logo il merito

home paralax 00

Brexit, quando gli startuppers votano leave

di Francesco Laschi

La vittoria del leave nel referendum sulla Brexit non ha soltanto influenzato l’andamento dei mercati, ma ha scatenato – come da molti osservatori rilevato – reazioni e comportamenti sociologici, antropologici, economici. Questo breve contributo si propone di focalizzare l’attenzione sul fiorente mondo delle start up londinesi. Ma partiamo dal principio…

 Londra nel 2015 è il sesto luogo al mondo per presenza e nascita di start up, secondo il ranking di Compass (2015 Global Start Up Ecosystem Ranking, in www.compass.co). Attualmente sono occupati in aziende operanti nel mondo del digitale circa 350 mila londinesi. Inoltre, rispetto al 2014, gli investimenti nel digitale sono aumentati del 66% e il mercato segna un tasso di crescita annuo del 3,3%, con un valore complessivo stimato tra i 39 e i 49 miliardi di dollari.

Le start up in Inghilterra sono agevolate da una burocrazia snella e rapida, che consente di avviare nuove aziende a costi ridotti. Per aprire un’azienda in Gran Bretagna sono sufficienti più o meno 15 minuti ed un versamento di poche sterline alla locale camera di commercio. Non a caso a Londra è nato Level 39, che svolge una fondamentale funzione di incubatore di start up nel settore Fintech, in cui la tecnologia viene utilizzata per rendere i servizi finanziari più efficienti. Level 39, il più grande acceleratore di imprese smart, tecnologiche e innovative in Europa, ha dunque creato un innovativo modello di business ibrido tra il mondo degli start-upper e quello dei banchieri.

Dal documento di Compass, Start Up Ecosystem Report 2015, emerge che, attualmente, il mercato britannico delle nuove digitali è formato da startuppers provenienti da tutta Europa. Pertanto, l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, da questo punto di vista, non potrà essere indolore, inducendo, probabilmente, molti giovani imprenditori non britannici, una volta venuta meno la libertà di circolazione di persone e beni, a non trasferire più i propri progetti in UK, a vantaggio magari di paesi con regimi fiscali assai favorevoli, quali ad esempio Polonia e Ungheria.

Gli stessi Stati Uniti, fin dal 2011, sono l’investitore internazionale principale in UK, attirati da un mercato molto vivo e dalla possibilità di aggirare le barriere di geoblocking, che impediscono ad alcune App o servizi di essere commercializzate in zone geografiche diverse da quelle d’origine. Tanto più che le start up inglesi sono più redditizie delle concorrenti statunitensi e il loro fatturato cresce con ritmi tre volte superiori: secondo il report European Unicorns 2016 di Gp Bullhound, i ricavi medi di una start up europea ammontano a 315 milioni di dollari, rispetto ai 129 di quelle statunitensi.  Perciò nel Regno Unito sono nati colossi quali Zalando, Shazam o l’italiana Yoox. E non a caso, Silicon Valley Bank (UK Start Up Outlook 2016, SVB, www.svb.com/ieo), ha intervistato un campione di CEO inglesi, operanti in di aziende digitali, dal quale è emerso che il 72% dei manager ritiene che sia vantaggioso rimanere all’interno dell’UE.

In conclusione, il mercato delle nasciture aziende digitali è, in questo momento, il mercato più in espansione al mondo, per velocità di crescita di investimenti, margini e tecnologie. Tale mercato non porta solo crescita del PIL, ma anche crescita culturale e tecnologica. Per la Gran Bretagna Brexit non è dunque soltanto un problema finanziario, bensì di crescita complessiva. D’altro canto, l’uscita dall’Europa offre ghiotte occasioni per gli altri paesi dell’Unione Europea. Pensiamoci un attimo. E se Milano diventasse, non soltanto sede dell’Autorità Bancaria Europea (EBA) e dell’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA), come auspicato in questi giorni dal nostro premier, la prossima Fintech City Europea? Non male per un paese, come il nostro, agli ultimi posti in Europa per digitalizzazione (cfr. il Digital Economy & Society Index 2015).

(13 luglio 2016)

In Evidenza

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

L’importanza della giustizia amministrativa (di Sergio Fidanzia)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

Oltrepassamento della regolazione. Il nuovo paradigma dei servizi pubblici locali (di Simone Lucattini)

Il nuovo volto delle società pubbliche che erogano servizi d’interesse economico generale può essere osservato anche da una prospettiva per così dire "esterna" rispetto a quella che si concentra sulle deroghe al diritto delle società, sull’estensione a tali società delle discipline sull’attività amministrativa, sulla disciplina applicabile ai dipendenti e sui regimi societari: la prospettiva della regolazione ad opera di autorità amministrative indipendenti. Regolazione che costituisce una presenza condizionante, in grado di incidere sugli assetti e sulle linee d’azione delle società a partecipazione pubblica erogatrici di servizi pubblici a livello locale (acqua, rifiuti, trasporti). Di riflesso, a contatto con il mondo dei servizi pubblici locali e delle partecipate (oggetto di discipline inscindibili destinate a intersecarsi), il paradigma classico della regolazione sembra mutare, evolversi, facendo registrare scostamenti, alterazioni, variazioni di accenti e tonalità.

Leggi tutto...

Magistrati e separazione delle carriere. A proposito di una recente proposta (di Vincenzo Mancini)

 Affrontare un argomento, quale quello della separazione delle carriere dei giudici, richiede molta accortezza e umiltà per la complessità delle questioni in campo e la sensibilità (anche politica) del tema. Per cui è anche necessario essere liberi da  gabbie  ideologiche e condizionamenti di sorta. Operazione mai semplice - per nessuno - ma che voglio comunque tentare.

Leggi tutto...

Francia e Italia: modelli amministrativi a confronto. Un colloquio con Frédéric Puigserver (Conseil d’État) (di Simone Lucattini)

Ho incontrato Frédéric Puigserver, giovane componente del Conseil d’État e allievo dell’École nationale d’administration (ENA), in un recente seminario senese sulla giustizia amministrativa in Francia e Gran Bretagna. Ne è seguita una lunga "chiaccherata" su amministrazione e giustizia, presidenziali francesi, Europa; sullo sfondo delle vie di Siena, tra il Duomo e il Palazzo Pubblico, dove risplende l’affresco del Buono e del Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti… Di lì a poco si sarebbe celebrato il secondo turno delle presidenziali, con la vittoria di Macron.

Leggi tutto...

Valori e disvalori del lavoro: è giusta la meritocrazia? (di José Angel Lombo)

Che il Papa Francesco fosse specialmente sensibile alla realtà concreta e più specificamente al mondo dei lavoratori, era realtà ormai conosciuta. E che fosse persona diretta che non ama troppo i giri di parole, non era nascosto a nessuno. Ma nella sua recente visita allo stabilimento Ilva, durante il viaggio a Genova, ha puntato il dito verso una questione molto più profonda delle condizioni esistenziali - già di per sé drammatiche - dei lavoratori metalmeccanici.

Il contesto era particolarmente interessante ed emblematico, dal momento che contava sulla presenza di imprenditori, rappresentanti sindacali, impiegati e anche di persone disoccupate. In un certo senso si poteva considerare un campione dell’intera società italiana (e non solo).

Leggi tutto...

Un Game of Thrones in salsa saudita (di Fabio Nicolucci)

Da anni è ormai in atto una dura "guerra di successione" al trono in Arabia Saudita. E’ di qualche giorno fa la decisione del re Salman (81 anni) di saltare la linea di successione (tracciata d’accordo con il precedente re, suo fratello Abdallah) e di nominare al posto del Principe ereditario Mohammed bin Nayaf (57 anni) direttamente il proprio figlio Mohammed bin Salman (31). Una sorta di "golpe bianco", soprattutto per la discontinuità generazionale.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA