logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Power players have no power anymore (di Murad Harasheh)

The observer of the latest advancements at the international level regarding climate change actions can conclude that those actions taken at policy levels have counter effects on the oil, gas, and fossil power generators.

Following the global climate summit (COP21) in Paris in 2015, a Task Force on Climate Change and Financial Reporting (TCFD) was born lead by Michael Bloomberg, the establishment of the TCFD came as proposed by the Financial Stability Board (FSB) which was created by the G20 as a prudent response to the 2008 global financial crisis.

 

The TCFD recommends companies to disclose their risk exposures related to climate hazards and to be part of their routine financial reporting. Furthermore, The TCFD expands its reporting requirement to banks; banks now should disclose the lending to companies with carbon related risks. In this regard, most G20 countries require businesses to disclose material climate-related risks in their financial reports. These requirements have, in fact, two mains goals, first is to ensure the climate and sustainability governance by companies and banks to stay within the 2C degrees warming limit, and second is to ensure more transparent financial environment for financial market investors. The guidelines were directed specially to companies with high climate risks and those are involved in the transition to “Low-Carbon Economy” such as energy, transportation, construction and agricultural-related sectors, with a special attention given to the financial and banking sectors.

In another response to the global actions to mitigate climate risks, the World Bank has decided to end the financial support for oil and gas exploration after 2019 in developing countries, with some exceptional conditions to support oil and gas in very poor countries to ensure energy accessibility and local development, however the support has to have no conflict with 2015 Paris climate accords. The decision was originally taken in 2010 but under the pressure from lobby groups, the bank continued to support $1 billion a year for coal-fired stations.

At the European level, and in addition to the international requirements, power generators are facing a more stringent regulatory environment in which market players with power contracts exceeding a certain limit have to comply with various energy and financial regulations:

  • 1- REMIT (Regulation on Energy Markets Integrity & Transparency) of 2011 aims at monitoring the wholesale European energy markets and enhances EU markets’ integrity, requires that physical power contacts has to be reported to competent energy authorities.
  • 2- MIFID-II: (Markets in Financial Instruments Directive) of 2014 intends to enhance markets’ transparency and resilience, requires that certain classes of physically settled derivatives to be reported to the competent financial authorities.
  • 3- EMIR: (European Market Infrastructure Regulation) of 2012, intends to increase the transparency and reduce risk in the Over-The-Counter (OTC) market, requires that power contracts negotiated on the OTC market (not on standard regular platforms) has to be reported the competent financial authorities.

In this context, figures show that the financial situation of the main power players in Europe is being affected by the more stringent regulatory environment; for example in 2015, 11 companies out of top 20 EU power companies reported a net loss equal to 13 Billion euros compared to 10 Billion euros for other 9 companies, out of the 13 billion losses, E.ON and ENGIE reported about 11.5 billion euro losses.

Seems that tough market conditions are hitting EU power companies due to the drop in the wholesale power price in Europe’s major markets. At the EU level, various factors may contribute to this tough situation, it can be the supply side related to  low fuel and emission allowance prices, on the demand side related to low demand caused by the down economics activity, the growth of renewables, and the EU market integration which may bring power prices to its competitive levels. Another important issue related the European Emission Trading Scheme (EU-ETS); since its initiation in 2005, power companies were granted free allocations and they were able to pass-through the price of the allowance to the wholesale price, means that making windfall profits. However, since the beginning of the 3rd trading phase in 2013, power companies are not any more receiving free allocations which contributes to losing part of their market power to pass the cost of free allowance to final customers, this also proves that as we move to further trading phases, power sector’s profits and share prices are in decline.

The story does not stop on huge negative earnings but also to bank borrowing, the shocking data released by big American and European banks revealing the huge size of loans granted to energy companies and many of these are facing the risk of default after the oil and natural gas price drops. To give a glimpse on this, reports reveal that $123 billion is the US banks’ loan portfolio to energy sector; EU banks are also engaged in such huge amounts that exceed $100 billion and in both areas significant portions of these loans are unfunded which makes the default risk to rise to alerting levels. Therefore, European banks are under pressure to raise capital ratios in order to offset troubled loans.   

At the end, the last decade shows that ambiguity is surrounding the power sector, and many structural changes have been happening due to stringent regulations, climate issue policies, and the economic downturns. However, policy makers have to be alert by concluding this article by the following questions:

  • 1- Is it the right time to penalize the power players for the market power exercised during the last decades?
  • 2- Are they really losing power, or they are just gaining power in another shape (in non-conventional generation market)?
  • 3- Are we heading to a power crisis in the near future? In which main power players to be acquired by their national governments?

 (3 gennaio 2018)

*Murad Harasheh, University of Milan-Bicocca. The views expressed herein are from the author’s perspective and do not necessarily reflect those of the institutions to which he belongs.

 

In Evidenza

Il caso paradigmatico dell’Arno: i benefici del fare e i costi del non fare nel caso di fondamentali opere pubbliche lungo il corso del fiume che bagna Firenze (di Alessandro Mazzei)

Il nostro Paese ha subìto, negli ultimi decenni, un diffuso, costante ed inesorabile rallentamento nella costruzione di opere infrastrutturali, in quasi tutti i settori. Pensiamo ai ritardi nell’ammodernamento di alcune infrastrutture viarie al centro e al sud Italia; vediamo gli ostacoli e i rallentamenti di opere fondamentali per l’approvvigionamento e la distribuzione energetica. Anche nel settore del servizio idrico integrato scontiamo una grave carenza di investimenti, spesso dovuta alla mancanza di coraggio di intere generazioni di politici ed amministratori locali, privi della volontà di utilizzare la leva tariffaria per finanziare il fabbisogno di capitali necessario agli ingenti investimenti per nuove opere e per la manutenzione straordinaria dei beni esistenti. In Toscana, stiamo relativamente meglio che in altre regioni della nostra penisola, grazie alle scelte coraggiose, anche se talvolta impopolari, degli amministratori degli ultimi venti anni, che hanno accettatto di far crescere le tariffe - che sono attualmente le più alte d’Italia - pur di realizzare opere fondamentali per l’approvvigionamento idrico e per la depurazione delle acque reflue. Eppure, anche in questa regione non tutte le scelte sono state così lungimiranti, almeno fino a qualche anno fa. In tema di difesa dal rischio idraulico della piana fiorentina, a partire dalla tragica alluvione del ‘66, poco o nulla è stato fatto per scongiurare un’eventuale ripetizione di quegli eventi, che oggi sarebbero ancora più devastanti e dirompenti, rispetto a cinquant’anni fa, soprattutto in termini economici.

Leggi tutto...

Antitrust e mercato dell’energia: quali prospettive? (di Ciro Favia)

  1. Il ruolo dell’Autorità Garante della concorrenza e del mercato nella tutela della concorrenza nei mercati dell’energia

Innanzitutto sarebbe opportuno partire da alcuni numeri: i tassi di switching che si registrano sui mercati dell’energia in Italia risultano ad oggi tra i più elevati in Europa; al 2016, quasi 14 milioni di clienti avevano scelto un fornitore di energia elettrica sul mercato libero, e di questi 10 milioni sono clienti domestici. Sempre nel 2016, 2,5 milioni di famiglie hanno cambiato nel corso dell’anno almeno una volta il proprio fornitore di energia elettrica. Tutto ciò sotto la spinta competitiva di oltre 500 operatori attivi nel mercato retail elettrico (in Francia sono 107, in Germania 115, in Inghilterra 46). La stessa Commissione Europea nel Consumer Markets Scoreboard 2016 ha riconosciuto la vitalità del mercato retail italiano, registrando un aumento del tasso di soddisfazione del 6,4% rispetto al 2015, uno dei tassi di crescita più alti dell’intero panorama europeo.

Leggi tutto...

Il potere di ordinanza sindacale alla luce della recente evoluzione normativa e giurisprudenziale (di Antonio De Vita)

  1. Il potere di ordinanza sindacale secondo le previsioni del T.U.E.L.

Le disposizioni contenute nel Testo unico degli enti locali – D. Lgs. n. 267 del 2000 – attribuiscono al Sindaco, tra l’altro, il potere di emanare ordinanze contingibili e urgenti[1].

In particolare, l’art. 50, in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale, prevede che il Sindaco possa adottare le predette ordinanze, nella qualità di rappresentante della comunità locale. Il decreto legge n. 14 del 2017 (c.d. Decreto Minniti), convertito con legge n. 48 del 2017, ha ampliato l’ambito di intervento del Sindaco, sempre nella veste di rappresentante della comunità locale, anche agli interventi volti a superare situazioni di grave incuria o degrado del territorio, dell’ambiente e del patrimonio culturale o di pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana, con particolare riferimento alle esigenze di tutela della tranquillità e del riposo dei residenti, anche con interventi in materia di orari di vendita, anche per asporto, e di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche.

Leggi tutto...

Power players have no power anymore (di Murad Harasheh)

The observer of the latest advancements at the international level regarding climate change actions can conclude that those actions taken at policy levels have counter effects on the oil, gas, and fossil power generators.

Following the global climate summit (COP21) in Paris in 2015, a Task Force on Climate Change and Financial Reporting (TCFD) was born lead by Michael Bloomberg, the establishment of the TCFD came as proposed by the Financial Stability Board (FSB) which was created by the G20 as a prudent response to the 2008 global financial crisis.

Leggi tutto...

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA