dall’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) ed alle delibere dell’ANAC medesima, costituisce il c.d. “pacchetto anticorruzione”, impone una serie di adempimenti, tanto formali quanto comportamentali, che le pubbliche amministrazioni sono tenute ad assolvere al fine di predisporre gli strumenti necessari per prevenire e contrastare la corruzione. La normativa anticorruzione pone, infatti, in capo agli operatori un’attività complessa ed impegnativa, che deve essere necessariamente coordinata con altre, quali la pianificazione e la valutazione della performance, la programmazione strategica, il controllo di gestione, nonché i processi di verifica delle diverse forme di responsabilità dei dipendenti pubblici (erariale, civile, penale e disciplinare).

Col presente intervento non si intende procedere all’analisi della normativa, ma più modestamente svolgere alcune brevi riflessioni sul tema della corruzione come problema anzitutto culturale.

E’ opinione di chi scrive che la corruzione (ampiamente intesa) non possa essere combattuta solo mediante la repressione penale, la redazione di piani e la miriade di adempimenti imposti alle amministrazioni pubbliche dal 2012 in poi.

Come è stato evidenziato da Michele Corradino, commissario dell’ANAC e consigliere di Stato in un libro (E’ normale … lo fanno tutti, Chiarelettere, 2016) ed in un recente intervento su questa Rivista (La sfida dell’anticorruzione. Un colloquio con Michele Corradino, di Simone Lucattini) è davvero necessaria una svolta culturale, che metta fine alla “normalizzazione” della corruzione, alla diffusa assuefazione nei confronti del fenomeno corruttivo e che ribalti il modello consolidato nell’immaginario collettivo, secondo cui corrotti e corruttori sono dei “vincenti” da imitare ed emulare. Riveste, a tal proposito, un ruolo fondamentale l’insegnamento dei valori migliori a cominciare dai contesti (famiglia, scuola, sport) in cui i bambini crescono.

Basta frequentare per qualche tempo l’ambiente dello sport giovanile, ossia di quella che dovrebbe essere un’attività ludica, salutare e formativa, per assistere a pratiche e comportamenti davvero deprecabili: il figlio del dirigente della società deve giocare, il figlio di chi mette a disposizione l’automobile per le trasferte deve giocare, il figlio di colui che sponsorizza l’acquisto di borse, divise etc., deve giocare. I titolari delle suddette “posizioni di rendita” risultano essere avvantaggiati rispetto ad altri, a prescindere dalle effettive capacità. Ne consegue che per attività svolte da bambini o bambine di 10-13 anni già vige un approccio viziato, che vede nelle capacità e nel merito (valore fulcro di questa Rivista) solo alcuni dei possibili criteri di valutazione e, comunque, non sempre quelli prioritari. Non si parla, beninteso, di corruzione, né si vuol sostenere la tesi per cui il bambino “favorito” oggi sarà di certo un corrotto/corruttore domani. Un siffatto ragionamento davvero “proverebbe troppo”, come dicono i giuristi. Ma è altrettanto evidente che un contesto come quello sinteticamente descritto non possa avere alcuna ricaduta positiva nella crescita di quanti dovrebbero essere i protagonisti del domani. Diventa a questo punto fondamentale il ruolo dei soggetti preposti alla funzione educativa, in primis i genitori. Sono, a tal proposito, di grande attualità le parole di una grande scrittrice del secolo scorso, Natalia Ginzburg (Le piccole virtù, Einaudi, 1962), che elencava quali dovessero essere gli insegnamenti da impartire ai figli “Penso si debbano insegnar loro non le piccole virtù, ma le grandi. Non il risparmio, ma la generosità e l’indifferenza al denaro; non la prudenza, ma il coraggio e lo sprezzo del pericolo; non l’astuzia, ma la schiettezza e l’amore della verità; non la diplomazia, ma l’amore per il prossimo e l’abnegazione; non il desiderio del successo, ma il desiderio di essere e di sapere”.

 

Luca Busico è Coordinatore presso la Direzione del Personale dell’Università di Pisa

 

30 marzo 2017

 

In Evidenza

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

La valutazione delle performance per il miglioramento della regolazione (di Nicolò Di Gaetano)


“Se non si può misurare qualcosa, non si può migliorare”
(Lord Kelvin)

Come recita l’economia classica, in realtà ampiamente contraddetta dai teorici dell‘economia comportamentale con cui è stato di recente vinto un Nobel (Richard Thaler), in un mercato libero perfettamente concorrenziale e senza asimmetrie informative, il consumatore è in grado di poter scegliere il proprio fornitore attraverso la comparazione dei prezzi e della qualità dei beni (o dei servizi) che si accinge a comprare per soddisfare le proprie necessità. In questo mondo perfetto è la concorrenza che induce gli attori del mercato ad un continuo miglioramento delle proprie performance, soprattutto per generare quel profitto che è alla base della propria ragion di essere accanto all’accettabilità sociale e sempre più spesso ambientale che inizia a contraddistinguere alcune realtà più avanzate.

Leggi tutto...

Regolare la complessità del settore idrico (di Elena Gallo)

 

Leggi l'articolo in pdf qui

Leggi tutto...

L’industria dei servizi pubblici. Un dialogo con Stefano Venier (di Simone Lucattini)

Stefano Venier è alla guida di una delle più grandi multiutility italiane, Gruppo Hera, che opera nei settori dell’energia, dell’idrico e dei rifiuti, dovendosi quindi confrontare ogni giorno con diverse strutture di mercato e sistemi di regolazione.

Leggi tutto...

Lo stato delle tasse e delle mance (di Michele Governatori)

Una volta ancora quest’anno, in preparazione alla Legge di Stabilità, è arrivato il voto parlamentare necessario per Costituzione (la quale prevede il principio dell’equilibrio di bilancio) a permettere un deficit dei conti pubblici.

Qual è la strategia politica sottesa, in questa scelta? Quella di uno Stato sempre più esteso nella sua influenza nell’economia, spacciata per lo più come stimolo alla “crescita”, ma che nel contempo si permette di restare inefficace nei settori che invece sicuramente gli attengono, e la cui deficienza altrettanto sicuramente ha effetti negativi sulla crescita, in primis istruzione, giustizia e garanzia di legalità, burocrazia.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA