logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

 

Keep calm and carry on? (a proposito di Brexit)

di Franco Mancini

C’è una parola in Inglese che non trova un corrispettivo esatto nel vocabolario italiano: “hangover” traducibile più o meno come “postumi da sbornia”. 

 In 20 anni di lavoro nella City di Londra, dove è rito uscire il giovedì sera a bere birra con i colleghi, di hangovers ne ho gestiti tanti ma mai come quello con cui mi sono svegliato Venerdì 24 Giugno. E pensare che non sono uscito la sera prima, attaccato alla televisione a seguire gli exit polls del referendum.  Credo che Venerdì 24 molti Britannici, e non, si siano svegliati con l’hangover.  1,2 milioni di voti hanno dato la vittoria ai “Leave” . I numeri parlano chiaro: i giovani (18-24 anni) hanno votato “Remain” , gli “over 65” hanno votato “Leave” .  Se il diritto di voto fosse stato esteso ai 16/17 enni (1,42 milioni) il “Remain” sarebbe arrivato all'82%: circa 1.2 milioni di voti, per l'appunto, che avrebbero probabilmente cambiato le sorti del referendum.

Un altro aspetto aspetto statistico interessante, evidenziato nella tabella qui sotto, sta nel fatto che i giovani (età media 21 anni) con un'aspettativa di vita di 90 anni, si troveranno a gestire le conseguenze di questa decisione per i prossimi 70 anni, mentre gli “over 65” che hanno votato per uscire, solamente 16 anni.

 tab

Non so se questa volta il popolo britannico riuscirà a “Keep calm and carry on” . Almeno non sembra cosi. La Scozia parla già di un referendum per rimanere in Europa e staccarsi dal Regno Unito, così come l'Irlanda del Nord per non parlare della petizione; per annullare il referendum che in 24 ore ha già raccolto quasi 3 milioni di firme. C'è insomma non poco fermento. Il 48% che ha votato “Remain” non sembra accettare la sconfitta forte anche del fatto che molti “Brexiters” sembrano già oggi pentiti del proprio voto. Ma non solo: il motore di ricerca Google ha registrato un picco di ricerche di frasi come “Cosa è la Comunità Europea” e  “Cosa significa lasciare la Comunità Europea” subito dopo la chiusura dei seggi. Inoltre, uno dei cavalli di battaglia della campagna dei “Leave” era la promessa di nuovi fondi, pari a 350 milioni di sterline alla settimana, per il National Health Service, pubblicamente smentita in diretta televisiva Il giorno successivo alle elezioni. 

C’è anche un grosso dubbio sulla capacità di gestire gli effetti di una Brexit, anche perché un piano di azione a quanto pare non esiste, o almeno non è stato discusso pubblicamente. La mole di lavoro legislativo per rinegoziare i contratti commerciali con i 27 paesi dell'Unione non è trascurabile. Il governo non dispone di più di una ventina di esperti in materia di negoziazione. E si parla già di una prima possibile soluzione che vedrebbe le attuali leggi comunitarie trasformate, esattamente come sono, in leggi locali per poi,  solo successivamente, iniziare l'opera di negoziazione che, a detta di molti, potrebbe durare anni. 

A Londra, da dove scrivo, il malcontento è tangibile. Le dimissioni di Cameron erano a parere sia dell'opposizione che del governo in carica dovute: è - si dice da più parti - da irresponsabili scommettere sul futuro del paese per proprie ambizioni politiche. Troppo grossa la posta in gioco per metterla in mano ad un referendum. E, infine, non si cerca di convincere il popolo a votare per rimanere in Europa con lo spauracchio di una possibile recessione e crollo delle borse. Infatti, nella maggioranza dei cittadini inglesi, un certo malcontento economico persiste da tempo, e soprattutto non sono in molti ad avere risparmi investiti in borsa; per di più non scordiamoci che il modo della finanza non gode certo di molta simpatia al di fuori della City. 

Ma più del malcontento, che è la normale reazione dei perdenti, il sentimento che si va diffondendo in queste ore è di vergogna. Vergogna per un voto vinto con una campagna fatta di propaganda, pregiudizi e xenofobia,  tutti “valori” che il popolo Britannico è stato sempre fiero di non possedere. In altri termini, hanno vinto il populismo, il nazionalismo, la disinformazione, l'intolleranza. 

“Riprendiamoci la NOSTRA nazione”, è stato lo slogan dei “Leave”. In molti oggi pensano che quella “vostra” nazione possa diventare adesso un posto inospitale per immigrati, minoranze etniche, gay e tutte quelle persone non incluse nella dichiarazione di Nigel Farage “victory for ordinary, decent people”. Ma speriamo si tratti, almeno per quest’ultimo scenario, solo di un brutto sogno, in una notte di sbronza collettiva. 

(27 giugno 2016)

In Evidenza

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

La valutazione delle performance per il miglioramento della regolazione (di Nicolò Di Gaetano)


“Se non si può misurare qualcosa, non si può migliorare”
(Lord Kelvin)

Come recita l’economia classica, in realtà ampiamente contraddetta dai teorici dell‘economia comportamentale con cui è stato di recente vinto un Nobel (Richard Thaler), in un mercato libero perfettamente concorrenziale e senza asimmetrie informative, il consumatore è in grado di poter scegliere il proprio fornitore attraverso la comparazione dei prezzi e della qualità dei beni (o dei servizi) che si accinge a comprare per soddisfare le proprie necessità. In questo mondo perfetto è la concorrenza che induce gli attori del mercato ad un continuo miglioramento delle proprie performance, soprattutto per generare quel profitto che è alla base della propria ragion di essere accanto all’accettabilità sociale e sempre più spesso ambientale che inizia a contraddistinguere alcune realtà più avanzate.

Leggi tutto...

Regolare la complessità del settore idrico (di Elena Gallo)

 

Leggi l'articolo in pdf qui

Leggi tutto...

L’industria dei servizi pubblici. Un dialogo con Stefano Venier (di Simone Lucattini)

Stefano Venier è alla guida di una delle più grandi multiutility italiane, Gruppo Hera, che opera nei settori dell’energia, dell’idrico e dei rifiuti, dovendosi quindi confrontare ogni giorno con diverse strutture di mercato e sistemi di regolazione.

Leggi tutto...

Lo stato delle tasse e delle mance (di Michele Governatori)

Una volta ancora quest’anno, in preparazione alla Legge di Stabilità, è arrivato il voto parlamentare necessario per Costituzione (la quale prevede il principio dell’equilibrio di bilancio) a permettere un deficit dei conti pubblici.

Qual è la strategia politica sottesa, in questa scelta? Quella di uno Stato sempre più esteso nella sua influenza nell’economia, spacciata per lo più come stimolo alla “crescita”, ma che nel contempo si permette di restare inefficace nei settori che invece sicuramente gli attengono, e la cui deficienza altrettanto sicuramente ha effetti negativi sulla crescita, in primis istruzione, giustizia e garanzia di legalità, burocrazia.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA