logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Un Game of Thrones in salsa saudita (di Fabio Nicolucci)

Da anni è ormai in atto una dura "guerra di successione" al trono in Arabia Saudita. E’ di qualche giorno fa la decisione del re Salman (81 anni) di saltare la linea di successione (tracciata d’accordo con il precedente re, suo fratello Abdallah) e di nominare al posto del Principe ereditario Mohammed bin Nayaf (57 anni) direttamente il proprio figlio Mohammed bin Salman (31). Una sorta di "golpe bianco", soprattutto per la discontinuità generazionale.

Una scelta di certo non facile, vista la gestione familistica e diretta delle ricchezze di cui gode il Regno fondato da Ibn Saud nel 1932, e che spezza il patto del 2015 tra Abdallah e Salman con un decreto del Re che è – come tutto in Arabia Saudita – inappellabile. Non resta che attendere le reazioni del detronizzato e degli altri rami della numerosissima famiglia reale. Questa saga Game of Thrones in salsa saudita non è affare di poco conto, sia per la potenza economica e geopolitica del Regno, custode dei due luoghi più santi dell’Islam Mecca e Medina, cheper le ripercussioni regionali: quasi tutta l’instabilità, oggi, nel Levante e nel Golfo trova il proprio epicentro più forte proprio nella lotta in corso a Riyad.

Il sismografo politico segna una forte agitazione. Anzitutto, la guerra "per procura" contro l’Iran, attualmente in corso, che è il frutto di un’ansia saudita per la perdita relativa di centralità dei sunniti seguita allo sconvolgimento portato dall’intervento Usa in Iraq nel 2003. Un’ansia la cui intensità suscita di solito meraviglia tra gli analisti distratti o astratti, perché è vero che l’Iran ha acquisito un corridoio e una presa in Iraq che non aveva finché la locale maggioranza sciita veniva tenuta sotto il tallone del sunnita Saddam Hussein, ma ciò non mette certo più di tanto all’angolo il gigante del Golfo e i sunniti di cui si proclama campione. Se però a tale fattore esterno si somma la lotta interna per il potere, ecco che l’ansia può divenire incontrollabile. E non sarebbe la prima volta. Si pensi al l’intervento saudita in Bahrein, all’intervento nello Yemen, e da ultimo alla crisi diplomatica con il Qatar. Nel Bahrein, una piccola isola a maggioranza sciita davanti alle coste saudite del Golfo e accanto alla penisola del Qatar, l’Arabia Saudita è intervenuta con un corpo di spedizione nel marzo del 2011 dopo la richiesta di "fraterno aiuto" della dinastia sunnita degli Al Khalifa lì regnante, minacciata dai moti di piazza. Quattro anni dopo è invece proprio il neo principe ereditario Mohammed bin Salman, allora ministro della difesa, a congegnare l’intervento saudita nello scontro tra i ribelli huthi di estrazione sciita e il presidente yemenita Hadi, tematizzato come una guerra alla crescente influenza dell’Iran, che tradizionalmente sostiene gli Huthi. Una guerra feroce, troppo periferica per interessare il mondo –migliaia di morti, moltissimi bambini, un paese distrutto e ora anche un epidemia di colera dopo la carestia degli ultimi anni – ma centrale negli equilibri dei Saud per la lotta di potere allora in pieno svolgimento tra il rampante ministro della difesa saudita – che congegnava un intervento aereo - e il suo rivale, ora detronizzato, Mohammed bin Nayef, a capo del Ministero dell’Interno che puntava su di un intervento di terra, in modo da oscurare la stella del rivale in un pantano yemenita. Infine, la crisi con il Qatar. Dopo quella sullo Yemen, dove in palio erano i galloni di campione della lotta agli sciiti, questa è stata infatti congegnata per attribuire i galloni del campione dei sunniti. Di conseguenza colpendo con un embargo le finanze dell’altro competitore alla guida dei sunniti, facendo asse con il ricco Principe ereditario di Abu Dhabi Mohammed bin Zayed, che vede il Qatar come fumo negli occhi.

Siamo ora alla stretta finale e tutte le cedole e le credenziali sono state messe all’incasso. C’è dunque da augurarsi che questa guerra di successione, questo Game of Thrones in salsa saudita, produca presto un equilibrio duraturo, e magari progressivo; in tal senso sarebbe auspicabile che agisse il Presidente Usa e l’occidente. Perché come ben sappiamo noi europei, se le guerre di successione non si risolvono presto, come fu nel XVIII secolo in Europa, ci può anche scappare una Rivoluzione. E non è detto, con il jihadismo così radicato nel wahhabismo, che alla fine prevalgano liberté, egalité, e fraternité.

(6 luglio 2017)

In Evidenza

Cross-border electricity interconnections in the Mediterranean basin (di Alessandro Rubino)

Leggi l’articolo in pdf qui

Verso l’adozione del nuovo regolamento ministeriale sugli esponenti bancari: fine di un paradigma ed estensione della vigilanza prudenziale “qualitativa” (di Michele Cossa)

Nel mio precedente articolo su questa Rivista (Esponenti di intermediari bancari: verso un “merito imposto”, dicembre 2016), mi ero soffermato sui vecchi e nuovi poteri delle autorità di vigilanza europee e nazionali sugli esponenti apicali di intermediari bancari, commentando, in uno con il molto discusso removal successivo, anche il giudizio ex ante sull’idoneità del soggetto a ricoprire l’incarico.

Leggi tutto...

Riutilizzo delle acque e servizi ecosistemici: un’analisi critica per una governance più sostenibile (di Francesco Fatone e Andrea Guerrini)

I modelli di governance e di regolazione rappresentano un elemento chiave per incentivare la realizzazione di sistemi di economia circolare all’interno del settore idrico. Sia il recupero di materie e di energia dai fanghi di depurazione, sia il reimpiego dell’acqua trattata per finalità agricole ed industriali, pur essendo prassi virtuose da un punto di vista ambientale, necessitano di un ritorno anche da un punto di vista economico per poter essere attuabili.

Leggi tutto...

Le società miste di gestione di servizi pubblici locali e la diffusione di un modello europeo (di Sandra Antoniazzi)

Sommario1. Le società miste per la gestione di servizi pubblici locali nel Regno Unito, in Francia, Spagna e Germania. - 2. Le società miste nell’ordinamento italiano e l’intricato quadro normativo prima della legge delega 7 agosto 2015, n. 124. - 3. La recente innovazione normativa: l’art. 17 del Decreto Legislativo 19 agosto 2016, n. 175, sulle società a partecipazione mista pubblico-privata. - 4. La società mista come espressione di PPPI e la promozione del modello europeo in un contesto di carenza di risorse finanziarie e organizzative degli enti locali. - 5. Le conclusioni dell’indagine.

Leggi tutto...

Cercando un altro Egitto (a partire dalla regolazione) (di Salvatore Lanza)

Giovedì 14 settembre 2017 Giampaolo Cantini si è insediato in veste di nuovo ambasciatore italiano in Egitto, dopo oltre un anno dalla sua nomina avvenuta nel maggio del 2016 a seguito del ritiro del precedente ambasciatore Maurizio Massari, nominato poi Ambasciatore italiano presso l’Unione europea.

Il ritiro di Massari, deciso dall’allora Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, fu un atto di protesta del governo italiano nei confronti di quello egiziano per la scarsa collaborazione sul caso della morte di Giulio Regeni, in merito alla quale un recente articolo comparso sul New York Times ha sollevato nuovamente il tema delle responsabilità delle agenzie di sicurezza egiziane, gettando ombre anche sui vertici delle istituzioni [1].

Leggi tutto...

Convegno CESIFIN/Il Merito.Pratica per lo sviluppo "Emergenza classe dirigente" - Firenze, 3 novembre 2017

IMG 5694

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

NEL MERITO

IN PRATICA