logo il merito

home paralax 00

Un Natale sotto zero

Tassi a zero: implicazioni e ripercussioni sul mondo del risparmio

(di Stefano Borghi)

 

Siamo stati preparati a tutto dal punto di vista meteorologico, la temperatura può averse escursioni di oltre 10 gradi nel giro di una settimana, ma quest’anno il Natale non sarà ricordato come uno dei più rigidi dal punto di vista del clima. C’è un altro parametro non climatico che però è precipitato sottozero in Europa: il tasso di interesse.

Il Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea con la riunione del 5 giugno del 2014 ha portato i tassi sui depositi presso la banca centrale ad una “remunerazione negativa” pari a -0.10%. Da qui siamo partiti e nell’ultima riunione del 3 dicembre 2015 siamo giunti a -0.4%.

Traducendo in pratica quanto è stato fatto, le banche devono pagare per detenere denaro presso i conti della banca centrale. Questa politica ha portato durante la seconda parte del 2015 a vedere emissioni nominali di titoli di Stato a valori negativi. Abbiamo dunque un paradosso: prestiamo soldi pagando pure chi li riceve!

Segue un grafico dove si evidenzia per paese e per scadenza la situazione al 25 Novembre 2015.

tab 1

Volendo contestualizzare quanto detto, prendiamo un BOT semestrale; nell’asta del 25 novembre 2011, in pieno caos economico, rendeva a scadenza 6.5% (prestavo 1000 euro allo Stato e a scadenza mi venivano restituiti 1065). Lo stesso tipo di BOT nell’ultima asta del 26 Novembre 2015 a scadenza dei soliti 1000 euro prestati ci verranno restituiti poco più che 998 euro; niente male in soli 4 anni! Questa situazione si è già vissuta negli anni passati quando il rendimento dei titoli o semplicemente la remunerazione di un c/c era inferiore al tasso di inflazione, quindi i rendimenti reali erano sostanzialmente negativi.

Secondo lo studio di una nota banca d’affari americana (J.P.Morgan) nell’eurozona ci sono circa 1.5 trilioni di euro di debito che hanno, per più di un anno, un tasso negativo. Dal grafico precedente “Money for nothing” possiamo notare che per avere rendimenti positivi da paesi definiti “più solidi” occorre investire in scadenze superiori a 5 anni (in Germania occorre anche più “duration” circa 7 anni).

Per farla semplice: quello che una volta era un investimento “sicuro” si è trasformato in una specie di prodotto derivato chiamato in gergo finanziario opzione call dove devi pagare un premio per assicurarti la realizzazione dell’evento desiderato e volendola dire tutta non sempre sai se la “scommessa” andrà a buon fine.

Ora la domanda sorge spontanea: ma che senso ha comprare questi titoli ? La domanda sembra più che corretta, ma invito a leggere i rendiconti post e vediamo che le aste fatte vanno sempre esaurite e spesso (anche se notiamo una certa diminuzione) con domande superiori all’offerta.

Nel caso specifico prendiamo ad esempio l’ultima emissione del 10 dicembre 2015 dove leggiamo che: “La Banca d’Italia ha comunicato che nell’asta di oggi dei BOT con scadenza 14 dicembre 2016 (annuali, Codice ISIN: IT0005154775) sono stati collocati tutti i titoli offerti dal ministero dell’Economia e delle Finanze (5,5 miliardi di euro l’ammontare complessivo). La domanda è stata buona, sulla base di 9,08 miliardi di euro di titoli richiesti. Di conseguenza, il rapporto di copertura (rapporto tra ammontare richiesto e quantitativo offerto) è stato di 1,65, in diminuzione rispetto all’1,87 dell’asta di metà novembre. Il rendimento lordo di aggiudicazione è stato negativo e pari al -0,003%, che equivale a un prezzo di aggiudicazione di 100,003”.

tab 2

Ma chi compra ?

Banche e fondi di investimento (i così detti “clienti istituzionali”), i quali lo fanno sia  per motivi tecnici, dovuti alle regole di diversificazione del portafoglio; sia per motivi di mandato, dovendo detenere obbligatoriamente esposizioni verso il mercato italiano. Come dimostravamo prima, la richiesta di questi titoli è dovuta anche a motivi pratici: non è facile trovare “rendimenti migliori” a pari scadenza (un titolo tedesco a dieci anni rende appena 0.15% lordo). Questo però porta a una conseguenza tutt’altro che trascurabile: tassi negativi per le banche significa tassi negativi per i clienti finali.

Consideriamo una serie di clienti istituzionali che per mandato operativo sono considerati “prudenti”: fondi pensione e compagnie assicurative; questo tipo di clienti per finanziare pensioni e premi assicurativi sono costretti ad aumentare il loro profilo di rischio cercando rendimenti il più possibile positivi, ma tutto ciò va contro la loro natura di clienti “avversi al rischio”.

Questa ricerca di rendimenti il più possibili positivi, ma anche necessariamente sempre più rischiosi, potrebbe farsi molto pericolosa nel medio/lungo periodo ed è facile immaginare il perché.

Vediamo questo contesto come può impattare sui risparmiatori (il così detto: “l’uomo della strada”).

Come abbiamo accennato precedentemente i tassi negativi dovrebbero incentivare gli operatori finanziari a tutti i livelli a far “girare la moneta” dovendo sostenere un costo aggiuntivo se questa è tenuta ferma, ma questa è solo teoria.

Le alternative che un risparmiatore potrebbero essere, fino a quando esistono margini, di cercare dei “conti deposito” che hanno un ritorno positivo, l’altra strada è quella di prelevare i contanti dal sistema bancario e detenerli in contanti evitando cosi di pagare i depositi, ma questa situazione aprirebbe le porte a scenari non molto “simpatici”: corsa agli sportelli, drenaggio di liquidità da istituti finanziari che offrano rendimenti poco redditizi (ma in teoria più sicuri), verso quelli che offrono rendimenti maggiori.

Per evitare quindi una possibile crisi di liquidità degli istituti finanziari interessati, il governo dovrebbe introdurre un controllo molto stringente sul quantitativo di contante detenibile dai privati. Sappiamo già l’impopolarità di tali norme.

Altra alternativa che un cliente privato può avere è quella di convertire il contante in metalli e pietre preziose di facile scambio; operazione tecnicamente più che corretta, ma è come ritornare al regime monetario metallico: un bel salto in dietro anche se sarebbe materia di un più accurato approfondimento per i pro e i contro che comporta.

Ultima alternativa potrebbe essere quella di convertire il contante in valute di paesi i cui tassi sono sempre positivi provocando un continuo flusso destabilizzante nel mercato dei cambi con tutto quello che comporta a livello di instabilità.

Sicuramente stiamo vivendo un periodo non semplicissimo dal punto di vista socioeconomico e questo implica prendere delle decisioni non usuali per cercare di rimettere in carreggiata il treno dell’economia europea, ma facciamo attenzione a non rovinare un diritto fondamentale della persona che è quello di assicurarsi una vecchiaia dignitosa grazie al lavoro di una vita.

La gestione dei propri risparmi non è un gioco d’azzardo!

  (29 gennaio 2016)

In Evidenza

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

L’importanza della giustizia amministrativa (di Sergio Fidanzia)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

Oltrepassamento della regolazione. Il nuovo paradigma dei servizi pubblici locali (di Simone Lucattini)

Il nuovo volto delle società pubbliche che erogano servizi d’interesse economico generale può essere osservato anche da una prospettiva per così dire "esterna" rispetto a quella che si concentra sulle deroghe al diritto delle società, sull’estensione a tali società delle discipline sull’attività amministrativa, sulla disciplina applicabile ai dipendenti e sui regimi societari: la prospettiva della regolazione ad opera di autorità amministrative indipendenti. Regolazione che costituisce una presenza condizionante, in grado di incidere sugli assetti e sulle linee d’azione delle società a partecipazione pubblica erogatrici di servizi pubblici a livello locale (acqua, rifiuti, trasporti). Di riflesso, a contatto con il mondo dei servizi pubblici locali e delle partecipate (oggetto di discipline inscindibili destinate a intersecarsi), il paradigma classico della regolazione sembra mutare, evolversi, facendo registrare scostamenti, alterazioni, variazioni di accenti e tonalità.

Leggi tutto...

Magistrati e separazione delle carriere. A proposito di una recente proposta (di Vincenzo Mancini)

 Affrontare un argomento, quale quello della separazione delle carriere dei giudici, richiede molta accortezza e umiltà per la complessità delle questioni in campo e la sensibilità (anche politica) del tema. Per cui è anche necessario essere liberi da  gabbie  ideologiche e condizionamenti di sorta. Operazione mai semplice - per nessuno - ma che voglio comunque tentare.

Leggi tutto...

Francia e Italia: modelli amministrativi a confronto. Un colloquio con Frédéric Puigserver (Conseil d’État) (di Simone Lucattini)

Ho incontrato Frédéric Puigserver, giovane componente del Conseil d’État e allievo dell’École nationale d’administration (ENA), in un recente seminario senese sulla giustizia amministrativa in Francia e Gran Bretagna. Ne è seguita una lunga "chiaccherata" su amministrazione e giustizia, presidenziali francesi, Europa; sullo sfondo delle vie di Siena, tra il Duomo e il Palazzo Pubblico, dove risplende l’affresco del Buono e del Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti… Di lì a poco si sarebbe celebrato il secondo turno delle presidenziali, con la vittoria di Macron.

Leggi tutto...

Valori e disvalori del lavoro: è giusta la meritocrazia? (di José Angel Lombo)

Che il Papa Francesco fosse specialmente sensibile alla realtà concreta e più specificamente al mondo dei lavoratori, era realtà ormai conosciuta. E che fosse persona diretta che non ama troppo i giri di parole, non era nascosto a nessuno. Ma nella sua recente visita allo stabilimento Ilva, durante il viaggio a Genova, ha puntato il dito verso una questione molto più profonda delle condizioni esistenziali - già di per sé drammatiche - dei lavoratori metalmeccanici.

Il contesto era particolarmente interessante ed emblematico, dal momento che contava sulla presenza di imprenditori, rappresentanti sindacali, impiegati e anche di persone disoccupate. In un certo senso si poteva considerare un campione dell’intera società italiana (e non solo).

Leggi tutto...

Un Game of Thrones in salsa saudita (di Fabio Nicolucci)

Da anni è ormai in atto una dura "guerra di successione" al trono in Arabia Saudita. E’ di qualche giorno fa la decisione del re Salman (81 anni) di saltare la linea di successione (tracciata d’accordo con il precedente re, suo fratello Abdallah) e di nominare al posto del Principe ereditario Mohammed bin Nayaf (57 anni) direttamente il proprio figlio Mohammed bin Salman (31). Una sorta di "golpe bianco", soprattutto per la discontinuità generazionale.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA