logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

La svolta culturale dell’anticorruzione (di Luca Busico)

Il sistema di prevenzione della corruzione ha recentemente compiuto quattro anni di vita, essendo stato introdotto dalla legge 6 novembre 2012, n. 190, accompagnata dai decreti legislativi attuativi n. 33 e 39 del 2013 e dai successivi interventi nel 2014 (legge n. 114) e nel 2016 (d.lgs. n. 97). Si tratta di normative a lungo attese e stimolate in ambito europeo e transnazionale (si pensi alla perdurante latitanza dell’Italia nel recepimento dell’accordo ONU del 31 ottobre 2003, c.d. “convenzione di Merida”).

 

L’insieme di tali norme, che unitamente al Piano nazionale anticorruzione elaborato dall’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) ed alle delibere dell’ANAC medesima, costituisce il c.d. “pacchetto anticorruzione”, impone una serie di adempimenti, tanto formali quanto comportamentali, che le pubbliche amministrazioni sono tenute ad assolvere al fine di predisporre gli strumenti necessari per prevenire e contrastare la corruzione. La normativa anticorruzione pone, infatti, in capo agli operatori un’attività complessa ed impegnativa, che deve essere necessariamente coordinata con altre, quali la pianificazione e la valutazione della performance, la programmazione strategica, il controllo di gestione, nonché i processi di verifica delle diverse forme di responsabilità dei dipendenti pubblici (erariale, civile, penale e disciplinare).

Col presente intervento non si intende procedere all’analisi della normativa, ma più modestamente svolgere alcune brevi riflessioni sul tema della corruzione come problema anzitutto culturale.

E’ opinione di chi scrive che la corruzione (ampiamente intesa) non possa essere combattuta solo mediante la repressione penale, la redazione di piani e la miriade di adempimenti imposti alle amministrazioni pubbliche dal 2012 in poi.

Come è stato evidenziato da Michele Corradino, commissario dell’ANAC e consigliere di Stato in un libro (E’ normale … lo fanno tutti, Chiarelettere, 2016) ed in un recente intervento su questa Rivista (La sfida dell’anticorruzione. Un colloquio con Michele Corradino, di Simone Lucattini) è davvero necessaria una svolta culturale, che metta fine alla “normalizzazione” della corruzione, alla diffusa assuefazione nei confronti del fenomeno corruttivo e che ribalti il modello consolidato nell’immaginario collettivo, secondo cui corrotti e corruttori sono dei “vincenti” da imitare ed emulare. Riveste, a tal proposito, un ruolo fondamentale l’insegnamento dei valori migliori a cominciare dai contesti (famiglia, scuola, sport) in cui i bambini crescono.

Basta frequentare per qualche tempo l’ambiente dello sport giovanile, ossia di quella che dovrebbe essere un’attività ludica, salutare e formativa, per assistere a pratiche e comportamenti davvero deprecabili: il figlio del dirigente della società deve giocare, il figlio di chi mette a disposizione l’automobile per le trasferte deve giocare, il figlio di colui che sponsorizza l’acquisto di borse, divise etc., deve giocare. I titolari delle suddette “posizioni di rendita” risultano essere avvantaggiati rispetto ad altri, a prescindere dalle effettive capacità. Ne consegue che per attività svolte da bambini o bambine di 10-13 anni già vige un approccio viziato, che vede nelle capacità e nel merito (valore fulcro di questa Rivista) solo alcuni dei possibili criteri di valutazione e, comunque, non sempre quelli prioritari. Non si parla, beninteso, di corruzione, né si vuol sostenere la tesi per cui il bambino “favorito” oggi sarà di certo un corrotto/corruttore domani. Un siffatto ragionamento davvero “proverebbe troppo”, come dicono i giuristi. Ma è altrettanto evidente che un contesto come quello sinteticamente descritto non possa avere alcuna ricaduta positiva nella crescita di quanti dovrebbero essere i protagonisti del domani. Diventa a questo punto fondamentale il ruolo dei soggetti preposti alla funzione educativa, in primis i genitori. Sono, a tal proposito, di grande attualità le parole di una grande scrittrice del secolo scorso, Natalia Ginzburg (Le piccole virtù, Einaudi, 1962), che elencava quali dovessero essere gli insegnamenti da impartire ai figli “Penso si debbano insegnar loro non le piccole virtù, ma le grandi. Non il risparmio, ma la generosità e l’indifferenza al denaro; non la prudenza, ma il coraggio e lo sprezzo del pericolo; non l’astuzia, ma la schiettezza e l’amore della verità; non la diplomazia, ma l’amore per il prossimo e l’abnegazione; non il desiderio del successo, ma il desiderio di essere e di sapere”.

 

Luca Busico è Coordinatore presso la Direzione del Personale dell’Università di Pisa

 

30 marzo 2017

 

In Evidenza

Cross-border electricity interconnections in the Mediterranean basin (di Alessandro Rubino)

Leggi l’articolo in pdf qui

Verso l’adozione del nuovo regolamento ministeriale sugli esponenti bancari: fine di un paradigma ed estensione della vigilanza prudenziale “qualitativa” (di Michele Cossa)

Nel mio precedente articolo su questa Rivista (Esponenti di intermediari bancari: verso un “merito imposto”, dicembre 2016), mi ero soffermato sui vecchi e nuovi poteri delle autorità di vigilanza europee e nazionali sugli esponenti apicali di intermediari bancari, commentando, in uno con il molto discusso removal successivo, anche il giudizio ex ante sull’idoneità del soggetto a ricoprire l’incarico.

Leggi tutto...

Riutilizzo delle acque e servizi ecosistemici: un’analisi critica per una governance più sostenibile (di Francesco Fatone e Andrea Guerrini)

I modelli di governance e di regolazione rappresentano un elemento chiave per incentivare la realizzazione di sistemi di economia circolare all’interno del settore idrico. Sia il recupero di materie e di energia dai fanghi di depurazione, sia il reimpiego dell’acqua trattata per finalità agricole ed industriali, pur essendo prassi virtuose da un punto di vista ambientale, necessitano di un ritorno anche da un punto di vista economico per poter essere attuabili.

Leggi tutto...

Le società miste di gestione di servizi pubblici locali e la diffusione di un modello europeo (di Sandra Antoniazzi)

Sommario1. Le società miste per la gestione di servizi pubblici locali nel Regno Unito, in Francia, Spagna e Germania. - 2. Le società miste nell’ordinamento italiano e l’intricato quadro normativo prima della legge delega 7 agosto 2015, n. 124. - 3. La recente innovazione normativa: l’art. 17 del Decreto Legislativo 19 agosto 2016, n. 175, sulle società a partecipazione mista pubblico-privata. - 4. La società mista come espressione di PPPI e la promozione del modello europeo in un contesto di carenza di risorse finanziarie e organizzative degli enti locali. - 5. Le conclusioni dell’indagine.

Leggi tutto...

Cercando un altro Egitto (a partire dalla regolazione) (di Salvatore Lanza)

Giovedì 14 settembre 2017 Giampaolo Cantini si è insediato in veste di nuovo ambasciatore italiano in Egitto, dopo oltre un anno dalla sua nomina avvenuta nel maggio del 2016 a seguito del ritiro del precedente ambasciatore Maurizio Massari, nominato poi Ambasciatore italiano presso l’Unione europea.

Il ritiro di Massari, deciso dall’allora Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, fu un atto di protesta del governo italiano nei confronti di quello egiziano per la scarsa collaborazione sul caso della morte di Giulio Regeni, in merito alla quale un recente articolo comparso sul New York Times ha sollevato nuovamente il tema delle responsabilità delle agenzie di sicurezza egiziane, gettando ombre anche sui vertici delle istituzioni [1].

Leggi tutto...

Convegno CESIFIN/Il Merito.Pratica per lo sviluppo "Emergenza classe dirigente" - Firenze, 3 novembre 2017

IMG 5694

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

NEL MERITO

IN PRATICA