logo il merito

home paralax 00

Irresponsabili: potere e classe dirigente in Italia. Un dialogo con Alessandra Sardoni (di Simone Lucattini)

Ho in mano il recente libro di Alessandra Sardoni, giornalista nota al pubblico televisivo come conduttrice di Omnibus e inviato della redazione politica del Tg La7. Un libro dal titolo quantomai significativo, Irresponsabili (Rizzoli, 2017), dove s’intraprende un documentato viaggio nelle mille irresponsabilità italiane di questi anni e da cui emerge il drammatico bisogno di leadership trasparenti, efficaci, consapevoli di sé e soprattutto adulte”. Una vera e propria “emergenza classe dirigente”, come l’abbiamo più volte definita su Il Merito. Pratica per lo sviluppo.  Ne parliamo con l’Autrice, convinti che sia ormai la forza della necessità a imporre un cambiamento.

 

                                                                  ***

Nell’introduzione del Suo libro, l’invocazione di leadership finalmente “adulte” si lega ad una radicale critica della “tradizione italiana” fatta di èlite politiche intente a “prendere tempo, separare un’azione dalle sue conseguenze, allontanare il momento della risposta”. Una classe dirigente già in passato definitariluttante(C. Galli, I riluttanti, Laterza, 2012), dallosguardo corto(L. Ornaghi - V.E. Parsi, Lo sguardo corto, Laterza, 2001). Mi pare di poter dire che l’irresponsabilità sia, per certi versi, una sintesi di riluttanza e mancanza di prospettiva. O c’è anche altro?

Gli irresponsabili del libro sono certamente riluttanti rispetto alla pienezza dei compiti connessi ai loro ruoli. E certamente sono anche privi di una dimensione prospettica: si muovono infatti solo nel presente, pronti a prendere le distanze dal passato e ad evitare il piano delle conseguenze che è precisamente quello della responsabilità. L’elemento ulteriore è che gli irresponsabili cercano e percorrono vie di fuga: consociativismo, corporativismi, familismo, teorie del complotto, deleghe alla magistratura, ricerca di una dimensione “innocente”, infantile e narcisistica …

Le riforme (pubblica amministrazione, in primis) e le azioni (revisione della spesa pubblica) più importanti e urgenti presentano alti costi politici nell’immediato e producono benefici solo sul medio-lungo termine. E la nostra classe dirigente politica non sembra disposta a subire una perdita di consenso, certa oggi, in cambio di un ritorno elettorale incerto, domani. Fatti due conti, il politico non liberalizza, a vantaggio della corporazione di turno, o non taglia la spesa pubblica improduttiva. Un impasse da cui sembra difficile uscire …  

Torniamo al tema della dimensione del presente come unica regione frequentata dagli irresponsabili, cioè dalle leadership (non solo politiche) nostrane anche se il fenomeno va allargandosi. In tutto l’occidente c’è una riluttanza quando non una vera e propria allergia ad accettare l’idea della colpa. In Italia si aggiunge ad altre incrostazioni. Certamente lo schema delle campagne elettorali permanenti non aiuta ad uscire dall’impasse che lei opportunamente descrive.

Per poter effettuare scelte dolorose ma necessarie sembra allora non esservi altra soluzione che quella dei tecnici al governo. Una soluzione peraltro più volte sperimentata (governi Ciampi, Dini, Monti) che rappresenta una modalità di deresponsabilizzazione della politica sconosciuta negli altri Paesi europei dove, come osservato dal politologo Gianfranco Pasquino (opportunamente citato nel libro), mai “si accetterebbe una riforma delle pensioni fatta da qualcuno che non è stato eletto” e dove “i partiti ci tengono a dimostrare che al loro interno hanno anche profili e competenze tecniche”. Da noi, invece, i tecnici vengono scelti per lo più per cooptazione e fedeltà al leader del momento e gli intellettuali fanno, tutto sommato, “coreografia” ...

 

I governi tecnici sono una delle tante vie di fuga degli irresponsabili. Gli si dà il potere per un breve periodo perché facciano le cose che i politici non vogliono fare. Poi rapidamente si prendono le distanze da provvedimenti spesso votati o appoggiati o incoraggiati secondo un meccanismo sempre uguale a se stesso. Ai tecnici si fa scontare il loro essere spesso antipolitici … perché spesso lo sono: c’è un’antipolitica dei tecnici che è poi il loro contrappasso. Diverso è il caso che lei cita: gli innesti dei tecnici nei governi politici.. ad esempio il ministro Padoan nel primo governo Renzi. E’ chiaro che in quel caso deve esserci fedeltà. Però dovrebbe essere condizionata e soprattutto limitata altrimenti perché scegliere il tecnico? E non sempre è così.

A proposito di governi tecnici, mi ha molto colpito la descrizione che si fa nel libro della vicenda, politica e umana, di Elsa Fornero: perfetto capro espiatorio e unica eccezione alla riottosità italiana ad assegnare le responsabilità politiche individuali”.

Elsa Fornero è una figura importante nello schema di ragionamento del libro. Paga il prezzo di aver imboccato la strada della personalizzazione (lacrime, visibilità, mediaticità personale nel bene e nel male) senza avere sufficiente potere ed essendo “impolitica”. Caratteristiche che ne fanno la candidata perfetta al ruolo di capro espiatorio. Il suo doverismo, il suo coraggio e anche una dose di vanità la rendono capace di assumersi la responsabilità della riforma delle pensioni e questo fa comodo a tutti gli altri. Nulla come la previdenza è il campo di gioco della politica italiana … di tutti i partiti perfino di quelli che teoricamente avevano puntato sulle questioni generazionali.

Lo sguardo corto delle nostre leadership politiche pare aggravato da una generale perdita di fiducia e credibilità. Il tempo è infatti una risorsa di cui il politico si dota attraverso la fiducia: i cittadini danno al politico il tempo necessario a realizzare un determinato progetto, anche sopportandone i costi, fintantochè si fidano di quel politico. Ma se le élite politiche non godono più della fiducia dei cittadini, allora, la risorsa-tempo viene, per forza di cose, presto a mancare. Ci si stanca presto, et voilà, nuovo giro di valzer: nuova classe dirigente, nuovo progetto, in una corsa senza fine e, soprattutto, senza risultati tangibili e duraturi.

Questo fenomeno è comune anche ad altri paesi. Da noi è più forte perché abbiamo un’offerta politica che specie dopo il governo Monti, è ancor più riluttante a cavalcare il tema dei sacrifici, a parlare in modo veritiero e a proporre una prospettiva di medio e lungo termine facendo leva sul tema dei figli. In una specie di mostruosità ormai antropologica i figli si proteggono in modo forsennato da tutto e in cambio li si chiude nel presente, nel nostro presente, sottraendo loro il futuro … loro non crescono e i genitori… nemmeno.

Più in generale il nostro Paese sconta un grave problema di selezione della classe dirigente, politica e non. Alla base c’è sicuramente un problema di formazione e selezione. In Italia sono venute meno le scuole di partito, l’Iri – palestra di manager pubblici –, anche la Banca d’Italia mostra qualche acciacco e la Scuola superiore della pubblica amministrazione non è mai decollata, neppure avvicinandosi al livello dell’Ecole nationale d’administration francese. Una selezione che di certo, come emerge dal Suo libro, non può essere appaltata alla giustizia e alla magistratura che altrimenti finisce per svolgere un improprio ruolo di supplenza?

 

E’ così l’irresponsabilità, la tentazione dell’innocenza, il narcisismo, “l’infantilismo” e la “vittimizzazione” sono proprio le facce di questa mancanza di visione e dello sforzo di trovarla o costruirla.    

Nelle conclusioni del libro, si parla del tramonto dell’Europa come vincolo esterno. Abbiamo insomma reso ormai inutilizzabile anche la formula, quasi liturgica, “ce lo chiede l’Europa”, “panacea contro l’impopolarità dei sacrifici … virtù taumaturgica contro i vizi del Paese”. L’unico vettore delle scelte pare divenuta “la forza oggettivante dell’emergenza”. Di fronte alle sfide epocali che attendono l’Italia sembra dunque aprirsi una drammatica crisi di visione, di fronte alla quale il costo dell’irresponsabilità rischia davvero di divenire insopportabile. 

In Evidenza

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

L’importanza della giustizia amministrativa (di Sergio Fidanzia)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

Oltrepassamento della regolazione. Il nuovo paradigma dei servizi pubblici locali (di Simone Lucattini)

Il nuovo volto delle società pubbliche che erogano servizi d’interesse economico generale può essere osservato anche da una prospettiva per così dire "esterna" rispetto a quella che si concentra sulle deroghe al diritto delle società, sull’estensione a tali società delle discipline sull’attività amministrativa, sulla disciplina applicabile ai dipendenti e sui regimi societari: la prospettiva della regolazione ad opera di autorità amministrative indipendenti. Regolazione che costituisce una presenza condizionante, in grado di incidere sugli assetti e sulle linee d’azione delle società a partecipazione pubblica erogatrici di servizi pubblici a livello locale (acqua, rifiuti, trasporti). Di riflesso, a contatto con il mondo dei servizi pubblici locali e delle partecipate (oggetto di discipline inscindibili destinate a intersecarsi), il paradigma classico della regolazione sembra mutare, evolversi, facendo registrare scostamenti, alterazioni, variazioni di accenti e tonalità.

Leggi tutto...

Magistrati e separazione delle carriere. A proposito di una recente proposta (di Vincenzo Mancini)

 Affrontare un argomento, quale quello della separazione delle carriere dei giudici, richiede molta accortezza e umiltà per la complessità delle questioni in campo e la sensibilità (anche politica) del tema. Per cui è anche necessario essere liberi da  gabbie  ideologiche e condizionamenti di sorta. Operazione mai semplice - per nessuno - ma che voglio comunque tentare.

Leggi tutto...

Francia e Italia: modelli amministrativi a confronto. Un colloquio con Frédéric Puigserver (Conseil d’État) (di Simone Lucattini)

Ho incontrato Frédéric Puigserver, giovane componente del Conseil d’État e allievo dell’École nationale d’administration (ENA), in un recente seminario senese sulla giustizia amministrativa in Francia e Gran Bretagna. Ne è seguita una lunga "chiaccherata" su amministrazione e giustizia, presidenziali francesi, Europa; sullo sfondo delle vie di Siena, tra il Duomo e il Palazzo Pubblico, dove risplende l’affresco del Buono e del Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti… Di lì a poco si sarebbe celebrato il secondo turno delle presidenziali, con la vittoria di Macron.

Leggi tutto...

Valori e disvalori del lavoro: è giusta la meritocrazia? (di José Angel Lombo)

Che il Papa Francesco fosse specialmente sensibile alla realtà concreta e più specificamente al mondo dei lavoratori, era realtà ormai conosciuta. E che fosse persona diretta che non ama troppo i giri di parole, non era nascosto a nessuno. Ma nella sua recente visita allo stabilimento Ilva, durante il viaggio a Genova, ha puntato il dito verso una questione molto più profonda delle condizioni esistenziali - già di per sé drammatiche - dei lavoratori metalmeccanici.

Il contesto era particolarmente interessante ed emblematico, dal momento che contava sulla presenza di imprenditori, rappresentanti sindacali, impiegati e anche di persone disoccupate. In un certo senso si poteva considerare un campione dell’intera società italiana (e non solo).

Leggi tutto...

Un Game of Thrones in salsa saudita (di Fabio Nicolucci)

Da anni è ormai in atto una dura "guerra di successione" al trono in Arabia Saudita. E’ di qualche giorno fa la decisione del re Salman (81 anni) di saltare la linea di successione (tracciata d’accordo con il precedente re, suo fratello Abdallah) e di nominare al posto del Principe ereditario Mohammed bin Nayaf (57 anni) direttamente il proprio figlio Mohammed bin Salman (31). Una sorta di "golpe bianco", soprattutto per la discontinuità generazionale.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA