logo il merito

ISSN 2532-8913

home paralax 00

Dialogo sulle start-up (con Federico Zuin)

di Edoardo Giuseppe Ruscio

 

 

Federico Zuin rappresenta un bell’esempio di come l’innovazione e l’imprenditorialità possano camminare insieme. “Economista prestato alla tecnologia o tecnologo prestato all’economia”, come ama definirsi, Federico Zuin, dopo una serie di esperienze formative e lavorative presso importanti realtà quali Aeroporto di Venezia S.p.A, Stargas Shipping Group, Andersen Consulting, Accenture e Telecom Italia, dal 2009 svolge la propria attività imprenditoriale esclusivamente nel settore IT (Information and Communications Technology), dove ha dato vita ad alcune interessanti start-up, quali Smart Information Technology, Consoft Consulting e, da ultimo, Mashfrog Plus Corporate Solutions, di cui è attualmente CEO.

Dottor Zuin, innovazione e merito come convivono nelle sue aziende?

La meritocrazia è alla base di tutto e ritengo debba essere valutata in modo oggettivo, attraverso metriche chiare e predefinite. L’esperienza mi porta a dire che, spesso, chi merita ha anche le migliori idee e che queste possono essere recepite solo in contesti aperti all’innovazione. Merito e innovazione sono come una catena composta di tanti anelli: ogni anello deve essere trovare il suo esatto posto per chiudere il cerchio. Fuor di metafora, non è possibile innovare veramente in contesti chiusi, dove le buone pratiche vengono messe da parte per paura di cambiare abitudini; e basta un solo anello mal posizionato per pregiudicare il risultato, anche di un’idea vincente.

Le start-up e i finanziamenti agevolati sono in grado di sostenere la vera innovazione?

In Italia è tutto complicato. Manca un vero e proprio sistema che integri efficacemente gli incubatori, come i sistemi universitari o i business angels, con le banche e le istituzioni.

Inoltre, nel nostro Paese è molto raro il mindset dell’investitore che finanzia idee piuttosto che progetti garantiti da fidejussioni o altre forme di garanzia. In Italia le start-up, al 90%, sono appannaggio di imprenditori (già) di successo e non, come invece dovrebbe essere, delle nuove generazioni.

Cosa pensa dei modelli organizzativi flessibili con riferimento alle start-up?

Condivido pienamente la logica di modelli organizzativi che legano la prestazione professionale esclusivamente al raggiungimento dell’obiettivo. Non importa “dove”, ma “come” e anche nei “tempi” richiesti. Soprattutto nelle start-up un simile approccio aiuta a generare, fin da subito, una cultura della responsabilità. Un buon risultato aziendale combina, infatti, cultura della responsabilità e cultura del merito.

Come valuta le start-up innovative e tecnologiche introdotte con il decreto “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”?

Rappresentano un passo avanti di semplificazione, e soprattutto, di agevolazione per coloro che desiderano avvicinarsi al mondo imprenditoriale. Ma non sono sufficienti. Quello che manca, come ho già affermato, è la finanziabilità di idee vincenti, al netto di richieste di garanzie, impensabili per un giovane imprenditore.

È necessario inoltre un ecosistema più orientato all’innovazione, in cui l’assetto bancario gioca un ruolo fondamentale. Per farlo è necessario migliorare la distanza tra chi fa le leggi e gli attori privati che lavorano per far crescere il sistema impresa.

Cosa ne pensa della sharing economy o economia della condivisione?

È un meccanismo molto interessante - certamente un’evoluzione - che nasce con una certa naturalezza e cerca di rispondere ai bisogni effettivi delle persone. Nel prossimo decennio le aziende che saranno in grado di leggere questo fabbisogno raddoppieranno i fatturati. Uno studio di PriceWaterhouse Coopers afferma che, entro il 2020, il giro d’affari in Europa, come fatturato, della sharing economy potrebbe raggiungere circa 500 miliardi di euro. Inoltre, la sharing economy cambia le nostre abitudini in modo radicale e in qualche modo ci rende anche più liberi dai problemi di ogni giorno.

Quali opportunità scorge nel mercato delle start-up?

Come esperto di big data, posso dire che la gestione efficace di una significativa mole di dati rappresenta una delle attività maggiormente richieste dagli attori economici. Il big data costituisce, infatti, una leva di efficientamento molto importante, che aiuterà, sempre più, le aziende ad essere competitive e reattive ai cambiamenti che i mercati impongono. Non a caso, gran parte delle migliori società IT, negli ultimi anni, hanno fatto significativi investimenti proprio nello sviluppo di Big Data System.

Quali sono le maggiori criticità del Big Data?

E’ importante che chi governa il dato abbia, anzitutto, chiare le necessità d’analisi. In un mercato come quello odierno, liberalizzato, la regolazione assume un ruolo fondamentale soprattutto per prevenire condotte commerciali scorrette e per dare la giusta proporzionalità tra l’analisi dei dati e l’impiego effettivo, concreto.

Soprattutto le istituzioni dedicate alla regolazione devono definire principi chiari di utilizzo dei dati per garantire la certezza delle regole e la verificabilità efficace di condotte poco chiare. Se vengono meno questi due requisiti viene meno la credibilità del mercato e quindi anche degli investimenti dei privati.

In chiusura, cosa consiglierebbe ad un giovane laureato, che magari voglia avviare una start-up?

Direi di rivolgersi, oltre che agli incubatori universitari o privati, anche direttamente ad aziende che hanno un profilo in linea con la propria idea imprenditoriale. Nel caso di Mashfrog, ad esempio, avendo i soci fondatori un dna da – mi si consenta – “startupper seriali”, è capitato di aiutare neolaureati supportandoli nella fase iniziale del progetto o consigliandoli a chi rivolgersi. Se si ha una buona idea comunque è importante non fermarsi ai primi ostacoli. Anzi superare tali ostacoli può servire da allenamento per percorrere una strada avvincente.

 (03/12/2016)

 

In Evidenza

Le autorità indipendenti come hub della classe dirigente (amministrativa, professionale, tecnico-economica) (di Guido Bortoni)

“Coltivare e custodire” una classe dirigente è, da un lato, l’obiettivo principale per un Paese occidentale moderno e, dall’altro, è diventato per l’Italia il problema dei problemi.

Leggi tutto...

Le nuove frontiere dell’antitrust. Un dialogo con Roberto Chieppa (di Simone Lucattini)

Meriti “del” e “nel” mercato: meriti individuali - di singoli e imprese - e capacità del mercato di far emergere tali meriti. Di questo, e di molto altro (merito nella pubblica amministrazione e buone pratiche della regolazione), si parlò nel I convegno della nostra Rivista dal titolo “Merito e Crescita” (Università Luiss Guido Carli, 9 giugno 2016). A distanza di più di un anno da quella occasione congressuale abbiamo pensato di proseguire il dialogo avviato allora con Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Un dialogo sulle recenti tendenze nel diritto antitrust a livello italiano ed europeo.

Leggi tutto...

Scuole di eccellenza in Francia (di Frédéric Puigserver)

Introduzione

Mi pare importante evidenziare fin da subito come il programma di questo convegno menzioni – in francese – il termine "élite". La Francia è, infatti, senza dubbio un riferimento per discutere di questo tema.

Sono molto lieto di partecipare a questa discussione, personalmente ed anche come rappresentante di ciò che viene prodotto dal sistema francese di selezione delle “élite” amministrative, in quanto mi sono laureato in una grande école francese – cioè un tipo di università selettiva che abbiamo in Francia – come ingegnere, poi ho frequentato la Scuola Nazionale di Amministrazione (ENA) e attualmente sono membro del Consiglio di Stato. Inoltre, ho avuto alcune responsabilità presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi – che chiamiamo “Sciences Po”, che è anche una grande école francese e che ha significativamente contribuito al dibattito che ci riunisce oggi, come spigherò più tardi.

Leggi tutto...

Economia, etica e onestà... intellettuale (di Paolo Zanotto)

«Tate, che cosa significa etica?».«Ti faccio un esempio: un cliente entra nel negozio mio e di Bär, compera della merce per sessanta fiorini e paga con una banconota da cento. Improvvisamente mi accorgo che si è dimenticato di chiedermi il resto. A quel punto subentra l’etica: devo tenermi tutti i quaranta fiorini o devo dividerli con il mio socio Bär?»I.

La tesi che si è cercato di argomentare in un volume pubblicato qualche anno fa è che il sistema economico-sociale che ha caratterizzato il mondo occidentale moderno garantendo secoli di benessere e crescita economica si è gradualmente snaturato, smarrendo la propria “anima”, cosicché il suo corpo appare ormai sfibrato e ammalato.

Leggi tutto...

La valutazione delle performance per il miglioramento della regolazione (di Nicolò Di Gaetano)


“Se non si può misurare qualcosa, non si può migliorare”
(Lord Kelvin)

Come recita l’economia classica, in realtà ampiamente contraddetta dai teorici dell‘economia comportamentale con cui è stato di recente vinto un Nobel (Richard Thaler), in un mercato libero perfettamente concorrenziale e senza asimmetrie informative, il consumatore è in grado di poter scegliere il proprio fornitore attraverso la comparazione dei prezzi e della qualità dei beni (o dei servizi) che si accinge a comprare per soddisfare le proprie necessità. In questo mondo perfetto è la concorrenza che induce gli attori del mercato ad un continuo miglioramento delle proprie performance, soprattutto per generare quel profitto che è alla base della propria ragion di essere accanto all’accettabilità sociale e sempre più spesso ambientale che inizia a contraddistinguere alcune realtà più avanzate.

Leggi tutto...

Regolare la complessità del settore idrico (di Elena Gallo)

 

Leggi l'articolo in pdf qui

Leggi tutto...

L’industria dei servizi pubblici. Un dialogo con Stefano Venier (di Simone Lucattini)

Stefano Venier è alla guida di una delle più grandi multiutility italiane, Gruppo Hera, che opera nei settori dell’energia, dell’idrico e dei rifiuti, dovendosi quindi confrontare ogni giorno con diverse strutture di mercato e sistemi di regolazione.

Leggi tutto...

Lo stato delle tasse e delle mance (di Michele Governatori)

Una volta ancora quest’anno, in preparazione alla Legge di Stabilità, è arrivato il voto parlamentare necessario per Costituzione (la quale prevede il principio dell’equilibrio di bilancio) a permettere un deficit dei conti pubblici.

Qual è la strategia politica sottesa, in questa scelta? Quella di uno Stato sempre più esteso nella sua influenza nell’economia, spacciata per lo più come stimolo alla “crescita”, ma che nel contempo si permette di restare inefficace nei settori che invece sicuramente gli attengono, e la cui deficienza altrettanto sicuramente ha effetti negativi sulla crescita, in primis istruzione, giustizia e garanzia di legalità, burocrazia.

Leggi tutto...

NEL MERITO

IN PRATICA