logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Presidenziali francesi e social trends (di Francesco Laschi)

Le presidenziali francesi hanno portato al ballottaggio i due candidati, per certi versi, più innovativi: Macron, candidato indipendente, fortemente europeista, volto giovane della politica e Le Pen, la leader del Front National, che ha incentrato la sua politica su anti europeismo e nazionalismo “spinto”. In un articolo pubblicato su Il Merito. Pratica per lo sviluppo (consultabile qui), abbiamo già trattato l’argomento, cercando di formulare qualche previsione attraverso l’andamento dei vari candidati sui social, in particolare Twitter. Ricorrendo al medesimo metodo, vorremmo oggi, all'esito del ballottaggio, svolgere alcune ulteriori riflessioni.

 

In breve, Macron, al primo turno, ha raggiunto il primato per voti ricevuti, distanziando di circa un milione di preferenze Marine Le Pen, con Fillon posizionatosi a soli 400 mila voti di distanza. Non troppo distante si è fermato il candidato socialista Melanchon, mentre Hamon è risultato il simbolo della disfatta della sinistra “hollandiana”, ricevendo soltanto il 6,4%. Qui sotto, il dettaglio delle percentuali di voto (fonte Repubblica.it)

 risultati

Cosa è accaduto?

Il 7 maggio 2017 i francesi sono tornati alle urne per decidere chi sarà il loro presidente. Nel frattempo i due candidati hanno avuto a disposizione due altre settimane di campagna elettorale.

Da uno sguardo ai social, emerge che l’iniziale vantaggio “sociale” della Le Pen si è via via andato erodendo a vantaggio di Macron.

 crescita

L’analisi, proposta sopra a cura di BirdSongAnalytics.com, sottolinea come i follower di Macron siano cresciuti molto di più nell’immediato dopo primo turno elettorale, rispetto a quelli dell’avversaria. Il dato però più interessante arriva dai numeri (al 24 aprile 2017): la crescita dei seguaci di Macron è di 25,5 mila pari ad una crescita del 3,8% mentre Le Pen ha conquistato 16,8 mila nuovi amici, pari a 1,2% di incremento. Lo scarto dei voti fra i due è stato di 977.833 voti, in percentuale abbiamo quindi un divario di 2,7%. Incrociamo i dati:

24% voti – 21,3% voti = 2,7

3,8% nuovi follower – 1,2% nuovi follower = 2,6

Come già sottolineato sulle pagine de Il Merito. Pratica per lo sviluppo, i dati estrapolati confermano l'efficacia di Twitter come termometro elettorale. I segnali di tali pensiero sono emersi, in Francia, con la fondazione del sito www.politoscope.org, del quale consigliamo la lettura perl’ottima traduzione dei dati provenienti dal social network.

Tornando alla Le Pen, si deve considerare che la leader conta molti commenti negativi e follower avversi al Fronte Nazionale. Quanto a Macron, invece, il web ha evidenziato una costante crescita dei follower su Twitter e numerose citazioni che lo hanno portato ad essere uno dei trend topic del momento, già prima della annunciata vittoria al ballottaggio (#macron).

Analizzando i dati di twittermap.com, notiamo come le citazioni del candidato indipendente, sia per hashtag che per parole, superino di gran lunga quelle della Le Pen. I dati mostrano:

keyword/hashtag Keyword hashtag
Macron / #macron 600 mila 180 mila
Le Pen / #lepen 51 mila 55 mila

trendsle

 trendslepen

trendsmac

trendsmacron

Le mappe ci dicono molto anche sulla dislocazione dei tweet, concentrati, sì, in Europa, ma che evidenziano l’attenzione mondiale per i risultati delle presidenziali francesi, messe spesso in relazione con lo scontro, in atto nel vecchio continente, tra favorevoli e sfavorevoli all’UE, per semplificare.

I social hanno, altresì, evidenziato molti punti in comune tra Macron e Trudeau, attuale premier Canadese; ad accumunarli, secondo la rete, sono la giovane età, la telegenia, le idee liberali e globali. A questo si aggiunge la vocazione di Macron per la tecnologia, le nuove start up, l’economia 4.0, che, in prospettiva potrebbe risultare fondamentale per raccogliere l’“eredità” lasciata dalla Brexit e fare della Francia la nuova incubatrice tecnologica europea.

I risultati del ballottaggio sono stati inequivocabili, in linea con i dati raccolti dai social, proclamando, con largo consenso, Macron nuovo presidente della repubblica francese. La logica forzatamente bi-polare del ballottaggio si presta, tuttavia, a considerazioni ulteriori rispetto a quelle relative al consenso dei candidati. Ed infatti, il dato che più colpisce è quello sull'astensionismo, record assoluto per la Francia, attestatosi al 25,3%. Al solito, Twitter aveva fornito uno spunto, lasciando presagire che, questa volta, i cittadini astenuti sarebbero stati in numero cospicuo, attraverso la comparsa dell'hashtag #SansMoiLe7Mai. La frase lanciata su Twitter, in particolare dai sostenitori di Melanchon, ha ricordato il malcontento di molti francesi, che di conseguenza hanno scelto di non recarsi alle urne. Ancora una volta, i social aprono uno spiraglio sulla realtà politica.

 

In Evidenza

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

La valutazione delle performance per il miglioramento della regolazione (di Nicolò Di Gaetano)


“Se non si può misurare qualcosa, non si può migliorare”
(Lord Kelvin)

Come recita l’economia classica, in realtà ampiamente contraddetta dai teorici dell‘economia comportamentale con cui è stato di recente vinto un Nobel (Richard Thaler), in un mercato libero perfettamente concorrenziale e senza asimmetrie informative, il consumatore è in grado di poter scegliere il proprio fornitore attraverso la comparazione dei prezzi e della qualità dei beni (o dei servizi) che si accinge a comprare per soddisfare le proprie necessità. In questo mondo perfetto è la concorrenza che induce gli attori del mercato ad un continuo miglioramento delle proprie performance, soprattutto per generare quel profitto che è alla base della propria ragion di essere accanto all’accettabilità sociale e sempre più spesso ambientale che inizia a contraddistinguere alcune realtà più avanzate.

Leggi tutto...

Regolare la complessità del settore idrico (di Elena Gallo)

 

Leggi l'articolo in pdf qui

Leggi tutto...

L’industria dei servizi pubblici. Un dialogo con Stefano Venier (di Simone Lucattini)

Stefano Venier è alla guida di una delle più grandi multiutility italiane, Gruppo Hera, che opera nei settori dell’energia, dell’idrico e dei rifiuti, dovendosi quindi confrontare ogni giorno con diverse strutture di mercato e sistemi di regolazione.

Leggi tutto...

Lo stato delle tasse e delle mance (di Michele Governatori)

Una volta ancora quest’anno, in preparazione alla Legge di Stabilità, è arrivato il voto parlamentare necessario per Costituzione (la quale prevede il principio dell’equilibrio di bilancio) a permettere un deficit dei conti pubblici.

Qual è la strategia politica sottesa, in questa scelta? Quella di uno Stato sempre più esteso nella sua influenza nell’economia, spacciata per lo più come stimolo alla “crescita”, ma che nel contempo si permette di restare inefficace nei settori che invece sicuramente gli attengono, e la cui deficienza altrettanto sicuramente ha effetti negativi sulla crescita, in primis istruzione, giustizia e garanzia di legalità, burocrazia.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA