logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Brexit, quando gli startuppers votano leave

di Francesco Laschi

La vittoria del leave nel referendum sulla Brexit non ha soltanto influenzato l’andamento dei mercati, ma ha scatenato – come da molti osservatori rilevato – reazioni e comportamenti sociologici, antropologici, economici. Questo breve contributo si propone di focalizzare l’attenzione sul fiorente mondo delle start up londinesi. Ma partiamo dal principio…

 Londra nel 2015 è il sesto luogo al mondo per presenza e nascita di start up, secondo il ranking di Compass (2015 Global Start Up Ecosystem Ranking, in www.compass.co). Attualmente sono occupati in aziende operanti nel mondo del digitale circa 350 mila londinesi. Inoltre, rispetto al 2014, gli investimenti nel digitale sono aumentati del 66% e il mercato segna un tasso di crescita annuo del 3,3%, con un valore complessivo stimato tra i 39 e i 49 miliardi di dollari.

Le start up in Inghilterra sono agevolate da una burocrazia snella e rapida, che consente di avviare nuove aziende a costi ridotti. Per aprire un’azienda in Gran Bretagna sono sufficienti più o meno 15 minuti ed un versamento di poche sterline alla locale camera di commercio. Non a caso a Londra è nato Level 39, che svolge una fondamentale funzione di incubatore di start up nel settore Fintech, in cui la tecnologia viene utilizzata per rendere i servizi finanziari più efficienti. Level 39, il più grande acceleratore di imprese smart, tecnologiche e innovative in Europa, ha dunque creato un innovativo modello di business ibrido tra il mondo degli start-upper e quello dei banchieri.

Dal documento di Compass, Start Up Ecosystem Report 2015, emerge che, attualmente, il mercato britannico delle nuove digitali è formato da startuppers provenienti da tutta Europa. Pertanto, l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, da questo punto di vista, non potrà essere indolore, inducendo, probabilmente, molti giovani imprenditori non britannici, una volta venuta meno la libertà di circolazione di persone e beni, a non trasferire più i propri progetti in UK, a vantaggio magari di paesi con regimi fiscali assai favorevoli, quali ad esempio Polonia e Ungheria.

Gli stessi Stati Uniti, fin dal 2011, sono l’investitore internazionale principale in UK, attirati da un mercato molto vivo e dalla possibilità di aggirare le barriere di geoblocking, che impediscono ad alcune App o servizi di essere commercializzate in zone geografiche diverse da quelle d’origine. Tanto più che le start up inglesi sono più redditizie delle concorrenti statunitensi e il loro fatturato cresce con ritmi tre volte superiori: secondo il report European Unicorns 2016 di Gp Bullhound, i ricavi medi di una start up europea ammontano a 315 milioni di dollari, rispetto ai 129 di quelle statunitensi.  Perciò nel Regno Unito sono nati colossi quali Zalando, Shazam o l’italiana Yoox. E non a caso, Silicon Valley Bank (UK Start Up Outlook 2016, SVB, www.svb.com/ieo), ha intervistato un campione di CEO inglesi, operanti in di aziende digitali, dal quale è emerso che il 72% dei manager ritiene che sia vantaggioso rimanere all’interno dell’UE.

In conclusione, il mercato delle nasciture aziende digitali è, in questo momento, il mercato più in espansione al mondo, per velocità di crescita di investimenti, margini e tecnologie. Tale mercato non porta solo crescita del PIL, ma anche crescita culturale e tecnologica. Per la Gran Bretagna Brexit non è dunque soltanto un problema finanziario, bensì di crescita complessiva. D’altro canto, l’uscita dall’Europa offre ghiotte occasioni per gli altri paesi dell’Unione Europea. Pensiamoci un attimo. E se Milano diventasse, non soltanto sede dell’Autorità Bancaria Europea (EBA) e dell’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA), come auspicato in questi giorni dal nostro premier, la prossima Fintech City Europea? Non male per un paese, come il nostro, agli ultimi posti in Europa per digitalizzazione (cfr. il Digital Economy & Society Index 2015).

(13 luglio 2016)

In Evidenza

Cross-border electricity interconnections in the Mediterranean basin (di Alessandro Rubino)

Leggi l’articolo in pdf qui

Verso l’adozione del nuovo regolamento ministeriale sugli esponenti bancari: fine di un paradigma ed estensione della vigilanza prudenziale “qualitativa” (di Michele Cossa)

Nel mio precedente articolo su questa Rivista (Esponenti di intermediari bancari: verso un “merito imposto”, dicembre 2016), mi ero soffermato sui vecchi e nuovi poteri delle autorità di vigilanza europee e nazionali sugli esponenti apicali di intermediari bancari, commentando, in uno con il molto discusso removal successivo, anche il giudizio ex ante sull’idoneità del soggetto a ricoprire l’incarico.

Leggi tutto...

Riutilizzo delle acque e servizi ecosistemici: un’analisi critica per una governance più sostenibile (di Francesco Fatone e Andrea Guerrini)

I modelli di governance e di regolazione rappresentano un elemento chiave per incentivare la realizzazione di sistemi di economia circolare all’interno del settore idrico. Sia il recupero di materie e di energia dai fanghi di depurazione, sia il reimpiego dell’acqua trattata per finalità agricole ed industriali, pur essendo prassi virtuose da un punto di vista ambientale, necessitano di un ritorno anche da un punto di vista economico per poter essere attuabili.

Leggi tutto...

Le società miste di gestione di servizi pubblici locali e la diffusione di un modello europeo (di Sandra Antoniazzi)

Sommario1. Le società miste per la gestione di servizi pubblici locali nel Regno Unito, in Francia, Spagna e Germania. - 2. Le società miste nell’ordinamento italiano e l’intricato quadro normativo prima della legge delega 7 agosto 2015, n. 124. - 3. La recente innovazione normativa: l’art. 17 del Decreto Legislativo 19 agosto 2016, n. 175, sulle società a partecipazione mista pubblico-privata. - 4. La società mista come espressione di PPPI e la promozione del modello europeo in un contesto di carenza di risorse finanziarie e organizzative degli enti locali. - 5. Le conclusioni dell’indagine.

Leggi tutto...

Cercando un altro Egitto (a partire dalla regolazione) (di Salvatore Lanza)

Giovedì 14 settembre 2017 Giampaolo Cantini si è insediato in veste di nuovo ambasciatore italiano in Egitto, dopo oltre un anno dalla sua nomina avvenuta nel maggio del 2016 a seguito del ritiro del precedente ambasciatore Maurizio Massari, nominato poi Ambasciatore italiano presso l’Unione europea.

Il ritiro di Massari, deciso dall’allora Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, fu un atto di protesta del governo italiano nei confronti di quello egiziano per la scarsa collaborazione sul caso della morte di Giulio Regeni, in merito alla quale un recente articolo comparso sul New York Times ha sollevato nuovamente il tema delle responsabilità delle agenzie di sicurezza egiziane, gettando ombre anche sui vertici delle istituzioni [1].

Leggi tutto...

Convegno CESIFIN/Il Merito.Pratica per lo sviluppo "Emergenza classe dirigente" - Firenze, 3 novembre 2017

IMG 5694

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

NEL MERITO

IN PRATICA