logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Il caso paradigmatico dell’Arno: i benefici del fare e i costi del non fare nel caso di fondamentali opere pubbliche lungo il corso del fiume che bagna Firenze (di Alessandro Mazzei)

Il nostro Paese ha subìto, negli ultimi decenni, un diffuso, costante ed inesorabile rallentamento nella costruzione di opere infrastrutturali, in quasi tutti i settori. Pensiamo ai ritardi nell’ammodernamento di alcune infrastrutture viarie al centro e al sud Italia; vediamo gli ostacoli e i rallentamenti di opere fondamentali per l’approvvigionamento e la distribuzione energetica. Anche nel settore del servizio idrico integrato scontiamo una grave carenza di investimenti, spesso dovuta alla mancanza di coraggio di intere generazioni di politici ed amministratori locali, privi della volontà di utilizzare la leva tariffaria per finanziare il fabbisogno di capitali necessario agli ingenti investimenti per nuove opere e per la manutenzione straordinaria dei beni esistenti. In Toscana, stiamo relativamente meglio che in altre regioni della nostra penisola, grazie alle scelte coraggiose, anche se talvolta impopolari, degli amministratori degli ultimi venti anni, che hanno accettatto di far crescere le tariffe - che sono attualmente le più alte d’Italia - pur di realizzare opere fondamentali per l’approvvigionamento idrico e per la depurazione delle acque reflue. Eppure, anche in questa regione non tutte le scelte sono state così lungimiranti, almeno fino a qualche anno fa. In tema di difesa dal rischio idraulico della piana fiorentina, a partire dalla tragica alluvione del ‘66, poco o nulla è stato fatto per scongiurare un’eventuale ripetizione di quegli eventi, che oggi sarebbero ancora più devastanti e dirompenti, rispetto a cinquant’anni fa, soprattutto in termini economici.

 

Gli interventi fatti e soprattutto quelli non fatti sul corso del fiume Arno rendono questa vicenda in qualche modo paradigmatica rispetto al tema delle opere pubbliche del nostro Paese: l’Arno infatti oggi è al tempo stesso croce e delizia per la città di Firenze. Delizia, perchè rappresenta la principale fonte di acqua per uso potabile per circa 6-700.000 abitanti dell’area fiorentina; croce, perchè costituisce la più rilevante fonte di rischio di alluvione per almeno la metà di quella stessa popolazione.

Le opere avviate nel corso degli anni Ottanta e portate a compimento nel decennio successivo hanno consentito di realizzare lungo la Sieve e lungo l’Arno, alle porte di Firenze, due infrastrutture fondamentali per l’approvvigionamento idrico dell’intera piana fiorentina: la diga di Bilancino e l’impianto di potabilizzazione dell’Anconella. La prima garantisce una fondamentale riserva idrica di circa 69 milioni di metri cubi che, ad esempio, quest’anno ha consentito di non avere alcun problema di emergenza idrica nella Toscana centrale (in particolare nelle province di Firenze, Prato e Pistoia), pur essendosi registrato l’anno più siccitoso del secolo e il maggior deficit di pioggia (- 60% rispetto all’anno precedente) degli ultimi decenni. La seconda consente di potabilizzare fino a 4 metri cubi al secondo, allo scopo di distribuire l’acqua per uso potabile dalle zone del Chianti, a sud, fino alla città di Pistoia, a nord. L’impianto dell’Anconella rappresenta uno degli impianti più all’avanguardia d’Europa e consente (insieme all’altro impianto di Mantignano) di dare da bere ad oltre 600.000 abitanti e agli enormi flussi turistici che investono quotidianamente la Toscana centrale.

A fronte di questi esempi di coraggio e lungimiranza degli amministratori pubblici dei decenni passati, proprio con riferimento all’Arno e in riferimento al rischio idraulico, ci sono alcuni progetti fermi da troppo tempo o che sono stati avviati solo pochi mesi fa. Ci riferiamo, per esempio, ad alcune opere che poco dopo l’alluvione del 1966 furono indicate come necessarie per evitare nuove tragedie come quella di cinquanta anni fa. Se verso la costa l’opera dello Scolmatore ha messo in sicurezza parte della città di Pisa e dei comuni a monte della stessa, ci sono molte zone del Valdarno superiore e la stessa città di Firenze, con molti Comuni della piana fiorentina, che ancora oggi sono esposte a seri rischi alluvionali.

L’innalzamento delle dighe di Levane e La Penna, situate tra Arezzo e Firenze, garantirebbe l’aumento della capacità di invaso di queste dighe e la possibilità di trattenere più acqua in caso di forti precipitazioni; la realizzazione di quattro grandi casse di espansione nelle zone di Incisa e Figline permetterebbe di dare sfogo alle piene del fiume, senza che queste possano costituire un serio rischio per le aree abitate a valle. Queste opere oggi risultano progettate e, in molti casi, avviate ed in fase di realizzazione, ma la Toscana sconta un ritardo enorme, messo recentemente in luce anche dalla International Technical Scientific Committee (ITSC), istituita in occasione del cinquantennale della grande alluvione del ‘66. Nel nostro Paese, troppe volte ci si culla nella considerazione che “non è più accaduto, non accadrà di nuovo”, rifugiandosi nella comodità del non fare e del non prendere decisioni importanti, spesso per compiacere l’immancabile “Comitato del No” e la minoranza rumorosa, dimenticandosi dei diritti e delle aspettattive della maggioranza silenziosa e, soprattutto, delle future generazioni. Gli ultimi anni, grazie ai fondi stanziati dal Governo e alla capacità progettuale e realizzativa messa in campo dalla Regione, sembra che il processo si sia invertito e che il fiume Arno possa diventare solo un’enorme risorsa per il suo territorio: non più minaccia ma fonte di ricchezza e di benessere per la città di Firenze ed i suoi abitanti.

 (3 gennaio 2018)

*Alessandro Mazzei è Direttore Generale dell’Autorità Idrica Toscana.

 

In Evidenza

Il caso paradigmatico dell’Arno: i benefici del fare e i costi del non fare nel caso di fondamentali opere pubbliche lungo il corso del fiume che bagna Firenze (di Alessandro Mazzei)

Il nostro Paese ha subìto, negli ultimi decenni, un diffuso, costante ed inesorabile rallentamento nella costruzione di opere infrastrutturali, in quasi tutti i settori. Pensiamo ai ritardi nell’ammodernamento di alcune infrastrutture viarie al centro e al sud Italia; vediamo gli ostacoli e i rallentamenti di opere fondamentali per l’approvvigionamento e la distribuzione energetica. Anche nel settore del servizio idrico integrato scontiamo una grave carenza di investimenti, spesso dovuta alla mancanza di coraggio di intere generazioni di politici ed amministratori locali, privi della volontà di utilizzare la leva tariffaria per finanziare il fabbisogno di capitali necessario agli ingenti investimenti per nuove opere e per la manutenzione straordinaria dei beni esistenti. In Toscana, stiamo relativamente meglio che in altre regioni della nostra penisola, grazie alle scelte coraggiose, anche se talvolta impopolari, degli amministratori degli ultimi venti anni, che hanno accettatto di far crescere le tariffe - che sono attualmente le più alte d’Italia - pur di realizzare opere fondamentali per l’approvvigionamento idrico e per la depurazione delle acque reflue. Eppure, anche in questa regione non tutte le scelte sono state così lungimiranti, almeno fino a qualche anno fa. In tema di difesa dal rischio idraulico della piana fiorentina, a partire dalla tragica alluvione del ‘66, poco o nulla è stato fatto per scongiurare un’eventuale ripetizione di quegli eventi, che oggi sarebbero ancora più devastanti e dirompenti, rispetto a cinquant’anni fa, soprattutto in termini economici.

Leggi tutto...

Antitrust e mercato dell’energia: quali prospettive? (di Ciro Favia)

  1. Il ruolo dell’Autorità Garante della concorrenza e del mercato nella tutela della concorrenza nei mercati dell’energia

Innanzitutto sarebbe opportuno partire da alcuni numeri: i tassi di switching che si registrano sui mercati dell’energia in Italia risultano ad oggi tra i più elevati in Europa; al 2016, quasi 14 milioni di clienti avevano scelto un fornitore di energia elettrica sul mercato libero, e di questi 10 milioni sono clienti domestici. Sempre nel 2016, 2,5 milioni di famiglie hanno cambiato nel corso dell’anno almeno una volta il proprio fornitore di energia elettrica. Tutto ciò sotto la spinta competitiva di oltre 500 operatori attivi nel mercato retail elettrico (in Francia sono 107, in Germania 115, in Inghilterra 46). La stessa Commissione Europea nel Consumer Markets Scoreboard 2016 ha riconosciuto la vitalità del mercato retail italiano, registrando un aumento del tasso di soddisfazione del 6,4% rispetto al 2015, uno dei tassi di crescita più alti dell’intero panorama europeo.

Leggi tutto...

Il potere di ordinanza sindacale alla luce della recente evoluzione normativa e giurisprudenziale (di Antonio De Vita)

  1. Il potere di ordinanza sindacale secondo le previsioni del T.U.E.L.

Le disposizioni contenute nel Testo unico degli enti locali – D. Lgs. n. 267 del 2000 – attribuiscono al Sindaco, tra l’altro, il potere di emanare ordinanze contingibili e urgenti[1].

In particolare, l’art. 50, in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale, prevede che il Sindaco possa adottare le predette ordinanze, nella qualità di rappresentante della comunità locale. Il decreto legge n. 14 del 2017 (c.d. Decreto Minniti), convertito con legge n. 48 del 2017, ha ampliato l’ambito di intervento del Sindaco, sempre nella veste di rappresentante della comunità locale, anche agli interventi volti a superare situazioni di grave incuria o degrado del territorio, dell’ambiente e del patrimonio culturale o di pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana, con particolare riferimento alle esigenze di tutela della tranquillità e del riposo dei residenti, anche con interventi in materia di orari di vendita, anche per asporto, e di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche.

Leggi tutto...

Power players have no power anymore (di Murad Harasheh)

The observer of the latest advancements at the international level regarding climate change actions can conclude that those actions taken at policy levels have counter effects on the oil, gas, and fossil power generators.

Following the global climate summit (COP21) in Paris in 2015, a Task Force on Climate Change and Financial Reporting (TCFD) was born lead by Michael Bloomberg, the establishment of the TCFD came as proposed by the Financial Stability Board (FSB) which was created by the G20 as a prudent response to the 2008 global financial crisis.

Leggi tutto...

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA