logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Il merito nell’Università: nord e sud a confronto  

di Irene Polito

Prosegue il ciclo delle interviste proposte da  “Il Merito. Pratica per lo sviluppo”.

Questa volta il tema  è l’Università e, in particolare, l’esperienza accademica di due Professori, entrambi Ordinari di Diritto Amministrativo, in due diverse Università, Napoli e Milano.

Seguendo lo stile del noto format dell’“intervista doppia”, ho proposto le stesse domande al Professor Ferdinando Pinto, Ordinario di Diritto Amministrativo presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, e al Professor Luca Bertonazzi, Ordinario di Diritto Amministrativo presso l’Università Statale di Milano.

Entrambi i Professori, che ringrazio per l’entusiasmo e la disponibilità, ci hanno raccontato i loro percorsi ed esperienze, offrendoci non pochi spunti di riflessione.

Lei è un professore universitario, ci racconti della sua formazione e della sua carriera 

Ferdinando Pinto

F.P.: Ho avuto la fortuna di formarmi alla Facoltà di Giurisprudenza di Firenze dove in quel momento c’era forse il top del diritto pubblico italiano: Paolo Barile, Giuliano Amato, Franco Bassanini, Francesco D’Onofrio, Enzo Cheli, Roberto Zaccaria. Quindi, un grandissimo caposcuola moderno e intelligente, il futuro Presidente del Consiglio, il futuro Ministro della funzione pubblica, il futuro Ministro dell’ Istruzione, il presidente della RAI e quello dell’Autorità per le comunicazioni Quando lavori con questa gente qui tutto diviene più facile e gli stimoli continui. E’ stata davvero bellissima l’esperienza con alcuni di loro che ho seguito poi anche dopo il loro trasferimento a Roma. Chiariamo: ero a Firenze non perché ero un cervello in fuga, ma solo perché allora soffrivo pene d’amore. Mi volevo allontanare dalla mia città. Ho avuto fortuna

 Luca Bertonazzi

L.B.: La mia carriera universitaria, fino ad oggi, si è svolta interamente nell’ambito dell’Università degli Studi di Milano. Amo intensamente l’attività didattica e di ricerca, cui mi dedico con passione. Sono grato al mio Maestro, prof. Villata, per gli insegnamenti ricevuti in un arco di tempo quasi ventennale.

E’ di qualche giorno fa l’emanazione del decreto recante criteri e parametri per la valutazione degli aspiranti professori. Ritiene che tali criteri e parametri siano adatti a selezionare i migliori?

F.P.: Non lo so. Le regole rigide mi fanno sempre un po’ paura. Ho un’idea diversa sulla selezione dei più bravi, come in realtà di qualsiasi altra cosa debba essere selezionata dalla pubblica amministrazione (a cominciare dagli appalti). La regola è la trasparenza, piena ed assoluta, di tutti e soprattutto il rapido e semplice accesso. Se ci fosse un sito dove mettere tutte la procedure selettive, tutti i giudizi ... e tutte le parentele …, forse si farebbero meno porcherie e si selezionerebbero davvero i più bravi. E’ paradossale che in una società in cui se ti compri un libro su Amazon o un orologio su e-bay ti offrono subito altre 1000 proposte di acquisto non esista un “allert” per chi vuole conoscere cosa sta succedendo nel mondo universitario. In questo dovrebbe impegnarsi il Ministero, e non a scrivere norme spesso astruse. Faccio peraltro notare che il sistema universitario è già in crisi da tempo negli USA, ossia nel Paese che ha dato ispirazione ad alcune nostre recenti riforme.

I veri padroni del sistema sono infatti diventati i grandi gruppi editoriali (in Italia saranno le piccole congreghe delle riviste) che governano le pubblicazioni. Questo a tacere del mercato delle citazioni e dei controllori degli articoli. Così non andiamo da nessuna parte … non solo in Italia dove l’Università continua comunque ad essere un’eccellenza rispetto a quello che vedo all’estero

L.B.: I contenuti del decreto non mi appassionano: decisivi, allo scopo di selezionare i migliori, sono fattori schiettamente culturali. Pochi tratti di penna non sono certo in grado di propiziare svolte virtuose

Cosa consiglia, alla luce della sua esperienza, ad un giovane che voglia intraprendere la carriera universitaria? Ci si può basare sul proprio merito?

F.P.: Assolutamente si. Ho visto tanti “cretini” sistemarsi ed essere gratificati, ma non ho visto mai, e dico mai, uno bravo restare a piedi. Il punto non è laurearsi in Scienze delle Comunicazioni, per fare un esempio, ma laurearsi in quella Facoltà e non saper almeno l’inglese alla perfezione. Mio fratello è laureato in Lettere e Filosofia e ha fatto una brillantissima carriera in una azienda pubblica dove è entrato per concorso. A proposito di concorsi, ho fatto parte della commissione di quello per la magistratura e posso assicurare tutti che lì le raccomandazioni non funzionano. Basta solo il merito e un pò di fortuna. Ma questa è la vita L.B.: Consiglio di dedicarsi in via esclusiva o largamente prevalente allo studio, di cimentarsi gradualmente con l’attività didattica, dentro e fuori l’Università, di allenare lo spirito di sacrificio e di servizio, di scommettere sul proprio impegno e sulle proprie qualità, di collaborare con docenti che hanno l’intelligenza di favorire tutto ciò. Le strade in salita nascondono insospettabili traguardi: e se anche si frapponessero ostacoli invalicabili, il bagaglio umano e di cognizioni ben potrebbe essere, fruttuosamente, trasferito in altri ambiti professionali. Tutto ciò – osservo con grande franchezza – a dispetto dello scarseggiare delle risorse e di un panorama accademico in via di progressivo deterioramento

La legge di stabilità per il 2016 ha istituito il “fondo per le cattedre universitarie del merito Giulio Natta”, come canale di reclutamento d’eccellenza aperto anche a studiosi stranieri. Cosa ne pensa? E’ un canale che davvero può premiare il merito o crea soltanto più incertezza in un materia delicata quale il reclutamento dei professori?

F.P.: Sicuramente sì, ma, come ho detto, solo se accompagnato dalla massima trasparenza delle scelte che si faranno  L.B.: Dovrebbe trattarsi di un canale di reclutamento per le c.d. scienze dure. In ogni caso gli strumenti sono quasi sempre neutri: decisivo è l’uso che se ne fa, a sua volta condizionato da fattori schiettamente culturali

Quale è il valore che le interessa di più in un giovane laureando?

F.P.: L’intelligenza … ma questa come diceva Don Abbondio “è come il coraggio: o ce l’hai o non ce l’hai”. Maradona palleggiava con un’ arancia … io non lo so fare … che rabbia! L.B.: Passione per lo studio, voglia di far bene ed anzi di puntare sempre al meglio pur nella sana consapevolezza dei propri limiti, lealtà nei rapporti interpersonali.

Ravvisa differenze di approccio e formazione tra i giovani che vengono a studiare a Milano dal Sud e quelli del Nord ?

F.P.: Al Nord c’è minore rassegnazione…la differenza è tutta lì! Al Sud i giovani sono forse più svegli perché per loro si applica la storia della gazzella che al mattino si alza presto per scappare dal leone. Il punto che al Sud abbiamo sempre più spesso questa voglia di farci mangiare … perché “Anto’ fa caldo … perchè mi devo mettere a correre?” L.B.: Nessuna particolare differenza.

Le classifiche Censis ed Anvur fotografano un Paese “spaccato in due” anche per quanto riguarda l’Università: le “migliori” al nord e le “peggiori” al sud. Lei crede sia uno scenario realistico?

F.P.: Le classifiche sono sempre inquietanti e la mia facoltà a Napoli figura tra le peggiori … ma allora come mai i primi tre classificati - tutti e tre! - all’ultimo concorso in magistratura vengono da lì? Saranno mica le stesse classifiche che dicono che il miglior caffè d’Italia si beve a Verona (!) o che nella mia città, a Sorrento, esistono tre ristoranti con stelle Michelin, ma al primo posto c’è uno che vende (con tutto il rispetto) il kebab?

Quando ho fatto il Sindaco sono riuscito ad ottenere per il mio mare una bella bandiera azzurra. Mi ero studiato benissimo il questionario e avevo detto qualche (innocente) bugia o, come dicono le donne (a seguire una nota canzone), qualche mezza verità …

L.B.: Si tratta, purtroppo, di fotografie della realtà.

(27 luglio 2016)

In Evidenza

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

La valutazione delle performance per il miglioramento della regolazione (di Nicolò Di Gaetano)


“Se non si può misurare qualcosa, non si può migliorare”
(Lord Kelvin)

Come recita l’economia classica, in realtà ampiamente contraddetta dai teorici dell‘economia comportamentale con cui è stato di recente vinto un Nobel (Richard Thaler), in un mercato libero perfettamente concorrenziale e senza asimmetrie informative, il consumatore è in grado di poter scegliere il proprio fornitore attraverso la comparazione dei prezzi e della qualità dei beni (o dei servizi) che si accinge a comprare per soddisfare le proprie necessità. In questo mondo perfetto è la concorrenza che induce gli attori del mercato ad un continuo miglioramento delle proprie performance, soprattutto per generare quel profitto che è alla base della propria ragion di essere accanto all’accettabilità sociale e sempre più spesso ambientale che inizia a contraddistinguere alcune realtà più avanzate.

Leggi tutto...

Regolare la complessità del settore idrico (di Elena Gallo)

 

Leggi l'articolo in pdf qui

Leggi tutto...

L’industria dei servizi pubblici. Un dialogo con Stefano Venier (di Simone Lucattini)

Stefano Venier è alla guida di una delle più grandi multiutility italiane, Gruppo Hera, che opera nei settori dell’energia, dell’idrico e dei rifiuti, dovendosi quindi confrontare ogni giorno con diverse strutture di mercato e sistemi di regolazione.

Leggi tutto...

Lo stato delle tasse e delle mance (di Michele Governatori)

Una volta ancora quest’anno, in preparazione alla Legge di Stabilità, è arrivato il voto parlamentare necessario per Costituzione (la quale prevede il principio dell’equilibrio di bilancio) a permettere un deficit dei conti pubblici.

Qual è la strategia politica sottesa, in questa scelta? Quella di uno Stato sempre più esteso nella sua influenza nell’economia, spacciata per lo più come stimolo alla “crescita”, ma che nel contempo si permette di restare inefficace nei settori che invece sicuramente gli attengono, e la cui deficienza altrettanto sicuramente ha effetti negativi sulla crescita, in primis istruzione, giustizia e garanzia di legalità, burocrazia.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA