logo il merito

home paralax 00

Innovazione nelle PMI: tutto e subito è possibile?

La lezione imparata da un caso studio

di Francesco Fatone e Fabiana Fantinel

Secondo il barometro dell’innovazione in Europa (“INNOBAROMETER 2015 - THE INNOVATION TRENDS AT EU ENTERPRISES” [1]) circa il 72% delle aziende, dal 2012, ha introdotto innovazioni nella propria struttura, sperimentando sostanziali incrementi di business e profitti.

In questo quadro, le Piccole e Medie Imprese (PMI) sono le principali destinatarie delle politiche di supporto all’innovazione sviluppate dalla Commissione Europea, avendo dimostrato, sì, forti capacità e potenzialità, ma anche incontrato maggiori difficoltà nella commercializzazione di prodotti e servizi innovativi [2].

In tale contesto Horizon2020 [3] costituisce uno dei principali strumenti con cui la Commissione Europea promuove fattivamente l’innovazione e, dunque, la crescita e lo sviluppo sostenibile. Horizon2020 è il più grosso programma per Ricerca ed Innovazione finanziato dalla Comunità Europea, con circa € 80 miliardi di budget in 7 anni (dal 2014 al 2020), in aggiunta agli investimenti privati associati al programma, ed ha un obiettivo principe di rendere possibile il successo commerciale di innovazioni magari ferme allo stadio di laboratorio. Nonostante molti casi di successo, il potenziale di questi strumenti non è sempre percepito e, quindi, utilizzato come dovrebbe, ovvero come strategica leva di sviluppo del business aziendale. Lo scenario è ancora più complesso nel contesto dell’economia circolare [4], laddove prodotti e sistemi innovativi sono la chiave del successo di sfidanti politiche economiche.

Chi scrive segue quotidianamente le proposte e le azioni innovative messe in campo col programma Horizon2020. Ciò consente di interagire con le PMI e di discutere, quindi, con loro di prospettive di mercato con orizzonti temporali non immediati, magari di 5-10 anni. In queste interlocuzioni emerge, da parte delle PMI, una certa diffidenza nei confronti degli obbiettivi di innovazione a più alto livello, ed i fondi Europei vengono visti, opportunisticamente, come puro e semplice finanziamento per coprire costi “ordinari”, ad esempio per l’acquisto di nuovi macchinari o per il personale. In sostanza, il valore strategico dei progetti Europei non viene spesso percepito e, di conseguenza, non viene adeguatamente sfruttato l’accesso a strumenti di innovazione sia tecnologica che di business, riducendo in questo modo, sia il potenziale di crescita per le PMI, che il ritorno per l’investitore pubblico.

Alla affannosa ricerca di risposte sul perché sia tanto difficile coniugare il “Merito” di imprese dinamiche, che vogliano veramente crescere, con una “Pratica per lo sviluppo” comunitaria, sono andato a trovare s Fabiana Fantinel, dottore di ricerca in chimica all’Università di Padova, MBA alla Manchester University, diversi anni di esperienza in R&S&I e grosse aziende multinazionali, ed oggi managing partner presso InnoEXC in Svizzera.

Dai miei interrogativi e dalla sua esperienza pratica è nato questo dialogo.

Dott. ssa Fantinel, da dove deriva, a suo avviso, la diffidenza delle PMI verso strumenti di innovazione nel contesto di progetti finanziati in ambito europeo, tipo Horizon2020?

La diffidenza deriva probabilmente dall’intersezione tra settore privato e settore pubblico che in questi progetti lavorano fianco a fianco, con la conseguente percezione di perdita di controllo da parte delle PMI che invece sono abituate ad un processo decisionale completamente interno e snello. Inoltre il settore pubblico viene percepito come distante per visione e per obbiettivi, in particolare riguardo all’orientamento rispetto a competitività e profittabilità aziendale.

Perchè Horizon2020 spesso non viene visto come importante opportunità di crescita per le PMI?

Le PMI sono spesso sotto pressione per migliorare i propri margini, quindi l’orizzonte temporale accettabile di ritorno per gli investimenti è tendenzialmente molto breve, e per lo più con basso rischio. Muoversi in un ambito più ampio espone le PMI a incognite legate al contesto e ciò determina una chiusura nei confronti delle opportunità di crescita fornite dalla partecipazione a progetti di innovazione, che vengono visti come mezzi di finanziamento immediato o a breve-medio termine.

Qual´è la possibile soluzione?

La possibile soluzione passa dalla conciliazione tra visione “privata” della PMI e una visione più ampia del contesto Europeo. In altre parole, le PMI dovrebbero riconoscersi in obbiettivi a più alto livello e riuscire ad identificare chiaramente il proprio vantaggio competitivo nel contesto Europeo. Molto spesso invece le PMI hanno una conoscenza limitata del più ampio contesto in cui si muovono. Questo gap deve essere assolutamente colmato, se si vuole che gli investimenti pubblici in innovazione strategica siano realmente tali e non si trasformino in co-finanziamenti a fondo perduto, erogati alle PMI per abbattere costi interni.

Come si può attuare questo concetto?

Non c’è una sola strada ed è difficile generalizzare. Sicuramente si potrebbe innanzitutto migliorare la partecipazione delle PMI ed il loro livello di conoscenza: mediante workshops e seminari mirati, che illustrino casi di successo, con margini di profitto realizzati in 5-10 anni dal termine del progetto. Un’altra possibile strada è la creazione di punti intermedi rappresentati da coaches e incubatori, ovvero professionisti ed aziende che guidino le PMI nell’identificazione dei programmi di finanziamento più convenienti. Questi nodi intermedi dovrebbero anche effettuare un pre-screening dei partecipanti ai bandi di finanziamento pubblico e, più in generale, evitare l’allocazione di finanziamenti pubblici con finalità puramente opportunistica. In questa prospettiva una rete intermedia, pur essendo un costo aggiuntivo, può davvero garantire una maggiore focalizzazione dell’investimento pubblico sull´innovazione. Ovviamente, per funzionare la rete intermedia dovrebbe essere selezionata con criteri rigorosissimi e con procedure iper-trasparenti.

Quali sono i rischi?

Il rischio maggiore è quello di rendere più complesso il meccanismo per la partecipazione di PMI a programmi di innovazione finanziati e, allo stesso tempo, di non riuscire a sostenere il sistema a livello nazionale, per mancanza di risorse qualificate e di competenze specifiche. Quindi la realizzazione di un grado maggiore di interazione, per garantire una crescita strategica prima di tutto interna alle PMI, è sicuramente una grande sfida che va affrontata tenendo conto di caratteristiche socio-economiche particolari e locali. Spesso l’Europa considera tutte le PMI allo stesso modo, senza considerare le sostanziali differenze locali che tanto influenzano il modello di business, anche a parità di taglia e contesto di mercato.

Come si puó facilitare il cambiamento?

Dando maggiore visibilità agli esempi di successo, dove per successo si intende business e posti di lavori creati dopo la fine del progetto, non abbattimento dei costi interni grazie a fondi europei.

REFERENZE

[1] https://ec.europa.eu/growth/industry/innovation/facts-figures/innobarometer_en

[2] http://ec.europa.eu/growth/industry/innovation_en

[3] http://ec.europa.eu/programmes/horizon2020/

[4] https://www.ellenmacarthurfoundation.org/circular-economy

 

29 settembre 2016

In Evidenza

Il ruolo delle utility nello sviluppo delle megacity elettriche (di Angelo Facchini)

 Nel 2015, durante la Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è stato riconosciuto alle città un ruolo fondamentale nel contenimento delle emissioni serra e nella lotta ai cambiamenti climatici.   

A oggi il sistema urbano mondiale contribuisce a oltre il 70% delle emissioni di gas a effetto serra, e la crescente urbanizzazione, in particolare nei paesi emergenti e in via di sviluppo, pone il problema della crescita urbana sostenibile nei prossimi anni.

Leggi tutto...

Società a partecipazione pubblica e giurisdizione amministrativa (di Antonio De Vita)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

L’importanza della giustizia amministrativa (di Sergio Fidanzia)

 L'articolo è disponibile qui in formato PDF

Oltrepassamento della regolazione. Il nuovo paradigma dei servizi pubblici locali (di Simone Lucattini)

Il nuovo volto delle società pubbliche che erogano servizi d’interesse economico generale può essere osservato anche da una prospettiva per così dire "esterna" rispetto a quella che si concentra sulle deroghe al diritto delle società, sull’estensione a tali società delle discipline sull’attività amministrativa, sulla disciplina applicabile ai dipendenti e sui regimi societari: la prospettiva della regolazione ad opera di autorità amministrative indipendenti. Regolazione che costituisce una presenza condizionante, in grado di incidere sugli assetti e sulle linee d’azione delle società a partecipazione pubblica erogatrici di servizi pubblici a livello locale (acqua, rifiuti, trasporti). Di riflesso, a contatto con il mondo dei servizi pubblici locali e delle partecipate (oggetto di discipline inscindibili destinate a intersecarsi), il paradigma classico della regolazione sembra mutare, evolversi, facendo registrare scostamenti, alterazioni, variazioni di accenti e tonalità.

Leggi tutto...

Magistrati e separazione delle carriere. A proposito di una recente proposta (di Vincenzo Mancini)

 Affrontare un argomento, quale quello della separazione delle carriere dei giudici, richiede molta accortezza e umiltà per la complessità delle questioni in campo e la sensibilità (anche politica) del tema. Per cui è anche necessario essere liberi da  gabbie  ideologiche e condizionamenti di sorta. Operazione mai semplice - per nessuno - ma che voglio comunque tentare.

Leggi tutto...

Francia e Italia: modelli amministrativi a confronto. Un colloquio con Frédéric Puigserver (Conseil d’État) (di Simone Lucattini)

Ho incontrato Frédéric Puigserver, giovane componente del Conseil d’État e allievo dell’École nationale d’administration (ENA), in un recente seminario senese sulla giustizia amministrativa in Francia e Gran Bretagna. Ne è seguita una lunga "chiaccherata" su amministrazione e giustizia, presidenziali francesi, Europa; sullo sfondo delle vie di Siena, tra il Duomo e il Palazzo Pubblico, dove risplende l’affresco del Buono e del Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti… Di lì a poco si sarebbe celebrato il secondo turno delle presidenziali, con la vittoria di Macron.

Leggi tutto...

Valori e disvalori del lavoro: è giusta la meritocrazia? (di José Angel Lombo)

Che il Papa Francesco fosse specialmente sensibile alla realtà concreta e più specificamente al mondo dei lavoratori, era realtà ormai conosciuta. E che fosse persona diretta che non ama troppo i giri di parole, non era nascosto a nessuno. Ma nella sua recente visita allo stabilimento Ilva, durante il viaggio a Genova, ha puntato il dito verso una questione molto più profonda delle condizioni esistenziali - già di per sé drammatiche - dei lavoratori metalmeccanici.

Il contesto era particolarmente interessante ed emblematico, dal momento che contava sulla presenza di imprenditori, rappresentanti sindacali, impiegati e anche di persone disoccupate. In un certo senso si poteva considerare un campione dell’intera società italiana (e non solo).

Leggi tutto...

Un Game of Thrones in salsa saudita (di Fabio Nicolucci)

Da anni è ormai in atto una dura "guerra di successione" al trono in Arabia Saudita. E’ di qualche giorno fa la decisione del re Salman (81 anni) di saltare la linea di successione (tracciata d’accordo con il precedente re, suo fratello Abdallah) e di nominare al posto del Principe ereditario Mohammed bin Nayaf (57 anni) direttamente il proprio figlio Mohammed bin Salman (31). Una sorta di "golpe bianco", soprattutto per la discontinuità generazionale.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA