logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Un Game of Thrones in salsa saudita (di Fabio Nicolucci)

Da anni è ormai in atto una dura "guerra di successione" al trono in Arabia Saudita. E’ di qualche giorno fa la decisione del re Salman (81 anni) di saltare la linea di successione (tracciata d’accordo con il precedente re, suo fratello Abdallah) e di nominare al posto del Principe ereditario Mohammed bin Nayaf (57 anni) direttamente il proprio figlio Mohammed bin Salman (31). Una sorta di "golpe bianco", soprattutto per la discontinuità generazionale.

Una scelta di certo non facile, vista la gestione familistica e diretta delle ricchezze di cui gode il Regno fondato da Ibn Saud nel 1932, e che spezza il patto del 2015 tra Abdallah e Salman con un decreto del Re che è – come tutto in Arabia Saudita – inappellabile. Non resta che attendere le reazioni del detronizzato e degli altri rami della numerosissima famiglia reale. Questa saga Game of Thrones in salsa saudita non è affare di poco conto, sia per la potenza economica e geopolitica del Regno, custode dei due luoghi più santi dell’Islam Mecca e Medina, cheper le ripercussioni regionali: quasi tutta l’instabilità, oggi, nel Levante e nel Golfo trova il proprio epicentro più forte proprio nella lotta in corso a Riyad.

Il sismografo politico segna una forte agitazione. Anzitutto, la guerra "per procura" contro l’Iran, attualmente in corso, che è il frutto di un’ansia saudita per la perdita relativa di centralità dei sunniti seguita allo sconvolgimento portato dall’intervento Usa in Iraq nel 2003. Un’ansia la cui intensità suscita di solito meraviglia tra gli analisti distratti o astratti, perché è vero che l’Iran ha acquisito un corridoio e una presa in Iraq che non aveva finché la locale maggioranza sciita veniva tenuta sotto il tallone del sunnita Saddam Hussein, ma ciò non mette certo più di tanto all’angolo il gigante del Golfo e i sunniti di cui si proclama campione. Se però a tale fattore esterno si somma la lotta interna per il potere, ecco che l’ansia può divenire incontrollabile. E non sarebbe la prima volta. Si pensi al l’intervento saudita in Bahrein, all’intervento nello Yemen, e da ultimo alla crisi diplomatica con il Qatar. Nel Bahrein, una piccola isola a maggioranza sciita davanti alle coste saudite del Golfo e accanto alla penisola del Qatar, l’Arabia Saudita è intervenuta con un corpo di spedizione nel marzo del 2011 dopo la richiesta di "fraterno aiuto" della dinastia sunnita degli Al Khalifa lì regnante, minacciata dai moti di piazza. Quattro anni dopo è invece proprio il neo principe ereditario Mohammed bin Salman, allora ministro della difesa, a congegnare l’intervento saudita nello scontro tra i ribelli huthi di estrazione sciita e il presidente yemenita Hadi, tematizzato come una guerra alla crescente influenza dell’Iran, che tradizionalmente sostiene gli Huthi. Una guerra feroce, troppo periferica per interessare il mondo –migliaia di morti, moltissimi bambini, un paese distrutto e ora anche un epidemia di colera dopo la carestia degli ultimi anni – ma centrale negli equilibri dei Saud per la lotta di potere allora in pieno svolgimento tra il rampante ministro della difesa saudita – che congegnava un intervento aereo - e il suo rivale, ora detronizzato, Mohammed bin Nayef, a capo del Ministero dell’Interno che puntava su di un intervento di terra, in modo da oscurare la stella del rivale in un pantano yemenita. Infine, la crisi con il Qatar. Dopo quella sullo Yemen, dove in palio erano i galloni di campione della lotta agli sciiti, questa è stata infatti congegnata per attribuire i galloni del campione dei sunniti. Di conseguenza colpendo con un embargo le finanze dell’altro competitore alla guida dei sunniti, facendo asse con il ricco Principe ereditario di Abu Dhabi Mohammed bin Zayed, che vede il Qatar come fumo negli occhi.

Siamo ora alla stretta finale e tutte le cedole e le credenziali sono state messe all’incasso. C’è dunque da augurarsi che questa guerra di successione, questo Game of Thrones in salsa saudita, produca presto un equilibrio duraturo, e magari progressivo; in tal senso sarebbe auspicabile che agisse il Presidente Usa e l’occidente. Perché come ben sappiamo noi europei, se le guerre di successione non si risolvono presto, come fu nel XVIII secolo in Europa, ci può anche scappare una Rivoluzione. E non è detto, con il jihadismo così radicato nel wahhabismo, che alla fine prevalgano liberté, egalité, e fraternité.

(6 luglio 2017)

In Evidenza

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

La valutazione delle performance per il miglioramento della regolazione (di Nicolò Di Gaetano)


“Se non si può misurare qualcosa, non si può migliorare”
(Lord Kelvin)

Come recita l’economia classica, in realtà ampiamente contraddetta dai teorici dell‘economia comportamentale con cui è stato di recente vinto un Nobel (Richard Thaler), in un mercato libero perfettamente concorrenziale e senza asimmetrie informative, il consumatore è in grado di poter scegliere il proprio fornitore attraverso la comparazione dei prezzi e della qualità dei beni (o dei servizi) che si accinge a comprare per soddisfare le proprie necessità. In questo mondo perfetto è la concorrenza che induce gli attori del mercato ad un continuo miglioramento delle proprie performance, soprattutto per generare quel profitto che è alla base della propria ragion di essere accanto all’accettabilità sociale e sempre più spesso ambientale che inizia a contraddistinguere alcune realtà più avanzate.

Leggi tutto...

Regolare la complessità del settore idrico (di Elena Gallo)

 

Leggi l'articolo in pdf qui

Leggi tutto...

L’industria dei servizi pubblici. Un dialogo con Stefano Venier (di Simone Lucattini)

Stefano Venier è alla guida di una delle più grandi multiutility italiane, Gruppo Hera, che opera nei settori dell’energia, dell’idrico e dei rifiuti, dovendosi quindi confrontare ogni giorno con diverse strutture di mercato e sistemi di regolazione.

Leggi tutto...

Lo stato delle tasse e delle mance (di Michele Governatori)

Una volta ancora quest’anno, in preparazione alla Legge di Stabilità, è arrivato il voto parlamentare necessario per Costituzione (la quale prevede il principio dell’equilibrio di bilancio) a permettere un deficit dei conti pubblici.

Qual è la strategia politica sottesa, in questa scelta? Quella di uno Stato sempre più esteso nella sua influenza nell’economia, spacciata per lo più come stimolo alla “crescita”, ma che nel contempo si permette di restare inefficace nei settori che invece sicuramente gli attengono, e la cui deficienza altrettanto sicuramente ha effetti negativi sulla crescita, in primis istruzione, giustizia e garanzia di legalità, burocrazia.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA