logo il merito

home paralax 00

 

Keep calm and carry on? (a proposito di Brexit)

di Franco Mancini

C’è una parola in Inglese che non trova un corrispettivo esatto nel vocabolario italiano: “hangover” traducibile più o meno come “postumi da sbornia”. 

 In 20 anni di lavoro nella City di Londra, dove è rito uscire il giovedì sera a bere birra con i colleghi, di hangovers ne ho gestiti tanti ma mai come quello con cui mi sono svegliato Venerdì 24 Giugno. E pensare che non sono uscito la sera prima, attaccato alla televisione a seguire gli exit polls del referendum.  Credo che Venerdì 24 molti Britannici, e non, si siano svegliati con l’hangover.  1,2 milioni di voti hanno dato la vittoria ai “Leave” . I numeri parlano chiaro: i giovani (18-24 anni) hanno votato “Remain” , gli “over 65” hanno votato “Leave” .  Se il diritto di voto fosse stato esteso ai 16/17 enni (1,42 milioni) il “Remain” sarebbe arrivato all'82%: circa 1.2 milioni di voti, per l'appunto, che avrebbero probabilmente cambiato le sorti del referendum.

Un altro aspetto aspetto statistico interessante, evidenziato nella tabella qui sotto, sta nel fatto che i giovani (età media 21 anni) con un'aspettativa di vita di 90 anni, si troveranno a gestire le conseguenze di questa decisione per i prossimi 70 anni, mentre gli “over 65” che hanno votato per uscire, solamente 16 anni.

 tab

Non so se questa volta il popolo britannico riuscirà a “Keep calm and carry on” . Almeno non sembra cosi. La Scozia parla già di un referendum per rimanere in Europa e staccarsi dal Regno Unito, così come l'Irlanda del Nord per non parlare della petizione; per annullare il referendum che in 24 ore ha già raccolto quasi 3 milioni di firme. C'è insomma non poco fermento. Il 48% che ha votato “Remain” non sembra accettare la sconfitta forte anche del fatto che molti “Brexiters” sembrano già oggi pentiti del proprio voto. Ma non solo: il motore di ricerca Google ha registrato un picco di ricerche di frasi come “Cosa è la Comunità Europea” e  “Cosa significa lasciare la Comunità Europea” subito dopo la chiusura dei seggi. Inoltre, uno dei cavalli di battaglia della campagna dei “Leave” era la promessa di nuovi fondi, pari a 350 milioni di sterline alla settimana, per il National Health Service, pubblicamente smentita in diretta televisiva Il giorno successivo alle elezioni. 

C’è anche un grosso dubbio sulla capacità di gestire gli effetti di una Brexit, anche perché un piano di azione a quanto pare non esiste, o almeno non è stato discusso pubblicamente. La mole di lavoro legislativo per rinegoziare i contratti commerciali con i 27 paesi dell'Unione non è trascurabile. Il governo non dispone di più di una ventina di esperti in materia di negoziazione. E si parla già di una prima possibile soluzione che vedrebbe le attuali leggi comunitarie trasformate, esattamente come sono, in leggi locali per poi,  solo successivamente, iniziare l'opera di negoziazione che, a detta di molti, potrebbe durare anni. 

A Londra, da dove scrivo, il malcontento è tangibile. Le dimissioni di Cameron erano a parere sia dell'opposizione che del governo in carica dovute: è - si dice da più parti - da irresponsabili scommettere sul futuro del paese per proprie ambizioni politiche. Troppo grossa la posta in gioco per metterla in mano ad un referendum. E, infine, non si cerca di convincere il popolo a votare per rimanere in Europa con lo spauracchio di una possibile recessione e crollo delle borse. Infatti, nella maggioranza dei cittadini inglesi, un certo malcontento economico persiste da tempo, e soprattutto non sono in molti ad avere risparmi investiti in borsa; per di più non scordiamoci che il modo della finanza non gode certo di molta simpatia al di fuori della City. 

Ma più del malcontento, che è la normale reazione dei perdenti, il sentimento che si va diffondendo in queste ore è di vergogna. Vergogna per un voto vinto con una campagna fatta di propaganda, pregiudizi e xenofobia,  tutti “valori” che il popolo Britannico è stato sempre fiero di non possedere. In altri termini, hanno vinto il populismo, il nazionalismo, la disinformazione, l'intolleranza. 

“Riprendiamoci la NOSTRA nazione”, è stato lo slogan dei “Leave”. In molti oggi pensano che quella “vostra” nazione possa diventare adesso un posto inospitale per immigrati, minoranze etniche, gay e tutte quelle persone non incluse nella dichiarazione di Nigel Farage “victory for ordinary, decent people”. Ma speriamo si tratti, almeno per quest’ultimo scenario, solo di un brutto sogno, in una notte di sbronza collettiva. 

(27 giugno 2016)

In Evidenza

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

L’importanza della giustizia amministrativa (di Sergio Fidanzia)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

Oltrepassamento della regolazione. Il nuovo paradigma dei servizi pubblici locali (di Simone Lucattini)

Il nuovo volto delle società pubbliche che erogano servizi d’interesse economico generale può essere osservato anche da una prospettiva per così dire "esterna" rispetto a quella che si concentra sulle deroghe al diritto delle società, sull’estensione a tali società delle discipline sull’attività amministrativa, sulla disciplina applicabile ai dipendenti e sui regimi societari: la prospettiva della regolazione ad opera di autorità amministrative indipendenti. Regolazione che costituisce una presenza condizionante, in grado di incidere sugli assetti e sulle linee d’azione delle società a partecipazione pubblica erogatrici di servizi pubblici a livello locale (acqua, rifiuti, trasporti). Di riflesso, a contatto con il mondo dei servizi pubblici locali e delle partecipate (oggetto di discipline inscindibili destinate a intersecarsi), il paradigma classico della regolazione sembra mutare, evolversi, facendo registrare scostamenti, alterazioni, variazioni di accenti e tonalità.

Leggi tutto...

Magistrati e separazione delle carriere. A proposito di una recente proposta (di Vincenzo Mancini)

 Affrontare un argomento, quale quello della separazione delle carriere dei giudici, richiede molta accortezza e umiltà per la complessità delle questioni in campo e la sensibilità (anche politica) del tema. Per cui è anche necessario essere liberi da  gabbie  ideologiche e condizionamenti di sorta. Operazione mai semplice - per nessuno - ma che voglio comunque tentare.

Leggi tutto...

Francia e Italia: modelli amministrativi a confronto. Un colloquio con Frédéric Puigserver (Conseil d’État) (di Simone Lucattini)

Ho incontrato Frédéric Puigserver, giovane componente del Conseil d’État e allievo dell’École nationale d’administration (ENA), in un recente seminario senese sulla giustizia amministrativa in Francia e Gran Bretagna. Ne è seguita una lunga "chiaccherata" su amministrazione e giustizia, presidenziali francesi, Europa; sullo sfondo delle vie di Siena, tra il Duomo e il Palazzo Pubblico, dove risplende l’affresco del Buono e del Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti… Di lì a poco si sarebbe celebrato il secondo turno delle presidenziali, con la vittoria di Macron.

Leggi tutto...

Valori e disvalori del lavoro: è giusta la meritocrazia? (di José Angel Lombo)

Che il Papa Francesco fosse specialmente sensibile alla realtà concreta e più specificamente al mondo dei lavoratori, era realtà ormai conosciuta. E che fosse persona diretta che non ama troppo i giri di parole, non era nascosto a nessuno. Ma nella sua recente visita allo stabilimento Ilva, durante il viaggio a Genova, ha puntato il dito verso una questione molto più profonda delle condizioni esistenziali - già di per sé drammatiche - dei lavoratori metalmeccanici.

Il contesto era particolarmente interessante ed emblematico, dal momento che contava sulla presenza di imprenditori, rappresentanti sindacali, impiegati e anche di persone disoccupate. In un certo senso si poteva considerare un campione dell’intera società italiana (e non solo).

Leggi tutto...

Un Game of Thrones in salsa saudita (di Fabio Nicolucci)

Da anni è ormai in atto una dura "guerra di successione" al trono in Arabia Saudita. E’ di qualche giorno fa la decisione del re Salman (81 anni) di saltare la linea di successione (tracciata d’accordo con il precedente re, suo fratello Abdallah) e di nominare al posto del Principe ereditario Mohammed bin Nayaf (57 anni) direttamente il proprio figlio Mohammed bin Salman (31). Una sorta di "golpe bianco", soprattutto per la discontinuità generazionale.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA